Economia
Dona: "Il sospetto che siano tenute in vita per obiettivi di clientelismo è giustificato"

ISTAT, 1896 partecipate con zero addetti e 1454 non attive

"Per questo invitiamo il Governo ad accelerare il processo di riordino delle società partecipate. In particolare andrebbero subito azzerati i consigli di amministrazione delle società non attive" ha concluso l'avv. Dona

Di:

Roma – SONO quasi 2 mila, per la precisione 1.896, le partecipate pubbliche con zero addetti, tra le 7.685 imprese attive. Le non attive, invece, sono 1.454. Lo rileva l’Istat nel suo report aggiornato al 2012.

“Questi dati dimostrano come l’obiettivo di Cottarelli di ridurre il numero delle partecipate a 1000, cosa che consentirebbe un risparmio a regime di almeno 2-3 miliardi all’anno, sia un obiettivo tanto giusto quanto urgente. In particolare non si capisce cosa ci stiano a fare le imprese non attive, ossia senza addetti e senza fatturato. Il sospetto che siano tenute in vita per obiettivi di clientelismo è giustificato” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Per questo invitiamo il Governo ad accelerare il processo di riordino delle società partecipate. In particolare andrebbero subito azzerati i consigli di amministrazione delle società non attive” ha concluso l’avv. Dona.

Redazione Stato

Ufficio stampa: 338/4031534

ISTAT, 1896 partecipate con zero addetti e 1454 non attive ultima modifica: 2014-12-23T00:04:38+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi