FoggiaManfredonia
"La provincia ha avviato tutte le fasi per un nuovo procedimento di riesame AIA"

Inceneritore Borgo Tressanti, Barone: Landella presenzi a Conferenza servizi

"Ritengo doverosa la partecipazione di tutti gli enti coinvolti"

Di:

Foggia. E’ pronto all’esercizio permanente l’impianto Eta-Mercegaglia in agro di Manfredonia in Provincia di Foggia, ma va rilevato che l’autorizzazione integrata ambientale (AIA) rilasciata il 14 settembre 2010 in ossequio alla legge allora vigente n. 59 del 2005, prevedeva il rinnovo ogni 5 anni, successivamente con il sopravvenuto dlgs 46/2014 a tale autorizzazione vengono allungati i termini a 10 anni. Nel frattempo continua il lavoro minuzioso del “Comitato contro l’inceneritore di Borgo Tressanti – Cerignola” e del Movimento Cinque Stelle Puglia tramite la consigliera regionale Rosa Barone in opposizione all’esercizio dell’Impianto, in merito la consigliera grillina dichiara: “La provincia ha avviato tutte le fasi per un nuovo procedimento di riesame AIA, si apre ora il procedimento amministrativo, nel corso del quale è stata convocata Conferenza di Servizi per il giorno 13 Giugno 2016 alle ore 10:00 presso il Settore Ambiente della Provincia di Foggia, alla quale prenderà parte il Comitato con il quale stiamo lavorando a stretto contatto, nella persona del suo presidente Matteo Loguercio”

Prosegue Barone: “Invito il Sindaco Landella e l’amministrazione comunale di Foggia, a partecipare alla conferenza di servizi, potendo inviare osservazioni al progetto reperibile all’indirizzo internet http://sportellotelematico.provincia.foggia.it/, in quanto Comune confinante con limite territoriale a 2 km rispetto a dove sorge l’impianto, quindi ente coinvolto. Un sindaco è il responsabile della salute pubblica dei suoi cittadini e degli interessi pubblici, con la più alta rappresentatività degli interessi generali di una comunità, la stessa legge 241 del 1990 all’art 9, permette in questo caso al Comune di Foggia di prendere parte al procedimento soprattutto se possa derivare un pregiudizio da tale provvedimento, in questo caso di un impianto molto vicino al nostro Comune e che potrebbe arrecare danno ai cittadini foggiani così come quelli di tutta la Provincia”.

Conclude la consigliera regionale del Movimento Cinque Stelle: “Ritengo doverosa la partecipazione di tutti gli enti coinvolti, al fine di conseguire un elevato livello di protezione dell’Ambiente e della Salute dei cittadini, per questo il sindaco Landella non dovrebbe sottrarsi, ed insieme a lui tutti i sindaci dei 5 reali siti”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • libero

    Se non volete gli ingeneritori dovete utilizere vetro e cartone che sono piu teciclati ci sono tante materie che inquinano bisogna che ci si svegli un po il mondo non e’ ‘nato aderso ma lo stiamo distrugeno nol stesi con legoismo del potere capitalesta ce ne acorgeremo quando e tropo tardi non c’e’molto tempo pre migliorare nelfare cose a favovo di noi stesi per il beni delle future generazioni .non molate mai contro i generitori sono una vera tomba per il popolo.devono solo riagiornare le industrie che non fanoprodoti nocivi eccc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This