Manfredonia

AVIS Manfredonia – Amatrice gemellate dal 2012. Solidarietà a vittime

"Ora inizia la fase più difficile e sarà vitale la vicinanza che sapremo prestare alle vittime del terremoto"

Di:

Manfredonia. “Manfredonia e Amatrice sono unite, dall’agosto del 2012, da un filo sottile ma ben saldo: il gemellaggio dei sodalizi locali dell’AVIS. Esprimo, a nome della Città di Manfredonia, cordoglio per le vittime e profonda solidarietà per tutti coloro che si sono ritrovati, dalla sera alla mattina, e non solo ad Amatrice, a pensare come ricostruire la propria vita, prima che le città e i loro edifici.

“Ora inizia la fase più difficile e sarà vitale la vicinanza che sapremo prestare alle vittime del terremoto”


Ora inizia la fase più difficile e sarà vitale la vicinanza che sapremo prestare alle vittime del terremoto. La comune appartenenza al nostro splendido Paese ci saprà unire saldamente, il cuore immenso degli italiani non conosce ostacoli”. E’ quanto ha scritto sui social il sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • Vincenzo

    Quattro chiacchiere di solidarietà!
    Vai sul posto a fare il tuo dovere e rappresenti manfredonia


  • Miki

    Poveri terremotati ora saranno costretti a vivere per lunghi lunghi anni col freddo d’ inverno ed il caldo d’estate in precarie tentopoli mentre i nostri amici clandestini africani vivranno a nostre spese in alberghi e residence con colazione pranzo e cena.


  • antonella

    Disse l’uomo in vacanza ai caraibi.


  • Miki

    Vacanze ai Caraibi che centra ? haihaihai tranquill


  • Gemellati con Amatrice

    Manfredoniani
    Visto il devastante terremoto nel centro Italia, e visto il gemellaggio che la nostra Manfredonia ha con la città di Amatrice, sarebbe bello sensibilizzare l’ amministrazione locale nel tagliare parte dei festeggiamenti per la Madonna di Siponto, ad esempio i fuochi pirotecnici, per devolvere quei soldi agli amici di Amatrice….Condividete se siete d’ accordo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati