GarganoManfredonia
''La missione principale della politica, e del Partito Democratico che ne costituisce l’architrave centrale, è ripristinare un rapporto di fiducia con le comunità che intende rappresentare e governare"

San Giovanni – Vieste – Gioia del Colle, Gentile: “Primarie per scelta candidato sindaco”

"Queste – ci piacciano o meno, ci convengano o meno – le regole vigenti, che tutti abbiamo il dovere di rispettare"

Di:

Foggia. ”La missione principale della politica, e del Partito Democratico che ne costituisce l’architrave centrale, è ripristinare un rapporto di fiducia con le comunità che intende rappresentare e governare. Questo obiettivo, oggi, rischia di essere minato in radice da tentativi in atto di forzare le regole che il PD stesso si è dato con le sue leggi fondamentali di autogoverno. Com’è possibile, infatti, chiedere ai cittadini di riscoprire e ridare fiducia alla politica e ai partiti se il PD, che ne costituisce il nucleo centrale, è il primo a non rispettare le regole che esso stesso si è dato? L’articolo 18 dello Statuto Nazionale, è chiarissimo: i candidati alla carica di Sindaco, Presidente di Provincia e Regione, vengono scelti attraverso il ricorso alle primarie di coalizione; qualora non si svolgano primarie di coalizione si procede con quelle di partito, a meno che la decisione di utilizzare un diverso metodo non sia approvata con il voto favorevole dei tre quinti dei componenti dell’assemblea del livello territoriale corrispondente; non si svolgono primarie di coalizione o di partito nel caso in cui, nei tempi prescritti dal regolamento per le primarie, sia stata avanzata una sola candidatura alla carica di sindaco. Queste – ci piacciano o meno, ci convengano o meno – le regole vigenti, che tutti abbiamo il dovere di rispettare, pena la frana di tutta l’impalcatura su cui abbiamo finora fondato la credibilità democratica e di ricerca del consenso dei cittadini. PRIMARIE dappertutto siano possibili, dunque, a partire da San Giovanni Rotondo, Vieste, Gioia del Colle. Sapendo che nessuno, qualunque sia il suo ruolo e la sua responsabilità, è o può ritenersi al di sopra delle regole. Non si permetta, non lo permetteremo”.

(24 marzo 2016 – Elena Gentile)



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Zuzzurellone Sipontino

    A che servono gli statuti di partiti se non vengono applicati? Esempio, il caso Pittella. Non viola il vostro statuto, inquanto è al QUARTO mandato in Europa , mentre ne sono previsti massimo TRE? Lei dove era? Perchè non provate a mettere la norma che votano solo gli iscritti? El’inciucio di Vieste? Forza Italia E Pd vanno insieme alle prossime amministrative? O sono gli ex(espulsi dal partito) che lo fanno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!