Foggia
"L’aspetto che mi fa più male è che siamo una squadra di calcio"

Foggia, una notte di paura. Stroppa “Crollava tutto”

L’aspetto che mi fa più male è che siamo una squadra di calcio e per questioni organizzative abbiamo deciso di ritornare a Foggia

Di:

Foggia. Anche i calciatori del Foggia protagonisti, loro malgrado, del terremoto che questa notte ha colpito il Centro Italia. I rossoneri sono infatti in ritiro da diversi giorni in quel di Norcia, città vicinissima all’epicentro, localizzato tra Accumoli ed Amatrice, nel reatino, e colpita in modo significativo dal sisma. Tanta paura, ma per fortuna nessun danno a persone nella cittadina umbra; spaventati anche i calciatori e gli accompagnatori del gruppo, tra cui lo stesso mister Stroppa, che ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito ai colleghi di Sky Sport.

Così il tecnico rossonero: “Intorno alle 3.40 è iniziato a tremare di tutto. Ci sono state delle scene di panico nelle scale per accedere al parcheggio sottostante l’hotel, dove siamo rimasti fino all’alba; i proprietari dell’albergo ci hanno dato una grossa mano anche per via del freddo. Siamo tutti un po’ scossi per quanto accaduto, la cittadina sta riprendendo un po’ la vitalità,ma tutto sommato i danni sembrano contenuti.”

Il Foggia si appresta all’inevitabile rientro anticipato dall’Umbria, anche il capitano Agnelli ha raccontato, tramite il sito ufficiale del club, gli attimi di terrore vissuti nella notte: “E’ stato bruttissimo, una esperienza davvero terribile. Appena avvertita la scossa siamo scesi subito in strada, qualcuno si è sentito male anche perché dopo la prima scossa la terra ha continuato a tremare, 18 scosse in un’ora e mezza e ancora adesso avvertiamo scosse. Qui a Norcia molti danni alle strutture, crepe sui muri, un campanile crollato, calcinacci caduti dai tetti, insomma tantissima paura ma niente danni alle persone. A pochi chilometri da noi, invece, tanti morti. Ecco, quando abbiamo realizzato che ad Amatrice, a solo 16 chilometri da qui, il paese è stato distrutto e ci sono stati tanti morti, allora abbiamo capito quanto siamo stati fortunati.

L’aspetto che mi fa più male è che siamo una squadra di calcio e per questioni organizzative abbiamo deciso di ritornare a Foggia, fa male, però andare via da qui. Vorremmo renderci utili” – spiega Agnelli –“fare qualcosa per chi sta male, ma ci hanno detto che non possiamo fare niente, che i soccorritori sono al lavoro. Torniamo a Foggia ma il cuore è vicino a tutti quelli che stanno soffrendo e alle famiglie delle vittime”.

(A cura di Salvatore Fratello, 24.08.2016)



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Miragas: lo stadio dei traditori sipontini

    Max solidarietà a tutto il Foggia Calcio, Padre Pio ha vegliato su di voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati