BAT

Vendola sui nuovi manager ASL: “Buona squadra”

Di:

Bari – VITO Montanaro (Asl Bari), Ottavio Narracci (Asl Bat), Giuseppe Pasqualone (Asl Brindisi), Giovanni Gorgoni (Asl Lecce) e Stefano Rossi (Asl Taranto) sono i nuovi direttori generali di gran parte delle Asl pugliesi, nominati oggi dalla Giunta regionale. Sono stati presentati in conferenza stampa questa mattina dal Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e dall’assessore alla Salute e al Welfare Donato Pentassuglia.

“Abbiamo cercato – ha commentato il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola – di compiere scelte che fossero nel segno della competenza professionale, della capacità manageriale, ma anche nel segno della moralità e della credibilità. Ai direttori neo nominati affidiamo il compito di portare avanti un governo trasparente delle aziende sanitarie nel segno dell’impegno contemporaneo ad un uso razionale delle risorse e alla massima attenzione ai percorsi di umanizzazione delle cure”.

Per Vendola dunque “una squadra di manager che è una buona promessa” e che terrà “alta la bandiera della legalità”, impedendo “ogni incursione del malaffare assedio affaristico che compromettono la qualità della risposta al bisogno di salute”. “Il management che abbiamo scelto è giovane – ha detto il Presidente Vendola – in queste ore abbiamo lavorato sui curriculum, sulle performance professionali dei candidati. Per i quali garantire la capacità manageriale è il primo compito. Sapendo che il management si occupa di un prodotto particolare: i malati. Con i quali non si può procedere tecnocraticamente e burocraticamente. Una efficiente e efficace amministrazione ha per oggetto la buona sanità. L’umanizzazione dei percorsi di cura deve essere l’obiettivo e non bisogna dimenticare mai qual è la condizione di perdita di potere del malato quando è in ospedale”.

Per Vendola “il malaffare nelle Asl è sottrazione di risorse agli ammalati, l’affarismo fa diminuire la risposta di salute e la moralità richiesta deve impermeabilizzare le Asl dalle incursioni del sistema delle imprese e della politica”. “La politica – ha concluso Vendola – è legittimata a intervenire sulle strategie e su quello che non va, non sulla gestione. E i nuovi DG saranno aiutati nel compito che li attende dai nuovi bandi per la centrale unica di acquisto, che non sarà un complemento di arredo, ma una risorsa strategica”.

Per l’assessore Pentassuglia, questo “è un momento particolare e fondamentale per il bisogno di salute dei pugliesi”.

“Non potevamo lasciare le Asl in questa fase delicata di attuazione del Patto della salute dopo l’uscita a settembre dal Piano di rientro – ha sottolineato l’assessore – dovevamo dare un governo alle Asl a prescindere dalle scadenze elettorali soprattutto ora che cominciamo a registrare risultati positivi per la mobilità passiva”.

“Le reti dei servizi – ha aggiunto Pentassuglia – devono avere una legittimazione della conduzione amministrativa: questi mesi di proroga hanno dimostrato che la direzione si annacqua in mancanza di certezze e che quindi si devono avere pieni poteri. Ora possiamo di fatto lavorare con i nuovi direttori che assumono piena responsabilità. Sono cosciente, come assessore, che la correttezza e la barra dritta del Presidente mi hanno aiutato a decidere. Ai direttori uscenti va comunque il mio ringraziamento, per aver traghettato il sistema ottenendo a volte risultati straordinari: nessuno quindi si deve sentire offeso o denigrato perché noi non vogliamo scherzare con il sistema complessivo del welfare. In questo sistema – ha concluso l’assessore – abbiamo trovato le professionalità migliori che dovranno affrontare principalmente tre sfide da risolvere: l’appropriatezza prescrittiva, la spesa farmaceutica e il settore protesi e ausili”.

I direttori generali

Il Presidente Vendola ha voluto presentarli in questo modo:
“Vito Montanaro è stato un eccellente direttore amministrativo del Policlinico di Bari, dove in questi anni sono stati tagliati molti nastri per merito suo. E’ stato nominato per le sue qualità, ma anche per far lavorare insieme Policlinico e Asl. Giovanni Gorgoni ha trasformato la Asl BAT in una macchina perfettamente funzionante e ha guadagnato sul campo la promozione a Lecce. Stefano Rossi ha rappresentato a Brindisi, con la DG Ciannamea, la bandiera della legalità in una Asl dove c’erano profili problematici importanti con un assedio affaristico radicato in profondità e per questo ha subito gravi attacchi personali. Mi spiace di essere rimasto solo con l’assessore a difenderlo. A Taranto sarà chiamato a gestire la dotazione di 200 milioni per il nuovo ospedale cittadino, milioni che fanno gola ai comitati di affari e che bisogna blindare perché Taranto ha diritto al riscatto. Ottavio Narracci, dopo un esperienza di rodato amministratore nei rapporti con i tanti comuni della gigantesca Asl di Lecce, sarà apprezzato quale solido funzionario nella Bat. E infine Giuseppe Pasqualone, amministratore unico della Sanità Service della Bat, riuscirà ad allontanare quel che va allontanato dalla gestione della Asl Brindisi per il suo rilancio, dopo un cambio forte di guida”.

“Le Asl – ha concluso Vendola – sono come degli Stati: sono sistemi complessi. Con queste nomine si chiude un decennio, durante il quale ho dovuto spesso imparare cosa fosse il sistema sanitario e a rialzarmi dopo qualche caduta. Sono inciampato e poi mi sono rialzato dopo aver scelto alcune figure. Ora però ho la buona coscienza di presentare una squadra di manager che può essere una buona promessa per la sanità pugliese. I nuovi DG sono stati già “mobbizzati” da me, con l’indicazione di obiettivi e linee guida. Spero che i pugliesi possano essere orgogliosi per le scelte fatte e spero di essere confortato dalle risposte di una squadra giovane e motivata”.

Per quanto riguarda la nomina di Pasqualone alla Asl Brindisi, Vendola ha spiegato che “era sorto un dubbio per la inconferibilità del suo incarico visto il ruolo di amministratore della Sanità Service Bat. Gli uffici hanno fatto un supplemento di studio di 8/9 ore e questa mattina c’è stato un parere favorevole e ora abbiamo certezza che non esiste una inconferibilità di incarico nei suoi confronti”.

Vendola ha infine commentato le affermazioni dell’ex assessore alla sanità, prof. Tommaso Fiore
: “Sono stupito dall’eccesso autocritico di Tommaso Fiore, una delle personalità più influenti della sanità pugliese. Sulle sue critiche, ad esempio so cosa era il Policlinico di Bari dove lui opera nel 2005 e so cosa è oggi: insomma so da dove siamo partiti e oggi so che stiamo per aprire in Puglia – ad esempio – uno dei sei centri esistenti al mondo sull’invecchiamento attivo”.

Redazione Stato

Vendola sui nuovi manager ASL: “Buona squadra” ultima modifica: 2014-12-23T17:45:33+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi