FoggiaStato news
Le dichiarazioni del rappresentante sindacale FISMIC Matteo Stanco

GPI Foggia “50% lavoratori passa alla FISMIC di Zenga”

"Abbiamo quindi deciso di chiamare Tonino Zenga per ragionare serenamente sui disagi dei lavoratori della GPI Group"


Di:

Foggia. La GPI di Trento è una azienda che si occupa di servizi informatici per la Asl di Foggia e gestisce i servizi di Prenotazione del Cup e quelli di Elaborazione dati del CED.
In questi giorni, circa il 50% dei lavoratori di Foggia, che rispondono al contratto metalmeccanici, hanno scelto di lasciare la Fim Cisl foggiana per passare al sindacato FISMIC trainato da Tonino Zenga. “Il nostro passaggio alla FISMIC è avvenuto in maniera ponderata, proprio guardandoci intorno. – spiega l’Rsa FISMIC della GPI Matteo Stanco – Abbiamo quindi deciso di chiamare Tonino Zenga per ragionare serenamente sui disagi dei lavoratori della GPI Group, che in Capitanata conta circa un’ottantina di dipendenti, tra call center, CUP, centro elaborazione dati CED e servizi informatici vari”. Lo scorso dicembre le organizzazioni sindacali dei lavoratori del Cup avevano manifestato davanti alla Asl in piazza della Libertà, rispetto alcune decisioni dell’azienda. “La FISMIC sta crescendo in modo esponenziale e serio, – spiega Stanco, anche a nome dei suoi colleghi – innanzitutto per le opportunità che dà ai lavoratori iscritti. Ed è per questo che abbiamo deciso di aderire alla FISMIC. Crediamo fortemente nel contratto metalmeccanico e con questo cambiamento abbiamo deciso di far tornare protagonisti i lavoratori e le lavoratrici”.

Redazione Stato Quotidiano.it

GPI Foggia “50% lavoratori passa alla FISMIC di Zenga” ultima modifica: 2016-03-24T16:29:55+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This