GarganoManfredonia
Ritenuto responsabile di atti persecutori

Perseguita ex convivente, arrestato 39enne di Rignano Garganico

Il G.I.P. del Tribunale di Foggia, convalidato l'arresto, ha poi provveduto a emettere, in piena condivisione con le risultanze investigative dei Carabinieri, una propria Ordinanza di Custodia Cautelare


Di:

Foggia. I Carabinieri della Stazione di Rignano Garganico, in collaborazione con il Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo, nella giornata del 16 gennaio scorso hanno tratto in arresto Mazario De Maio, 39enne del luogo, ritenuto responsabile di atti persecutori (stalking) nei confronti dell’ex convivente, una cittadina di origini rumene, sua coetanea.

I Carabinieri, che già in passato erano intervenuti più volte a seguito dei continui litigi della coppia, nel corso di un intervento eseguito la mattina del 16 gennaio scorso su richiesta della malcapitata hanno proceduto all’arresto in flagranza del 39enne, il quale, per l’ennesima volta, era andato a casa dell’ex compagna per malmenarla.

La successiva ricostruzione dei fatti ha permesso di accertare, attraverso riscontri oggettivi, che l’arrestato, spinto da un’ossessione ormai morbosa e delirante per la ex convivente, da circa un anno la maltrattava e la perseguitava, provocandole un fondato timore per la propria incolumità ed un grave stato di ansia ed agitazione, tanto da costringerla a cambiare di fatto le sue abitudini di vita.

Il G.I.P. del Tribunale di Foggia, convalidato l’arresto, ha poi provveduto a emettere, in piena condivisione con le risultanze investigative dei Carabinieri, una propria Ordinanza di Custodia Cautelare, che sabato scorso è stata eseguita, con la restrizione ai domiciliari del 39enne.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA

Perseguita ex convivente, arrestato 39enne di Rignano Garganico ultima modifica: 2017-01-24T11:52:26+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • linus

    Tutte cavolate…..Sembra quando leggo questi articoli dei classici copia e incolla nei computer dei carabinieri…..che poi al primo processo si ridimensionano…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This