Manfredonia
Duo comico formato da Franco Rinaldi e Lello Castriotta

“I forbicioni nel Carnevale di Manfredonia” (Ftgallery)

Due maschere che appartengono al Carnevale Dauno di Manfredonia in maniera irrinunciabile

Di:

Manfredonia. Sono loro I FORBICIONI Franco RINALDI e Lello CASTRIOTTA. Due maschere che appartengono al Carnevale Dauno di Manfredonia in maniera irrinunciabile; due artisti che hanno fatto dell’animazione un’arte popolare e colta. A Carnevale da anni abbandonano le loro rispettabili attività lavorative e diventano I Forbicioni, e guidano spettatori e maschere attraverso il Carnevale stesso, facendo capire come si può fare festa e divertirsi ma anche essere artisti e raccontare cose interessanti. Se non ci fossero si dovrebbero inventare. Il Carnevale di Manfredonia ce li ha.

Nel loro carnet, numerosissimi spettacoli teatrali e cabaret ed esibizioni varie in numerose Città d’Italia. Hanno partecipato nel 1981 in qualità di animatori nella Banda caratteristica “A Ciambotte” al Carnevale di Putignano ed ad altri carnevali e manifestazioni varie in altre Città pugliesi e fuori regione.

Partecipazioni a trasmissioni televisive su emittenti Regionali e Nazionali: Nel 2006 –RAI UNO – Programma Festa Italiana; nel 2007 sono ospiti al Carnevale di Saviano, il più importante carnevale della Campania e dove si esibiscono e cantano motivi del Carnevale Sipontino; sempre nel 2007 sono alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo) di Milano in costume carnascialesco; nel 2008 partecipano l’evento nazionale “La Fascia d’Oro” che ha avuto luogo a Porto Recanati con animazione ed esibizione nell’arena dedicata al grande tenore italiano Beniamino Gigli, cantando le canzoni del carnevale di Manfredonia; Partecipazioni a varie trasmissioni di emittenti televisive regionali pugliesi: TeleFoggia, TeleRegione, TeleSveva, TeleNorba; trasmissioni televisive RAI TV (da Uno Mattina a Sereno Variabile, da Verde Mattina a Linea Blu, fino a Mezzogiorno in Famiglia) ed ad altri programmi televisivi di Mediaset.

Va altresì ricordato che i due artisti sipontini si sono sempre contraddistinti anche in attività e spettacoli gratuiti e con finalità benefiche in favore dell’Avis di Manfredonia, di persone disagiate, disabili e ammalati. A tal proposito, da anni sono gli ideatori e i conduttori del “Premio di Solidarietà” che viene consegnato dall’AVIS di Manfredonia ad associazioni e persone che sono distinte nell’ambito del volontariato.

Sono passati tanti anni da quel fatidico 1974, un interrotto sodalizio che un po’, ormai, costituisce storia per questa Città. Grazie FORBICIONI per quello che avete donato a questa Manfredonia.

foto lello castriotta

foto lello castriotta

UNA DELLE BURLE ALLESTITE A CARNEVALE DAI FORBICIONI & C. L’ARRIVO DI JOHN “STRAVOLTA” TRAVOLTA A MANFREDONIA.

Allestita da Franco Rinaldi, Lello Castriotta & amici, la burla fu inserita nelle manifestazioni del carnevale del 1980, con manifesti murari. Migliaia di persone invasero la stazione Città, convinti dell’arrivo del divo-ballerino americano John Travolta, perché non avevano letto bene il manifesto che parlava di “John Stravolta” e non Travolta. Alla stazione di Siponto John Stravolta (Matteo Spagnuolo in veste di John Travolta) e il suo seguito salirono sul treno, proveniente da Foggia, nulla sapendo di quello che gli sarebbe capitato al loro arrivo a Manfredonia. Quando il trenino arrivò alla stazione Città e “John Stravolta” con il seguito di giornalisti, iniziarono da zona “barracche i cozze” a salutare dai finestrini del treno, una marea di persone (per la maggior parte ragazze) correvano come pazze incontro al vagone dove si trovava John Stravolta, con il macchinista del treno, che impaurito per quanto stava succedendo suonava la sirena del treno a più non posso per la paura di incidenti fino al suo arrivo alla stazione Città.

La cosa più divertente, che la maggior parte delle persone erano convinte veramente dell’arrivo del divo del divo-ballerino americano John Travolta a Manfredonia. Quando il trenino si fermò alla stazione Città, il povero “John Stravolta” e il suo seguito di giornalisti e operatori americani furono accolti da un violento scarico di arance, limoni, mandarini, cime di rapa, carote, insalate, che riempirono il vagone del treno con i malcapitati protagonisti che cercarono immediato riparo all’interno dello stesso, tra le risate generali e urla del pubblico presente alla stazione Città, prima deluso e poi divertito a crepapelle per la riuscitissima burla. Tutto, poi finì in un tripudio di applausi ai Forbicioni e ai loro amici organizzatori per la divertente ed esilarante burla carnascialesca.

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Fittiano

    Povero voto mio a chi lo dato,pensassi che avevi messo la testa a posto,vieni la prossima volta.


  • cane sciolto

    Sono molto bravi, non trascurale il fatto che alla fine si piegano al volere delle necessità pariche del potere locale, ossia quello di controllare le masse balocche con pane e circense, grossi cetrili lubricati con creme aspringenti cerebrali.


  • cane sciolto

    Sono molto bravi, non trascurabile il fatto che alla fine si piegano al volere delle necessità pratiche del potere locale, ossia quello di controllare le masse balocche con pane e circense e grossi cetrili lubricati con creme aspringenti cerebrali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi