Lavoro

Imprese, boom di fallimenti: +5.9%

Di:

(Ph: vanityfair)

Le imprese italiane continuano a fallire. Anche in agosto i Tribunal fallimentari continuano il loro lavoro. E i dati sono negativi: nel primo semestre del 2013 si sono registrate circa 6.500 nuove procedure fallimentari, in aumento rispetto allo scorso anno del 5,9%. Lo riferisce l’Agi, citando le stime dell’Ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza.

In Italia – secondo i numeri – sono circa 126mila le imprese che hanno in corso oggi una procedura concorsuale tra fallimenti e concordati preventivi. Fallimenti anche aumentano anche per le “imprese storiche”: tra il 2008 e il 2012 hanno chiuso circa 9mila imprese storiche, con più di 50 anni di attività.

Ha chiuso un’impresa storica su quattro.Prima del 2008, tra le imprese con piu’ di 50 anni di attivita’, il dato si fermava a 1 su 5. A livello territoriale, si registra una variazione più evidente di nuovi fallimenti in Toscana (+33,8% rispetto allo scorso anno), Calabria (+31%) e Trentino Alto Adige (+26,9%). L’incidenza dei fallimenti è più alta in Lombardia, dove si sono iscritte tra gennaio e giugno 2013 più di 1400 procedure (1,8 imprese su 1000; +7,5% in un anno). In più della metà dei casi si tratta di imprese nate tra il 2000 e il 2009, ovvero aziende giovani che non hanno resistito all’impatto della crisi.

(Fonte RASSEGNA.IT)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi