LavoroManfredonia
Un programma partito ufficialmente in Italia il primo maggio del 2014

Garanzia Giovani, Interrogazione di Area Popolare

Il Governo italiano ha inviato il Piano ad hoc il successivo 23 dicembre

Di:

Roma. Il Gruppo Area Popolare (primo firmatario il presidente, Giannicola De Leonardis) ha presentato questa mattina un’interrogazione urgente indirizzata al presidente della Giunta regionale, Michele Emiliano, e all’assessore alla Formazione e al Lavoro, Sebastiano Leo, in merito alla mancata liquidazione delle Associazioni Temporanee di Scopo (ATS) che lavorano al Piano di Attuazione Regionale (PAR) Puglia ‘Garanzia Giovani’. Un programma partito ufficialmente in Italia il primo maggio del 2014, con l’apertura di un apposito sito web, e nato per iniziativa della Commissione Europea, che per contrastare l’inattività giovanile e favorire l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, nell’aprile 2013 aveva inviato agli Stati membri una Raccomandazione invitandoli a porre in essere tutte le possibili azioni volte a garantire ai giovani tra i 15 e i 24 anni il ricevimento, entro quattro mesi dall’inizio della disoccupazione o dall’uscita dal sistema d’istruzione formale, di un’offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato o tirocinio. Il Governo italiano ha quindi inviato il Piano ad hoc il successivo 23 dicembre, e così l’Italia, dopo la Spagna, è stato il Paese che ha beneficiato della quota più consistente delle risorse destinate all’iniziativa, attraverso il Fondo europeo specificamente mirato a sostenere i giovani Neet (Not in Education, Employment or Training), ricordano i consiglieri.

Per l’attuazione di ‘Garanzia Giovani’ sul territorio, la Regione Puglia si era vista assegnare in prima battuta un Fondo di oltre 120 milioni di euro, da ripartire tra le singole misure. E il 4 giugno 2014 una delibera di giunta ha di fatto segnato l’avvio del Piano di Attuazione Regionale di ‘Garanzia Giovani’, attraverso il bando che – tra l’altro – invitava gli Enti di formazione, i sindacati, le socialità, le associazioni datoriali e quanti operano nel settore a costituirsi in Associazioni Temporanee di Scopo (ATS) per dare attuazione concreta al programma. “Le ATS dovevano e si sono effettivamente occupate di tutti i principali e necessari passaggi indicati, dalla selezione dei giovani potenzialmente rientranti nel programma alla loro presa in carico, attraverso il filtro dei Centri Territoriali per l’Impiego; dalla mediazione e il coinvolgimento del mondo delle imprese per far incontrare domanda e offerta all’orientamento al lavoro” spiegano ancora. E “per lo svolgimento di tutte queste delicate funzioni, si sono avvalse della collaborazione e delle prestazioni di staff di qualificati professionisti”. Tuttavia, “mentre la retribuzione dei giovani coinvolti nel programma era prevista con cadenza trimestrale, le Associazioni Temporanee di Scopo in tutto il territorio pugliese dopo due anni di proficua attività, con importanti ricadute per la collettività, non risultano aver percepito un solo euro, essendo stato loro impedito di presentare regolare fattura” rimarcano. Da qui l’interrogazione ad Emiliano e Leo per sapere “se sono a conoscenza che le Associazioni Temporanee di Scopo non sono finora mai state retribuite per il lavoro svolto nell’ambito del programma ‘Garanzia Giovani’; le ragioni del mancato stanziamento delle risorse da destinare loro; se e come intendano intervenire per affrontare e risolvere questa situazione in tempi rapidi, alla luce dei due anni di attesa e dell’assordante silenzio intorno alla vicenda”.



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Franko Am

    Sinceramente di questa storia ci sto capendo poco. All’ufficio di collocamento mi hanno detto come funziona ma molte cose non le ho comprese. Troppo complicato. Chi mi aiuta a chiarire i tanti dubbi? Grazie.
    Un ragazzo in cerca di stage


  • marghe

    Sig. franco, non so se posso inserire il numero di telefono o l’indirizzo email di chi mi ha aiutato a fare la pratica ma si tratta di un ragazzo molto gentile di Manfredonia che lavora per un ufficio di Foggia. cerchi su google smilefoggia ed uscirà il sito dell’agenzia. salve


  • Sipontino indignato

    Ma quale garanzie giovani della malora.In Italia le garanzie sono assicurate solo ai politici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati