Stato prima
La responsabilità, secondo Alessio Feniello, è "delle autorità"

Rigopiano, sale a 14 il bilancio delle vittime

Per i parenti delle vittime e di chi ancora manca all'appello, però, l'attesa è ormai insopportabile

Di:

(ansa) I vigili del fuoco hanno recuperato poco dopo le 9 i corpi di altre due donne all’interno dell’hotel Rigopiano. Il bilancio ufficiale delle vittime sale a 14, mentre il numero dei dispersi scende a 15.

E altri tre corpi erano stati recuperati dai Vigili del fuoco dall’interno dell’hotel poco prima: si tratta di tre uomini, che ancora devono essere identificati.
Per i parenti delle vittime e di chi ancora manca all’appello, però, l’attesa è ormai insopportabile. “Quelli che sono morti sono stati uccisi – si è sfogato il papà di Stefano Feniello, 28 anni, tra i dispersi – e quelli che ancora non rientrano sono stati sequestrati contro il loro volere perché volevano rientrare. Li hanno sequestrati. Avevano le valigie pronte. Li hanno riuniti tutti vicino al caminetto come carne da macello”. La fidanzata del giovane, Francesca Bronzi, è salva ed è ricoverata a Pescara. La responsabilità, secondo Alessio Feniello, è “delle autorità”. (ansa)



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • IL DRAMMA DI UNA NAZIONE ALLO SFASCIO PER COLPA DELLA POLITICA

    Il Feld Maresciallo Rommel non smise mai di elogiare gli eroici soldati italiani mentre per i generali nutriva opinioni diverse..nulla è cambiato dagli anni 40. Soldati, volontari, finanzieri, carabinieri, croce rossa (tutti eroi) davvero il lato più bello della nostra scalcinata Italia. Un giudizio severo sui politici/amministratori/dirigenti che ancora una volta hanno dimostrato il loro pressapochismo e la loro scarsa preparazione tecnica e amministrativa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi