Manfredonia

25.08.1994, 20 anni fa la tromba d’aria su Manfredonia

Di:

Manfredonia – IL mare spaccò le nuvole, tanto era alto, quando iniziò ad avanzare. Una tromba d’aria autoritaria si muoveva, rompendo vetri e facendo volare sedie dai balconi. Il proprietario di un negozio abbassò con uno scatto la saracinesca, il buio metteva angoscia e paura. Si sperava che non arrivasse il peggio. Quasi dieci minuti di un fenomeno inconsueto. Il 25 agosto 1994, alle ore 12.21, si oscurò all’improvviso il cielo su Manfredonia. Ero in acqua a Siponto quando vidi arrivare un ‘demonio nero’ sulla spiaggia, nuotai di tutta lena, arrivai a riva di fretta e corsi via insieme ai familiari. Tanta gente correva terrorizzata, altri piangevano, ricordo che facemmo in tempo a ripararci nelle cabine e dentro al bar dello stabilimento. Poi si fermò il tutto lentamente ma il cielo continuò a restare buio mentre il popolo aspettava il giorno che non arrivava. Nell’attesa il paese cantava preghiere. Ricordo come quell’anno la processione in onore della Madonna di Siponto del giorno 31 fu molto sentita dai canti della fede e speranza più profonda.

(ph: manfredoniafoto.myblog.it)

(A cura di Claudio Castriotta – Redazione Stato)

FOCUS, LA RICOSTRUZIONE DI ALBERTO MANGANO



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • Giancarlo D'Isita

    quando c’è segno tengibile della debolezza umana diventano tutti improvvisamente umili e cristiani. Il problema è nell’intervallo di tempo che intercorre prima di arrivare alla “fine”. In pochi vivono ogni giorno nel rispetto degli altri e del mondo. C’è solo cattiveria e bassezza culturale. La reazione ad una tromba d’aria spiega perfettamente quanto strano sia l’essere umano.


  • Carmen

    Maroooo,che scenografia!Puro Medioevo.
    Così come è arrivata,ossia veloce,e così se n’è andata!
    “…il popolo aspettava il giorno che non arrivava, mentre nell’attesa il paese cantava preghiere…”
    E daje,che qualcuno ci può anche credere,suvvia!
    Tanto spavento,ma grazie a Dio il sereno non si è fatto attendere.


  • semprevigile

    Ieri sera, verso le 22,30, da un terrazzo ho visto, unitamente ad altre persone, in lontananza, forse all’altezza dello sperone (Vieste) enormi e prolungati bagliori, fulmini nel cielo che mi fecero ritornare alla mente proprio tale fenomeno vissuto, tanti anni fa.


  • Michele

    Quoto Carmen, era solo un evento naturale che avviene in ogni parte del mondo…. Quanta inutile devozione… Tra l’altro è lo stesso articolo dello scorso anno… Cast ridotta cambia disco


  • Loredana Di Bari

    Il “cosone”: è così che ci riferiamo a quell’evento da quel giorno in famiglia!


  • Pasquale Canetti

    Io stavo portando in garage con mia madre quando la tromba oscurò tutto.


  • hey

    La processione fu sentita molto, la speranza, i canti ahahahahah e se eravamo in guerra? dai per favore ma occupatevi d’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi