Cronaca

Piano riordino sanitario: l’Asl deve incontrare il sindacato

Di:

Foggia. Inevase due richieste di convocazione presentate da Cgil, Cisl e Uil. Il Segretario generale della Cgil di Foggia, Maurizio Carmeno, preannuncia iniziative di mobilitazione e di protesta se continuerà l’inerzia dell’Asl. “Sono passati due mesi e mezzo dalla sottoscrizione dell’accordo sul piano di riordino sanitario tra il sindacato e il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e ancora nulla è stato fatto per dar seguito agli impegni assunti.” È quanto lamenta in una nota diffusa alla stampa il segretario generale della Cgil di Foggia, Maurizio Carmeno.

“L’accordo – spiega il segretario – prevedeva l’attivazione di importanti strumenti di partecipazione e concertazione con le Asl del territorio pugliese, su temi di grande importanza per la salute e la qualità della vita dei cittadini, quali le liste d’attesa, il piano straordinario di assunzioni, la riconversione degli ospedali e i servizi territoriali, ma niente si è mosso.” “Fin dall’inizio di febbraio, la Cgil ha chiesto, assieme a Cisl e Uil – aggiunge Carmeno – la convocazione di un incontro urgente al direttore generale dell’Asl per discutere dei temi al centro dell’accordo regionale. Di fronte al silenzio dei vertici dell’Asl abbiamo rinnovato la richiesta il 20 febbraio scorso, ma anche in questo caso nessuna risposta è giunta.”

Ricordando che l’Asl ha firmato con le organizzazioni sindacali della provincia di Foggia un protocollo per le buone prassi, “anche questo disatteso”, il segretario generale della Cgil conclude: “L’inerzia dei vertici Asl è inaccettabile, di fronte ad una società e cittadini che sollecitano attenzione e chiedono protezione. I problemi degli anziani, dei disabili non possono più attendere. Ritardare le assunzioni significa non far funzionare i servizi e allungare le liste d’attesa. Se non avremo riscontro alle nostre richieste in brevissimo tempo, ci mobiliteremo e promuoveremo adeguate iniziative di protesta, con il coinvolgimento dei lavoratori e della cittadinanza.”



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • giuseppe

    Se non si è in grado di fare i direttori e portare avanti un’azienda sanitaria così grande bisognerebbe dimettersi.
    Non è possibilie lasciare senza risposte ed irrisolte tante situazioni che possano riguardare qualsiasi problematica.
    Se non siete in grado di risolvere i problemi di qualsiasi utente ed in particolare di persone che come noi hanno situazioni in sosspeso con l’azienda asl andate a casa oppure cambiate mestiere.


  • giuseppe

    Tante volte abbiamo sentito decantare la trasparenza e legalità con la quale viene gestita l’azienda asl da parte della direzione in essere.
    Vorremmo che questa trasparenza e legalità vengano applicate del tutto ed in concreto.
    La trasparenza e la legalità dovrebbero trovare riscontro nel rispetto e nell’applicazione delle clausole sociali.
    Abbiate rispetto delle persone che stanno aspettando con insistenza che questi diritti vengano resi in concreto a chi ne ha pienamente diritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi