Manfredonia
Testo a cura del consigliere comunale di Manfredonia Nuova

Denuncia brogli Matteotti nel 1924, Magno: dialoghi che non sono lontani

"Questo fatti ci sembrano così lontani nel tempo, eppure sono capaci d’illuminare ancora il nostro presente"

Di:

Stralci dal Discorso alla Camera dei Deputati di denuncia per brogli da parte di Giacomo Matteotti – 30 maggio 1924

Giacomo Matteotti. Io espongo fatti che non dovrebbero provocare rumori. I fatti o sono veri o li dimostrate falsi. Non c’è offesa, non c’è ingiuria per nessuno in ciò che dico: c’è una descrizione di fatti.

Presidente. Onorevoli colleghi, io deploro quello che accade. Prendano posto e non turbino la discussione! Onorevole Matteotti, prosegua, sia breve, e concluda.

Giacomo Matteotti. Mi limito, dico, alla nuda e cruda esposizione di alcuni fatti. Ma se per tale forma di esposizione domando il compatimento dell’Assemblea… (Rumori) non comprendo come i fatti senza aggettivi e senza ingiurie possano sollevare urla e rumori…

Presidente. Concluda, onorevole Matteotti… Non provochi incidenti!
Giacomo Matteotti. Io protesto! Se ella crede che non gli altri che mi impediscano di parlare, ma che sia io a provocare incidenti, mi seggo e non parlo! (Approvazioni a sinistra – Rumori prolungati).

Presidente. Ha finito? Allora ha facoltà di parlare l’onorevole Rossi…
Giacomo Matteotti. Ma che maniera è questa! Lei deve tutelare il mio diritto di parlare! lo non ho offeso nessuno! Riferisco soltanto dei fatti. Ho diritto di essere rispettato! (Rumori prolungati, Conversazioni)
Antonio Casertano. Chiedo di parlare.
Presidente. Ha facoltà di parlare l’onorevole Presidente della Giunta delle elezioni. C’è una proposta di rinvio degli atti alla Giunta.
Giacomo Matteotti. Onorevole Presidente!…

Presidente. Onorevole Matteotti, se ella vuole parlare, ha facoltà di continuare, ma prudentemente.
Giacomo Matteotti. Io chiedo di parlare non prudentemente, né imprudentemente, ma parlamentarmente!”.

Questo fatti ci sembrano così lontani nel tempo, eppure sono capaci d’illuminare ancora il nostro presente.

(A cura di ITALO MAGNO, Manfredonia 24.05.2016)



Vota questo articolo:
13

Commenti


  • Io sono NAPOLEONE

    Ahahaha…siamo al delirio; una per tutte: Matteotti era socialista riformista Turatiano ancora nel 1922, tu sei stato COMUNISTA, ripeto COMUNISTA (e…non si sa se lo sei ancora o sei un post o un ex…o un cattocomunista…che cosa sei Non si è capito) ancora negli anni ’80 del ‘900….e poi cerca di rispettare la memoria di chi è stato ANTIFASCISTA (…e non ha cambiato bandiera al finire della guerra…come qualche comunista dell’ultima ora) ma si è SACRIFICATO CON LA VITA….ridimensionati. OGNI MAGGIORANZA HA L’OPPOSIZIONE CHE SI MERITA….lavora, studia e fai una opposizione seria….mi dispiace che il lavoro del resto dell’opposizione sia svilito dall’egocentrismo di questo personaggio in cerca d’autore….cinque stelle unica speranza.


  • w la cultura

    Come infatti, a distanza di tempo,SI ostacola la giustizia come se I maleducati e venduti avessero piu’ diritti di altri a prendere parola,a sedere Su poltrone che non gli spettano


  • Nicola

    Sempre più BRANCALEONE DA MANFREDONIA ! Dateglidi dei mulini al vento. Poverino.


  • antonella

    In questo tempo, la politica è fatta da politicanti allo sbaraglio, arrivisti di professione, insomma cierpame politico di bassa lega, ne abbiamo avuto sentore ieri in consiglio comunale, quando le opposizioni degne di questo nome, facevano il loro dovere amministrativo e politico “non c’è niente di personale”, mettendo in luce criticità gravi del
    bilancio passato e attuale, venivano
    attaccate in modo personale e indegno,
    anzi degno proprio di una politica
    colpevole, autocratica, apolitica, nulla a
    che fare con il dialogo istituzionale, nulla
    a che vedere con la dialettica politica
    di rispetto, o con Uomini che hanno ben scolpito nel petto etica e
    pragmatismo , qui si tratta solo di
    cierpame politico.


  • antonella

    Errata corrige: ciarpame, insieme di cose vecchie, inutili,unite alla rinfusa.


  • svolta

    Ciarpame, per taluni, è dir poco……


  • belle telline

    Una bellissima frase finale! Complimenti!
    Mi ha emozionata.


  • La malapolitica è la cancrena maligna dell'ex belpaese

    La situazione è peggiorata in quasi cento anni! Una classe politica cialtrona e inetta, ingorda ed egoista e mi fermo qui.Si stava meglio quando si stava peggio.


  • Elettore Pd amaramente pentito

    Quanta ignoranza da parte dei portatori di quaglie del potere locale…


  • Elettore Magno immensamente pentito

    Come ho fatto a votare questa (giudizio negativo,ndr)


  • Gigi

    Straordinaria la nostra Antonellona piazza d’uomo scrive CIERPAME e subito riscrive ERRATE CORRIGE CIARPAME. Dopo Socrate , don Milani , Dante oggi cita Veronica ex Berlusconi. Cara Antonellona piazza d’uomo il CIERPANE ce l’hai in testa. Lascia stare la tastiera e prendi filo e ago.


  • svolta

    x Elettore Magno immensamente pentito.
    Sono sicuro che dietro questo pseudonimo non si cela affatto uno che ha votato Magno.
    Se l’avessi votato, dovresti essere maggiormente orgoglioso, poichè da quando si è insediato ha contribuito a svelare tante situazioni che non si immaginavano neanche e non sarebbero, forse, venuti a conoscenza di noi poveri ed indefessi cittadini. Rallegrati comunque egli svolge egregiamente il ruolo dell’opposizione… fattene una ragione e documentati su quello che è il ruolo dell’opposizione in un consesso regolato da norme democratiche e non fascistoide…..


  • Laura

    Al sig. napoleone buonaparte, il suo invito a studiare rivolto al Preside Magno di lo volga al suo esimio fratello o capo che dir si voglia che -a noi cittadini della regione Puglia 14000.00 Euro al mese per dieci anni e 250.000.00 euro di buonuscita per i due mandati regionali e cosa ancora più deplorevole si (processo in corso, non concluso,ndr)
    Sappiamo bene che con tutti i debiti accumulati e i miliardi del contatto d’area si sono comprati i manfredoniani che non li hanno votati certo per il loro carisma e cultura di cui sono sono assai manchevoli.
    Il preside nella vita con lo studio e la sua intelligenza ha conseguito obiettivi e riconoscimenti che il suo parente e accoliti vari possono solo sognare. E si ricordi la cultura quella vera non è mai di parte, perchè va all’essenza della vita e del mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!