Regione-TerritorioStato prima
Loizzo: "Wha deciso di non decidere sul caso dei marò italiani, in attesa dell’arbitrato internazionale dell’Aja"

Marò, tribunale di Amburgo ‘No al rientro di Girone’

"L’auspicio è che in sede di arbitrato internazionale dell'Aja, entrando nel merito del caso la Corte internazionale di Giustizia voglia mettere finalmente un punto fermo alla vicenda"

Di:

Bari – Il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, esprime “delusione” per la sentenza del Tribunale del mare, che ha deciso di non decidere sul caso dei marò italiani, in attesa dell’arbitrato internazionale dell’Aja . “Guardavamo tutti con fiducia ad Amburgo e ci attendevano di più: sento in questo di intrepretare il sentimento dell’intera Assemblea pugliese”, che ha più volte approvato ordini del giorno, chiedendo la liberazione del tarantino Massimiliano Latorre e del barese Salvatore Girone e soprattutto giustizia, rapida e obiettiva, per i fucilieri di Marina, soggetti in India a un procedimento penale che si è distinto per rinvii e prese di tempo interminabili. Per Loizzo, la decisione “mancata”, a maggioranza, dei ventuno giudici del Tribunale internazionale del diritto del mare “riporta la vertenza giudiziaria allo stallo inaccettabile e al rimpallo di competenze tra la Corte federale e il governo di Dehli. L’auspicio è che in sede di arbitrato internazionale dell’Aja, entrando nel merito del caso la Corte internazionale di Giustizia voglia mettere finalmente un punto fermo alla vicenda, in maniera positiva per i nostri ‘ragazzi’”.

Maro’, Damascelli (Fi): “Bandiera tolta dal Consiglio e stesa inopportunamente come un panno”. “Proprio nel giorno in cui il tribunale di Amburgo omette di decidere, inferendo un ulteriore colpo all’Italia e ai nostri due militari, è sparita la bandiera dei maro’, che sventolava su mia proposta, dal palazzo del Consiglio regionale. Mi auguro che il presidente Loizzo non ne sia a conoscenza e provveda nell’immediato a restituire dignità al simbolo di due figli della nostra Puglia”. Lo dichiara il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli. “Una bandiera -aggiunge- che oggi è stata disonorata perché è inopportunamente appesa ad un balcone in verticale nello stesso modo in cui si stendono i panni casalinghi. Chiedo, dunque, -conclude Damascelli- che si ripristini il decoro istituzionale e il rispetto per il dramma dei soldati e che quanto condiviso nel Consiglio trovi piena applicazione: siamo tutti con i nostri maro’, specie in giorni così triste in cui l’Italia riceve l’ulteriore schiaffo dalle istituzioni internazionali”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi