12 gli arresti nell'ambito dell'operazione dei CC di Brindisi

De Magistris “Ecco perchè è stato arrestato Velluzzi. ASE non c’entra”

Velluzzi "avrebbe prodotto la documentazione necessaria, in modo occulto, in maniera da favorire la Reteservizi SRL nell’aggiudicazione dei bandi di gara"


Di:

Brindisi/Manfredonia, 23 ottobre 2017. ”A noi inquirenti non era nota la cessazione dell’incarico del Velluzzi (da Direttore generale dell’ASE, durato “fino alla fine del gennaio 2017“,ndr). All’epoca dei fatti, delle indagini, svolgeva ancora quel ruolo. Tra l’altro, era anche consulente esterno di diversi Comuni. Quando è stato sottoposto ad indagini rivestiva ancora l’incarico di direttore generale dell’ASE. Ma sia chiaro: non c’è alcun coinvolgimento dell’azienda di Manfredonia, tantomeno del Comune sipontino”.

Operazione «Hydra»

E’ quanto ha detto in esclusiva a StatoQuotidiano il Comandante del Comando provinciale dei carabinieri di Brindisi, Colonnello Giuseppe De Magistris, in merito (come da nota stampa dei CC) ”all’odierna esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e agli aa.dd. emessa dal GIP del Tribunale di Brindisi, concordante con le risultanze investigative prodotte dalla Compagnia di San Vito dei Normanni, a cura dei militari del Comando Provinciale Carabinieri di Brindisi, in vari comuni delle province di Brindisi e Bari, nonché nella città di Potenza, nei confronti di 12 persone, fra le quali due sindaci [Torchiarolo e Villa Castelli (BR)] e due vicesindaci [Poggiorsini (BA) e Torchiarolo], nonché vari dirigenti di uffici tecnici comunali, incaricati di pubblico servizio e il (già,ndr) Direttore Generale dell’Azienda di Servizi Ecologici di Manfredonia (FG)” (come riferito a StatoQuotidiano, Velluzzi è stato d.g. dell’ASE SpA di Manfredonia “fino al gennaio del 2017”,ndr).

Dalla pagina ufficiale su facebook del Comune di Manfredonia. ”In merito alla notizia secondo la quale sarebbe stato arrestato il direttore generale dell’ASE, si chiarisce e precisa che il dottor Velluzzi NON RICOPRE PIU’ tale incarico in seno all’azienda comunale partecipata SIN DALL’1 FEBBRAIO SCORSO (…)”.

“Delitti contro la p.a. commessi fino al novembre 2015, fatti accaduti nelle Province di Bari e Brindisi”

”La misura coercitiva personale della custodia cautelare è stata emessa “Nei confronti di 12 soggetti, alcuni dei quali preposti alla gestione degli interessi della P.A., appartenenti sia alla sfera politica, sia a quella amministrativa di diversi enti locali, tra cui sindaci, dirigenti comunali, pubblici ufficiali, che, in cambio di utilità varie, (economiche, sessuali), che avrebbero favorito gli interessi della Rete Servizi S.r.l., società di raccolta rifiuti urbani, intestata formalmente a due donne, ma in realtà gestita da Pecere Angelo e Leobilla Pasquale”, scrivono gli inquirenti”.

I reati contestati complessivamente – e non per ogni indagato – nell’ambito delle indagini

” – Associazione per delinquere (Art. 416 C.P.);
– Corruzione continuata e aggravata per atti contrari ai doveri d’ufficio (Artt. 81-319-319 bis-321 C.P.);
– Concorso in finanziamento illecito dei partiti politici (Art. 110 C.P., comma 2 legge 2 maggio 1974, n.195);
– Concorso in falsa testimonianza (Art. 110-372 C.P.);
– Corruzione continuata per l’esercizio della funzione (Artt. 81-318-321 C.P.);
– Favoreggiamento della prostituzione (Artt. 81,110C.P., comma 2 n.8 Legge 20 febbraio 1958 n.75);
– False dichiarazioni sulla identità altrui (496 C.P.);
– Falsità per induzione in certificati amministrativi (Artt. 48-483 C.P.)
– Concorso in falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in certificati o autorizzazioni amministrative (Artt. 110-477- 482-61,n.2 C.P.);
– Concorso in truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche (Artt.81-110-640 bis C.P.). ”

”L’attività, avviata nel novembre 2014, ha consentito di disarticolare un’associazione per delinquere finalizzata alla commissione di più delitti contro la p.a., il patrimonio, la fede pubblica e l’amministrazione della giustizia, commessi fino al novembre 2015, per fatti accaduti nelle Province di Bari e Brindisi”.

Comuni interessati

Come da nota stampa degli inquirenti :
Torchiarolo . Elezioni comunali 2015, appoggio elettorale al candidato Sindaco Serinelli Nicola, accertato un finanziamento illecito di € 3.000,00 (anche all’opposizione), in cambio dell’appalto a favore della «Reteservizi srl»”.

Villa Castelli . Elezioni comunali 2014, appoggio elettorale al candidato Sindaco Caliandro Vitantonio, accertato un finanziamento illecito di € 5.000,00, in cambio dell’appalto a favore della «Reteservizi srl»”.

Comune di Poggiorsini
”Il Vice Sindaco Selvaggi, tramite le sue funzioni, avrebbe garantito alla Reteservizi SRL una corsia preferenziale nell’esecuzione della fornitura e messa in opera di un impianto
di autocompostaggio, in cambio dell’assunzione di dipendenti dallo stesso indicati”.

“Le indagini”

Le indagini hanno permesso di:
– individuare esponenti della p.a., sia preposti alla sfera politica che amministrativa di diversi enti locali, segnatamente comuni, dediti ad un sistematico mercimonio dei poteri pubblici loro assegnati, attraverso asservimento agli interessi privati di una società per la raccolta di rifiuti solidi e urbani con sede in Carovigno (BR), attraverso reiterate violazioni dei doveri di imparzialità, correttezza e buon andamento dell’operato della p.a.;

– evidenziare condotte di finanziamento illecito dei partiti politici e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, nonché favoreggiamento della prostituzione, molteplici ipotesi delittuose di falso e altri reati minori, finalizzate a sostenere il buon esito dei patti corruttivi.

Destinatari della misura

Come da nota stampa degli inquirenti :
I promotori . I soggetti, formalmente impiegati a vario titolo nella Reteservizi Srl, avrebbero gestito e programmato attività economiche, con compiti di decisione, pianificazione e individuazione delle strategie delittuose, promuovendo e organizzando un’associazione a delinquere finalizzata a commettere più delitti contro la P.A., il patrimonio, la fede pubblica e l’amministrazione della giustizia, in particolare per reati corruttivi, di finanziamento illecito dei partiti, di favoreggiamento della prostituzione e di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Destinatari della misura
Come da nota stampa degli inquirenti :
Il referente dell’Associazione nella P.A. : Giusepe Velluzzi. “Consulente dell’Ufficio Tecnico del Comune di Poggiorsini, Biccari e delle Isole Tremiti, avrebbe prodotto la documentazione necessaria, in modo occulto, in maniera da favorire la Reteservizi SRL nell’aggiudicazione dei bandi di gara”.

Esponenti politici . Serinelli Nicola, Sindaco Comune di Torchiarolo. Avrebbe ricevuto denaro come contributo per la campagna elettorale comunale in favore della lista civica «rinnoviAmo Torchiarolo- Nicola Serinelli Sindaco».

Nicolardi Maurizio, Vicesindaco Comune di Torchiarolo. Uomo di fiducia e collaboratore fidato del Sindaco, avrebbe intrattenuto rapporti con il Pecere, interessandosi di far assumere persone vicine, in cambio dell’accordo bonario circa la restituzione di somme di denaro dovute alla Reteservizi dal Comune di Torchiarolo.

Caliandro Pasquale Vitoantonio, Sindaco Villa Castelli. In concorso con Pecere e Leobilla, commetteva «Falsa testimonianza», per aver asserito innanzi al Tribunale di Brindisi, nel corso di un procedimento, che la Reteservizi SRL avesse svolto servizi aggiuntivi rispetto alle originarie previsioni contrattuali. Avrebbe ricevuto denaro quale contributo alla campagna elettorale relativa alle elezioni amministrative del Comune di Villa Castelli, in favore della lista civica «Caliandro» Sindaco. Avrebbe favorito la Reteservizi Srl nell’aggiudicazione di gare d’appalto per la raccolta dei rifiuti in quel comune.

Selvaggi Giovanbattista, Vice Sindaco Poggiorsini (Ba) In cambio di varie utilità avrebbe adottato corsie preferenziali illegittimamente a vantaggio della Reteservizi SRL riguardo potenziamento ed ammodernamento delle strutture dedicate alla raccolta differenziata e all’autocompostaggio, in cambio di assunzioni di soggetti allo stesso vicini.

Responsabile ufficio tecnico.
Zaccaria Michele, responsabile ufficio tecnico comune di Squinzano, per corruzione continuata per l’esercizio della funzione. Nominato componente esperto per l’esame delle offertetecniche relative all’appalto per l’affidamento del servizio pubblico di igiene urbana nell’Ambito di Raccolta Ottimale, associazione tra i comuni di Gallipoli, Alliste, Melissano,
Racale e Taviano, in diverse circostanze, in virtù di medesimo disegno criminoso, avrebbe esercitato le sue funzioni a vantaggio della RETESERVIZI S.r.l., nell’aggiudicazione delle gare d’appalto, in cambio di denaro.

Guarini Giuseppe. Favoreggiamento della prostituzione e false dichiarazioni sull’identità altrui. In qualità di gestore di un hotel sito in Carovigno, interrogato circa la predetta struttura della presenza di una escort, avrebbe reso dichiarazioni mendaci”.

Focus Velluzzi
Da atti, escludendo qualsiasi correlazione con l’Ase di Manfredonia, tantomeno con il Comune sipontino nell’ambito dei fatti sopra riportati, l’ingegnere Giuseppe Velluzzi (indagato nell’ambito dell’odierna operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale Carabinieri di Brindisi), risulta aver svolto tra l’altro attività di progettazione per il Centro comunale raccolta nel I piano di Zona a Manfredonia (det. n.12 del 13.07.2011) ed è risultato essere anche il Progettista architettonico e direttore dei lavori dell’impianto di biogas da biomassa vegetale realizzato a Manfredonia, a nord della DI/46 (interessata dagli insediamenti del Patto territoriale).

Sempre da atti, nell’ambito della “predisposizione della documentazione tecnico-economica per la presentazione della proposta di intervento per la realizzazione di un impianto per la produzione di compost” a Manfredonia, “a seguito dell’espletamento della gara, è stato affidato l’incarico per la predisposizione della proposta progettuale al R.T.I., costituito da: “Ingegneria Ambientale s.r.l.”, (mandataria) ed Ing. Velluzzi (mandante)“.

Come evidenziato, non vi sono legami tra gli incarichi e le attività citate e l’odierna operazione dei Carabinieri di Brindisi.

Ase, selezione pubblica per assunzione nuovo Direttore generale

Attualmente sul sito dell’Ase di Manfredonia è ancora presente l’indizione della selezione pubblica per l’assunzione del nuovo direttore generale dell’azienda, con pubblicazione avvenuta il 21.07.2017 . Selezione pubblica – Direttore generale Ase Manfredonia

g.defilippo@statoquotidiano.it

FOCUS
Manfredonia. Carbone “ASE estranea, Velluzzi non è più d.g. dal gennaio 2017”

Redazione StatoQuotidiano.it – Riproduzione Riservata

De Magistris “Ecco perchè è stato arrestato Velluzzi. ASE non c’entra” ultima modifica: 2017-10-23T15:22:51+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Males

    Questa è la gente corretta e onesta a cui il nostro amato paese e affidato,
    gentaglia, al potere per continuare a fare i , sulle spalle dei poveri cittadini.#SIETETUTTIVELLUZZI.#SIAMOTUTTIMERLUZZI


  • Riccardo

    Il “lupo” cambia il pelo no il vizio!!! All’ASE sicuramente ha fatto di peggio…situazione finanziaria disastrosa, debiti allucinanti. Aspettiamo che qualcuno suona il campanello giusto!!!


  • Toni

    Caro dott. De Magistri, non sarebbe il caso di dare una controllata anche a quello che ha combinato all’ASE….con Reteservizi e altri?????????????


  • Lettore

    Manfredonia è la città più”pulita” della puglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi