Manfredonia
Si tratta di Anna Brancati, nata e cresciuta nel centro sipontino da genitori napoletani

“GOMORRA – Seconda stagione”, nel cast 38enne di Manfredonia

Il debutto della seconda stagione di Gomorra - La Serie è andato in onda il 10 maggio su Sky con le prime due puntate

Di:

Manfredonia. ANCHE Manfredonia nella nuova serie di “Gomorra – Seconda stagione“, ispirata al best seller di Roberto Saviano. Si tratta della 38enne Anna Brancati, nata e cresciuta nel centro sipontino da genitori napoletani. La serie tv, ispirata al libro di Roberto Saviano, racconta le gesta del potente clan dei Savastano, una delle organizzazioni più potenti di tutto il Napoletano. Gomorra è la serie tv firmata dal regista Stefano Sollima e prodotta da Sky insieme a Cattleya e Fandango. Dopo i trionfi dell’esordio con i 12 episodi del 2014, in Gomorra 2 riprenderà la rivalità tra i due clan di camorra: da una parte la famiglia Savastano e dall’altra il clan che fa capo a Salvatore Conte.

Il debutto della seconda stagione di Gomorra – La Serie è andato in onda il 10 maggio su Sky con le prime due puntate. Nel corso del secondo episodio, Anna Brancati è apparsa nei panni della titolare di una boutique

TITOLO Gomorra – La serie
TITOLO ORIGINALE Gomorra – La serie
GENERE drama
IDEATORE Roberto Saviano
PRODUTTORE ESECUTIVO Marco Chimenz, Gina Gardini, Giovanni Stabilini, Riccardo Tozzi
NAZIONE Italia
NETWORK Sky
DATA USCITA PAESE D’ORIGINE 06 Maggio 2014
DATA USCITA ITALIA 06 Maggio 2014
DURATA MEDIA EPISODIO MINUTI 50

Trama
La serie tv, ispirata al libro di Roberto Saviano, racconta le gesta del potente clan dei Savastano, una delle organizzazioni più potenti di tutto il Napoletano.
In TV – 26 Maggio 2016 03:55 su Sky Atlantic

Seconda stagione (wikipedia). La seconda stagione riprende dal finale della prima: Don Pietro è stato liberato dal furgone della polizia durante il trasferimento e Ciro, dopo aver stretto l’alleanza con Salvatore Conte, mette al sicuro Deborah e la figlia Maria Rita dalla vendetta imminente dei Savastano. La donna, tuttavia, nutre crescente angoscia per il destino della giovanissima figlia, al punto tale da esser tentata di tradire il clan e di consegnare Ciro alla polizia. Sarà proprio Ciro, al culmine di un litigio, ad ucciderla, per poi bruciarne il corpo. Intanto le condizioni di salute del giovane figlio di Don Pietro, Genny, miracolosamente sopravvissuto all’attacco, migliorano gradualmente, fino alla completa guarigione. Un anno dopo egli è nuovamente in Honduras, dove, con brutale violenza, cerca di organizzare il traffico di stupefacenti per i Savastano superstiti. Tuttavia, alcuni mesi dopo vola in Europa, dapprima a Roma e, infine, a Colonia, in Germania, dove si è rifugiato il latitante Don Pietro. Le cose sono difficili per i Savastano, che sopravvivono contrabbandando carburante e armi, covando desideri di vendetta verso Ciro e Conte. Una sera Don Pietro, a cena con un boss della ‘ndrangheta calabrese, rischia di rimanere ucciso in un agguato perpetrato nei confronti di quest’ultimo, ma riesce a fuggire illeso grazie all’aiuto di Genny, prontamente avvisato da alcuni suoi contatti che di lì a poco sarebbero sopraggiunti i sicari. Genny, seppur rancoroso col padre per i rimproveri sulla gestione passata del clan, ritenuta fallimentare, si rivela fondamentale per soccorrerlo quando il vecchio padre è colpito da infarto durante la fuga. Una volta rimessosi, Don Pietro decide di tornare in scena da solo e di riprendere le redini delle attività criminali, relegando in sordina l’affranto figlio.

Nel cast sono presenti anche Fabio De Caro, Antonio Folletto, Carmine Monaco, Christian Giroso, Giovanni Buselli, Pina Turco, Lino Musella, Gianluca di Gennaro, Ivana Lotito, Luca Gallone, Denise Capezza, Alessandra Langella, Gianfranco Gallo e Vincenzo Pirozzi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!