BATStato prima
L'area della fabbrica è ancora interessata da focolai

Esplosione fabbrica a Modugno, 7 morti

Il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, partecipa al dolore dei familiari dei lavoratori deceduti nella terribile esplosione della fabbrica di fuochi d’artificio Bruscella


Di:

(ANSA) – MODUGNO (BARI), 24 LUG – E’ di sette morti e una decina di feriti, quattro dei quali in gravi condizioni, il bilancio dell’esplosione avvenuta nella fabbrica di fuochi pirotecnici Bruscella, a Modugno. L’area della fabbrica è ancora interessata da piccoli focolai. L’impianto si trova poco fuori dell’abitato di Modugno, in direzione di Bitritto, ed è in una zona di campagna circondata da un boschetto che ha preso fuoco in seguito all’esplosione. (ansa)

Scoppio fabbrica di fuochi a Modugno: il cordoglio del Consiglio regionale. Il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, partecipa al dolore dei familiari dei lavoratori deceduti nella terribile esplosione della fabbrica di fuochi d’artificio Bruscella. “A nome del Consiglio regionale e con grande partecipazione personale esprimo sincero e profondo cordoglio per le vittime. Siamo vicini ai feriti e ci stringiamo alle famiglie”. L’auspicio è che il bilancio già così pesante non debba aumentare. “Allo sgomento per l’evento – continua Loizzo – si aggiunge la considerazione che si tratta di una nuova tragedia sul lavoro e dell’ennesimo incidente a danno di addetti a una fabbrica di fuochi pirotecnici. È una strage senza fine, con frequenti episodi in tutta Italia. Questo gravissimo che ha colpito la Puglia riporta di attualità l’esigenza della massima osservanza delle misure di sicurezza, in un’attività a contatto con materiali estremamente pericolosi, che in caso malaugurato non offre scampo agli addetti”.

Esplosione fabbrica a Modugno, 7 morti ultima modifica: 2015-07-24T15:42:48+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This