CulturaFoggia
In un romanzo, la bellezza della rinascita

“Il vento non lo puoi fermare”

Incontro organizzato in collaborazione con “Impegno Donna”. Modera, la giornalista di Telenorba, Grazia Rongo

Di:

Foggia. Raccontare il punto di vista di chi ha arrecato dolore. Raccontare la sua seconda possibilità. Raccontare la rinascita. Due protagonisti, un uomo e una donna, un ragazzo e una ragazza. Un fatto, al centro, tra loro, a spezzare il normale corso della vita. E poi, la Sardegna – da lasciare, da ritrovare. Poche parole per introdurre l’intenso romanzo della scrittrice, nonché firma del Corriere della Sera, Elvira Serra, dal titolo Il vento non lo puoi fermare (Rizzoli, 2016). Sabato 26 novembre, alle ore 19, l’autrice presenta il suo libro nello spazio live della libreria Ubik di Foggia, per un evento organizzato in collaborazione con l’associazione Impegno Donna, rappresentata dalla psicologa Ada Beomonte Zobel. L’incontro, pertanto, rientra nella serie di iniziative organizzate in tutta Italia in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne. A moderare la presentazione, la giornalista di Telenorba, Grazia Rongo.

Il vento non lo puoi fermare (Rizzoli, 2016; collana: Narrativa Italiana; 288 pagine). È la sera giusta, per Elias. Dopo la partita a calcetto e le lezioni all’università di Cagliari, è impaziente di partecipare alle prove del coro, dare un passaggio verso casa a Violetta e, vincendo la timidezza, confessarle il proprio amore. È la sera sbagliata, invece. Perché dopo averla lasciata davanti al portone, incapace di parlare, lui risale in macchina e va incontro a un destino buio. Quella notte, infatti, investe una giovane donna che muore sul colpo. E anche il suo futuro si spezza. Dopo l’incidente il senso di colpa è troppo grande: si chiude in camera, non vede più nessuno. Non parlare, non muoversi, sperando di sentire il meno possibile, sono gli imperativi del suo giudice interiore. Elias si infligge un percorso ascetico in fondo al proprio dolore, che pare senza uscita. Due anni. Finché, un passo alla volta, decide di abbandonare la Sardegna e cercare una sua strada, altrove… Ed è così che succede: il vento soffia di nuovo, inarrestabile, e porta con sé un presente da reinventare e il coraggio di affrontare tutto ciò che verrà. Elvira Serra ha scritto un romanzo intenso e lieve, di cadute e slanci vitali; una storia che, senza una parola di troppo, racconta come ci si sente nel momento in cui si ricomincia a respirare, quando si risale in superficie dopo una lunga apnea.

Elvira Serra. Nata a Nuoro nel 1972. È giornalista del Corriere della Sera, dove si occupa di cronaca e costume. Tiene inoltre la rubrica fissa “La forza delle donne” sul settimanale “F” e scrive sul blog “La ventisettesima ora”. Ha pubblicato L’Altra. Storia di un’amante (Mondadori 2014) e Il vento non lo puoi fermare (Rizzoli 2016).



Vota questo articolo:
0

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati