LavoroStato news
Un nutrito gruppo di ex lavoratori della Natuzzi S.p.A. si è riunito in protesta a Bari in prossimità dello stabile di via Capruzzi

Natuzzi, protesta ex lavoratori

I consiglieri regionali del M5S Antonella Laricchia, Marco Galante e Mario Conca li hanno incontrati

Di:

Bari. Nella mattinata di oggi, in occasione dell’adunanza del Consiglio Regionale, un nutrito gruppo di ex lavoratori della Natuzzi S.p.A. si è riunito in protesta a Bari in prossimità dello stabile di via Capruzzi. I consiglieri regionali del M5S Antonella Laricchia, Marco Galante e Mario Conca li hanno incontrati e si esprimono così: “I lavoratori hanno il timore di non rientrare nel Piano di assunzione – dichiarano i tre Consiglieri pentastellati – proposto dall’azienda attraverso l’istituzione della famosa Newco che avrebbe il compito di assorbirli in toto. In particolare, fa discutere la totale assenza all’interno dell’Accordo di un esplicito riferimento al suddetto inglobamento totale degli ex lavoratori Natuzzi, nonché la presenza di una specifica clausola che andrebbe a limitare il diritto di questi lavoratori a potersi difendere in tribunale.”

Il riferimento è alla clausola che prevede esplicitamente che la Newco assumerà quei lavoratori che “abbiano già definito il contenzioso con la Natuzzi S.p.A.”. “E cosa accadrà a quei lavoratori con il contenzioso ancora pendente? – chiedono Galante, Laricchia e Conca – Dovranno rinunciarvi pur di essere assunti? Per questi motivi vigileremo su quanto verrà deciso al Tavolo tecnico istituito a cui parteciperanno le parti interessate, ossia Natuzzi, Newco, Organizzazioni Sindacali, il Mi.S.E., e le Regioni Puglia e Basilicata, affinché si agisca nel pieno rispetto di tutte le norme a tutela dei diritti dei lavoratori. Un Tavolo – concludono – in cui le decisioni prese graveranno necessariamente sulle casse delle Regioni interessate”.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati