Foggia
Senatore della Repubblica Italiana dal 2001 al 2013

Monteleone, morto il senatore Carmelo Morra cordoglio

Morto nel pomeriggio di oggi nella sua abitazione di Monteleone di Puglia, aveva 71 anni

Di:

Foggia – QUEL male, il male incurabile lo ha portato via da questa Terra. Il Senatore Carmelo Morra è morto nel pomeriggio di oggi nella sua abitazione di Monteleone di Puglia, aveva 71 anni. Un tumore incurabile al pancreas ha avuto il sopravvento su di lui, uomo sempre in prima linea e vincitore di tante battaglie politiche e nella sua privata e professionale. Morra è stato Sindaco di Monteleone di Puglia fino al maggio scorso. Iniziò la sua vita politica nel Partito Socialista per poi passare definitivamente alla corte di Berlusconi in Forza Italia. Morra per alcuni anni è stato Presidente della Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali, poi Senatore della Repubblica Italiana dal 2001 al 2013.

Scomparsa senatore Carmelo Morra, il cordoglio dell’On. Antonio Pepe. “Non ci sono mai parole giuste per descrivere il dolore per la perdita di un amico. La scomparsa del senatore Carmelo Morra lascerà un vuoto incolmabile in coloro i quali, come me, l’hanno conosciuto ed hanno avuto la possibilità di collaborare con lui. Alla sua famiglia formulo le mie più sentite condoglianze e rivolgo un abbraccio affettuoso”. Così l’On. Antonio Pepe, già deputato e presidente della Provincia di Foggia, commenta la scomparsa del senatore Carmelo Morra. “La notizia della scomparsa di Carmelo Morra mi ha lasciato senza parole, riportandomi alla mente decenni di comune militanza politica nel Popolo della Libertà e di collaborazione istituzionale in Parlamento – dichiara l’On. Antonio Pepe –. Anni di battaglie comuni per la Capitanata, in cui la capacità di mediazione e la volontà di cercare convergenze sul merito dei problemi e delle questioni sono valse a Carmelo la stima ed il rispetto anche dei suoi avversari politici. È il ricordo più limpido che conserverò dell’amico prima ancora che del politico, di un uomo che ha amato la provincia di Foggia e la sua Monteleone di Puglia intensamente ed in modo appassionato”.

“Assieme a lui, nella sua veste di coordinatore provinciale della Forza Italia che si apprestava a dar vita al Popolo della Libertà, costruimmo la straordinaria vittoria che portò il centrodestra al governo dell’Amministrazione provinciale, in una campagna elettorale che Carmelo Morra seppe condurre con intelligenza politica e senza risparmiarsi – aggiunge l’On. Antonio Pepe –. Assieme a lui riuscimmo a lavorare con successo, all’interno del Piano per il Sud varato dal Governo Berlusconi, all’assegnazione alla Capitanata di decine di milioni di euro rivenienti dai Fondi Fas, i cui frutti il nostro territorio ha avuto la possibilità di vedere proprio negli ultimi anni”. “È un’eredità politica importante quella che Carmelo Morra lascia a ciascuno di noi ed a tutta politica di Capitanata, indipendentemente dagli schieramenti e dalle appartenenze – conclude l’On. Antonio Pepe –. Un’eredità fatta di passione e di moderazione che è nostro compito non smarrire per il bene della nostra provincia”.

Scomparsa del senatore Carmelo Morra: il cordoglio del Presidente del Consiglio Comunale Luigi Miranda. “La notizia della scomparsa del senatore Carmelo Morra mi addolora profondamente. Persona mite, attenta, sincera, sempre disponibile, Carmelo Morra è stato un uomo politico di forte spessore e notevole caratura. Lo ricordo sempre attento ai più giovani di Forza Italia, consapevole che l’esperienza è un valore da comunicare con generosità. Ricordo il suo sorriso bonario, la sua tensione costante, la sua energia. E ricordo la passione che lo muoveva, convinto sostenitore della necessità di una svolta liberale nel nostro Paese. Una convinzione profonda che lo portò, da socialista, in Forza Italia. Uomo delle istituzioni ha portato con dignità la fascia tricolore del suo paese di origine, e ha quindi ben rappresentato il territorio dauno al Senato della Repubblica. Perdo un amico al quale volevo bene. Forza Italia perde un dirigente esperto e competente, il territorio di Capitanata un uomo politico di grande levatura e che rimpegneremo a lungo”.

Scomparsa del senatore Carmelo Morra, il cordoglio del sindaco di Foggia, Franco Landella. “Con la scomparsa di Carmelo Morra la provincia di Foggia perde un politico appassionato, un uomo delle istituzioni che ha servito a lungo il nostro territorio, un politico lungimirante, animato sempre da una spiccata propensione a dialogo ed al confronto”. È il commento del sindaco di Foggia, Franco Landella, alla scomparsa del senatore Carmelo Morra. «Al senatore Morra ero legato da sentimenti di amicizia e stima, che la comune militanza politica in Forza Italia e nel Popolo della Libertà mi ha permesso di rafforzare e consolidare – afferma il sindaco di Foggia –. La sua scomparsa è una notizia che mi addolora profondamente e che lascia la Capitanata orfana di un politico capace di anteporre sempre le esigenze collettive all’interesse di parte. Uno degli uomini che ha segnato positivamente una stagione politica della nostra provincia, che dai banchi del Consiglio regionale prima e del Senato della Repubblica poi ha saputo essere un punto di riferimento per le nostre comunità e per le loro classi dirigenti». «Alla sua famiglia, a titolo personale ed istituzionale, formulo le condoglianze mie e dell’Amministrazione comunale. Il nostro dovere è oggi quello di non smarrire l’impegno del senatore Morra ed il suo lascito di passione politica, ma al contrario di mantenere vivi i suoi ideali nella nostra azione quotidiana – conclude il primo cittadino –. È questo il miglior modo per onorare la sua memoria, proseguendo nel solco tracciato da lui nei decenni spesi al servizio del nostro territorio».

Scomparsa Morra. Mongiello: “Il mio cordoglio per la famiglia del senatore con il quale ho condiviso l’impegno per la Capitanata”. “Esprimo il mio più sentito cordoglio alla famiglia di Carmelo Morra, colpita così duramente negli affetti. Con lui ho condiviso due legislature nel Senato e, seppure su fronti opposti, ho sempre trovato in lui il sostegno necessario a portare avanti l’interesse del territorio. E’ stato così per l’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare come per la vertenza aperta nei confronti di Ferrovie dello Stato quando sono iniziati i tagli ai collegamenti est-ovest e nord-sud. Anche in occasione della discussione sulla legge ‘salva olio’, destinata a tutelare e valorizzare la produzione Made in Italy, ho ottenuto il suo convinto sostegno. Con lealtà istituzionale e coerenza politica ci siamo confrontati e, in qualche caso, anche scontrati; mai, però, quando ad essere in gioco era il bene della Capitanata.
La scomparsa di Carmelo Morra ci priva di una personalità politica vocata alla moderazione e al dialogo, un gentiluomo sobrio e competente”. Lo dichiara l’on. Colomba Mongiello, componente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati.

Scomparsa senatore Morra. Cordoglio Gatta. “Oggi il centrodestra dauno e pugliese ha perso una sua vera punta di diamante: con la scomparsa del senatore Morra perdiamo un amico ed un riferimento politico-culturale che non ha mai smesso di dare il suo contributo costruttivo alla comunità”. Lo dichiara il Vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta. “Un uomo delle istituzioni -aggiunge- ed un politico che ha sempre coltivato il rapporto con il territorio, avendo guidato, tra l’altro, il Comune di Monteleone di Puglia. Esprimo la mia più sentita vicinanza ai suoi familiari -conclude Gatta- nella certezza che conserveremo insieme il ricordo di una figura esemplare per tutti noi”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • GRANDE Vincenzo


  • Marco Lello

    Ho avuto l’onore di conoscerlo e sono senza parole. Un uomo umile, un politico atipico in quanto onesto (ce ne sono pochi), capace e competente (ce ne se non pochissimi) che ti diceva sempre le cose in faccia senza false promesse (non esistono politici del genere). Ha amato con enorme passione la sua terra. Ricordo le giornate romane passate insieme, con te sempre a lottare per la tua terra e Monteleone in particolare. Ora ho avuto modo di sapere con quale ignobile comportamento alcuni codardi e vigliacchi lo hanno voluto salutare. Ma tu Senatore, li stari guardando dall’alto e starai dicendo, come hai sempre fatto,: Andiamo avanti, non pensiamo a queste cose. Ecco, voglio ricordarti cosi…un uomo che ha vissuto con solidi principi morali!!
    Per ultimo non smetterò mai di ringraziarti, non tanto per tutto il bene che hai fatto a me e alla mia famiglia ma perché sei stato semplicemente un maestro!!ORGOGLIOSO DI AVERTI INCONTRATTO IMMENSO SENATORE

  • Condoglianze alla mia insegnante moglie del senatore–scuola media Bovino anni 80_83.Carla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi