FoggiaStato news
La comunicazione dal tribunale di Milano

Riscossione tributi: revocato concordato preventivo per Aipa

L’intricata vicenda, tra profili penali e amministrativi, si svolge su diversi fronti


Di:

Foggia. Il passaggio da Aipa a Mazal Global Solution per la riscossione dei tributi, ovvero il fitto di ramo d’azienda, è possibile? L’azienda che subentra ha i requisiti per rilevare l’attività? Un lungo dibattito nella tecnostruttura ha caratterizzato qualche mese fa la lunga storia di chi debba continuare a riscuotere i tributi nella città di Foggia. Venerdì scorso il Comune ha ricevuto la comunicazione dal tribunale di Milano sulla revoca dell’ammissione alla procedura di concordato preventivo della società Aipa Spa.

Cosa farà l’amministrazione alla luce di un dato chiaro? “Ci potrebbe essere anche la risoluzione del contratto- dice il dirigente Ernesto Festa- ma aspetto di leggere le carte dato che è evidente che ci sono altri documenti”. Il dirigente ai servizi finanziari Carlo Dicesare guarda la situazione nel complesso: “Da domani 800 Comuni in Italia non sapranno bene cosa fare. Se Aipa fallisse si creerebbe qualche problema. Lo stesso amministratore di Mazal sta facendo istanza per amministrazione straordinaria di grandi imprese presso il Ministero dello sviluppo economico per continuare ad operare. Bisogna capire se il Ministero può continuare a mantenere Aipa nell’albo dei concessionari. Due sono gli elementi di novità che emergono: il primo che Mazal non avrebbe i requisiti, il secondo che revocando il concordato preventivo ad Aipa se ne dichiara lo stato di insolvenza”.

Lo scioglimento del contratto con Aipa da parte del Comune è stato impugnato al Tar dalla società che ha accolto la sospensiva. Ad ottobre si dovrà discutere la causa nel merito, intanto il progetto allo studio di internalizzazione del servizio riscossione è bloccato. Com’è noto, la Procura di Foggia ha inviato un avviso di prosecuzioni indagini per 8 persone tra dirigenti di palazzo di città, sindaco e vertici di Aipa. Il reato contestato è peculato.

L’intricata vicenda, tra profili penali e amministrativi, si svolge su diversi fronti: il Tribunale di Milano, la Procura di Foggia, il Tar e il Tribunale della Libertà di Bari. Il consigliere di Fratelli d’Italia Giuseppe Mainiero, che per conoscere gli sviluppi del caso Aipa a Milano ha fatto in passato richiesta di accesso agli atti, approfondisce le carte e si consolida sempre più nei suoi propositi: “Per la riscossione siamo di nuovo in balia delle onde. Il Comune di Foggia ha rescisso il contratto non per inadempimento ma per mancato rinnovo, con atto pubblico, del fitto di ramo d’azienda fra Aipa e Mazal, tant’è che il Tar parla di rescissione in base all’art.6 del tuo contratto. E hanno fatto ricorso al Consiglio di Stato? No, credo proprio di no. Nei confronti di Aipa ci sono stati atti di diffida e poi richiesta di un tavolo conciliativo”. Ora che il Tribunale di Milano ha revocato il concordato preventivo per Aipa la discussione potrebbe riprendere su altre basi, politiche e amministrative.

(A cura di Paola Lucino – paola.lucino@virgilio.it)

Riscossione tributi: revocato concordato preventivo per Aipa ultima modifica: 2016-05-24T00:51:04+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • MICHELE PANELLA

    TUTTO INIZIA DAL SISTEMA SAGGESE PATRON DELLA TRIBUTI ITALIA SPA- CIOE’ DAL SUO INIZIO DI ATTIVITA’ CON LA PUBBLICONSULT ANNO 1987..!!!..FUSIONI DI SOCIETA’ MONDELLI- GESTOR SPA- SAN GIORGIO SPA- IPE- RTL-TRICOM- CHE HANNO PRESO IL NOME DELLA TRIBUTI ITALIA SPA CHE APPENA NATA SUBITO FALLITA PERCHE’ FALLITE ERANO LE SOCIETA’ EREDITATE..!!!!..ARRESTI- ECC.ECC.TUTTO SOTTO LA LENTE DI INGRANDIMENTO DELLA MAGISTRATURA DI TANTE PROCURE..!!!!..MIGLIAIA DI LAVORATORI CON LE LORO FAMIGLIE SUL LASTRICO E TANTI COMUNI DANNEGGIATI.!!!!..ANDATA VIA LA TRIBUTI ITALIA SPA SI PASSA SUBITO ALLA SOCIETA’ AIPA SPA DOVE NULLA CAMBIA TUTTO E’ COME PRIMA DEL BRUTTO PASSATO ARRESTI ECC.ECC….ELEMENTI DELL’ORGANIGRAMMA DEL CATTIVO PASSATO CHE SI RIFUGIANO CHI IN AIPA E CHI IN ALTRE SOCIETA’..!!!!…SEMPRE DANNI AI TANTI LAVORATORI CON LE LORO FAMIGLIE SUL LASTRICO E COMUNI DANNEGGIATI..!!!!…AIPA SPA SOSPESA DALL’ALBO CHE OPERA ANCORA DIVENTATA MAZAL MA ANCHESSA CON TANTI GUAI GIUDIZIARI PER AVER EREDITATO I GUAI DELL’AIPA SPA..!!!!..E SI CONTINUA A COLPIRE IL LAVORATORI E I TANTI COMUNI..!!!


  • MICHELE PANELLA

    CHE TRISTE LUNGA STORIA INFINITA..!!!!…MA INTANTO ANCHE SE SOSPESA DA ALBO NOVEMBRE 2015 CONTINUA AD OPERARE ANCHE SOTTO FORMA DI COSTITUZIONE SOCIETA’ MISTA.!!!..AIPA -MAZAL NULLA CAMBIA CHE SOLO TANTI DANNI A LAVORATORI CON LE PROPRIE FAMIGLIE SUL LASTRICO E CENTINAIA DI COMUNI DANNEGGIATI..!!!!


  • MICHELE PANELLA

    NON E’ FALLITA SOLO TRIBUTI ITALIA OPPURE AIPA E’ FALLITO UN INTERO SISTEMA..!!!!..IL SISTEMA DELLA RISCOSSIONE TRIBUTI VA ORA RIPENSATO IN MODO DA ASSICURARE L’INTERESSE GENERALE..!!!!..UNO STRUMENTO LEGISLATIVO CHE POSSA GARANTIRE INNANZITUTTO I CITTADINI CONTRIBUENTI..!!!!


  • MICHELE PANELLA

    CERTO AIPA CIOE’ MAZAL ORA CHIEDE ISTANZA AL MISE PER AMM.STRAORDINARIA ANCHE SE AIPA E’ SOSPESA DA ALBO DEI CONCESSIONARI NOVEMBRE 2015..!!!..CIOE’ TUTTO SI RITORNA SEMPRE AL CATTIVO BRUTTO TRISTE LUNGO PASSATO DEL FAMOSO SISTEMA SAGGESE DELLA SUA TRIBUTI ITALIA SPA ANCHESSA ARRIVATA ALL’AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA..!!!!…RISULTATI SEMPRE LAVORATORI ADDETTI ALL’ACCERTAMENTO RISCOSSIONE CON LE LORO FAMIGLIE SUL LASTRICO E TANTI COMUNI DANNEGGIATI MA CON SEMPRE I SOLITI CATTIVI ELEMENTI DELL’ORGANIGRAMMA DELLE SOCIETA’ CHE HANNO FORMATO TRIBUTI ITALIA SPA RIFUGIATI IN ALTRE SOCIETA’..!!!!..CONCLUSIONE SI RITORNA SEMPRE AL CATTIVO PASSATO..!!!!


  • Pasquale

    Non si puo’ affidare la riscossione dei tributi ad aziende private.
    E’ come se si mettesse un LUPO a guardare le proprie pecore.
    Bisogna ritornare a riscuotere le tasse con le casse comunali, altrimenti qualche mattina ci sveglieremo con qualche sorpresa all’ITALIANA, senza nessuna condanna per i numerosi truffatori che gironzolano felici e contenti, a discapito del cittadino onesto che continua a essere dissanguato da un sistema di LADRONI dal colletto bianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi