Manfredonia

Censimento Agricoltura, il Comune dimentica i disoccupati

Di:

Palazzo San Domenico (image luigialtervista)

Palazzo San Domenico (image luigialtervista)

Manfredonia – “NON siamo obbligati ad utilizzare personale esterno per il censimento agricolo””. Così dal Comune di Manfredonia relativamente al 6° Censimento Generale dell’Agricoltura indetto dall’Istat, censimento che affiderà il compito, dal 25 ottobre 2010 a tecnici del territorio, di ispezionare il territorio locale, sottoponendo un questionario di sedici pagine alle aziende agricole che vi operano.

IL CENSIMENTO – Sarà possibile effettuare le interviste sul campo fino al 31 gennaio 2011, ma i dati del censimento saranno comunque quelli ‘fotografati’ entro il 24 ottobre, il giorno scelto dall’Istat a cui i titolari delle aziende dovranno far riferimento per rispondere alle domande. Il censimento, che si svolge ogni dieci anni, interesserà aziende agricole e zootecniche, florovivaistiche e ortofrutticole, aziende di allevamenti di animali, cantine, frantoi e aziende di coltivazione con almeno un ettaro di superficie.

L’INGEGNERE DOMENICO CURCI RESPONSABILE DELL’UFFICIO DI CENSIMENTO – In vista della “complessa operazione censuaria” il Comune di Manfredonia, con delibera di Giunta Comunale n.186 del 26 maggio 2010, ha provveduto a costituire l’Ufficio Comunale di Censimento, individuato nell’Ufficio Agricoltura, e a nominarne responsabile il dirigente dell’8° Settore, Domenico Curci. Successivamente, con deliberazione n.357 ( La delibera , la Giunta Riccardi ha individuato otto rilevatori, che avranno il compito di aiutare i titolari delle aziende a compilare il questionario per il censimento, e il coordinatore delle operazioni, che dovrà supervisionare le attività di rilevazione e fornire l’aiuto necessario: Matteo Totaro, responsabile dell’Ufficio Agricoltura, coordinatore; Nicola Ciociola, ufficiale amministrativo dell’Ufficio Agricoltura, rilevatore; Giuseppina Sacco, operatrice amministrativa dell’Ufficio Agricoltura, rilevatore; Michelina Stipulante, addetta al Registro Dati dell’Ufficio Annona, rilevatore; Giuseppe Spano, addetto al Registro Dati dell’Ufficio Annona, rilevatore; Matteo Guerra, ufficiale amministrativo dell’Ufficio Annona, rilevatore; Lucia Pasqua, L.S.U. dell’Ufficio Attività produttive, rilevatore; Rosanna Di Giorgio, L.S.U. dell’Ufficio Annona, rilevatore; Antonio Telera, L.S.U. dell’Ufficio Attività produttive, messo.

A TOTALE CARICO DELL’ISTAT IL COMPENSO PER I RILEVATORI – “L’Istat coprirà interamente il compenso di rilevatori e coordinatori -afferma l’assessore alle Attività Produttive Antonio Angelillis-. Sarà un’indagine molto utile per avere il quadro completo dell’attuale situazione agricola, una situazione particolarmente delicata per la crisi economica che sta attraversando l’intero comparto. L’afflusso di dati sarà di aiuto agli esperti, che così potranno trovare le soluzioni migliori al preoccupante calo di redditività delle aziende”.

L’INDAGINE: UTILIZZATO PERSONALE INTERNO DEL COMUNE SENZA FAR RIFERIMENTO AI DISOCCUPATI LOCALI – In base a quanto riferito da uno dei rilevatori ai quali è stato affidato il compito di gestire il censimento agricolo, è stata l’amministrazione a stabilire il ricorso a propri dipendenti interni (del settore Annona, Agricoltura ed Lsu) per la redazione del censimento agricolo. Come si legge infatti nella delibera “considerato che è necessario provvedere alla selezione tra i dipendenti dell’Amministrazione che ha costituito l’Ufficio di censimento con propria deliberazione di G.C. n.186 del 26 maggio 2010. Ritenuto pertanto di individuare 9 dipendenti in possesso di requisiti in relazione alla peculiarità degli adempimenti richiesti ai fini dell’attribuzione di rilevatore e coordinatore…..”

Si ricorda che la somma prevista per le rilevazione oscillerebbe fra i 10 e 20 euro (lordi), “totalmente a carico dell’Istat”. Da oltre 10 anni a Manfredonia mancava il censimento suddetto.

IL COMUNE DI MANFREDONIA SCEGLIE IL PERSONALE INTERNO A DIFFERENZA DEGLI ALTRI COMUNI – Va rilevato come il Comune di Manfredonia abbia deciso di non ricorrere all’affidamento esterno per l’espletamento del servizio (disoccupati, in primis) a differenza di altre amministrazioni del territorio che si sono invece attivate per offrire pochi mesi di lavoro a tanti giovani che popolano le tristi e affollate statistiche di una pandemia diffusa nel sud: la disoccupazione.

QUI MONTE SANT’ANGELO: SELEZIONE PUBBLICA CON COMPENSO LORDO – L’indagine parte dal Comune di Monte Sant’Angelo dove è stata indetta una selezione pubblica per soli titoli per sette rilevatori esterni a cui conferire incarichi per l’attività di rilevatori per il sesto censimento dell’agricoltura per conto dell’Istat (Istituto Nazionale di Statistica). Si legge nel comunicato che “i compiti assegnati ai rilevatori saranno quelli di partecipare alle riunioni di formazione; contattare l’unità di rilevazione, effettuare l’intervista e compilare il questionario; aggiornare la lista delle aziende agricole; effettuare le verifiche di congruenza delle informazioni raccolte; effettuare le eventuali interviste per la risoluzione dei problemi riscontrati; consegnare, con frequenza almeno settimanale, i questionari compilati all’ufficio comunale di censimento, conservandoli nel rispetto della normativa in materia di riservatezza dei dati personali; riferire su eventuali problematicità al coordinatore di competenza o direttamente al responsabile dell’ufficio comunale di censimento”. L’incarico di rilevatore si configura come un rapporto di lavoro autonomo occasionale e sarà corrisposto un compenso lordo, commisurato al numero ed al tipo dei questionari censuari riconosciuti regolari, secondo i parametri previsti dalla normativa nazionale e regionale sul censimento.

QUI CERIGNOLA: RICERCATI FRA I DISOCCUPATI 36 RILEVATORI E 6 COORDINATORI -Anche il Comune di Cerignola, nel cui territorio operano oltre 4mila azienda agricole, assumerà per quattro mesi 36 rilevatori e 6 coordinatori. Ogni rilevatore censirà un determinato numero di aziende, sottoponendo ad ogni proprietario un questionario, per analizzare i dati riguardanti le caratteristiche dell’azienda stessa, l’estensione dei terreni coltivati, le produzioni realizzate, i macchinari utilizzati. L’amministrazione comunale si rivolge, in particolare, ai giovani senza lavoro «Abbiamo voluto dare un segnale di disponibilità nei confronti dei tanti nostri concittadini disoccupati – spiega Stefano Palladino, assessore al personale – molti dei quali appunto giovani, che, nonostante i titoli acquisiti a livello scolastico e la loro formazione professionale, non riescono a trovare un’occupazione».

QUI MATTINATA: SELEZIONE COMPLETAMENTE NUOVA – Mentre il Comune di Mattinata risponde con prontezza alla possibilità di selezionare giovani rilevatori con la finalità di formare una graduatoria tutta nuova senza nessun legame con i già inseriti dipendenti comunali.

QUI LUCERA: SELEZIONE PUBBLICA – E infine il Comune di Lucera non manca all’appell di reperire nuove figure professionali per conto dell’ISTAT sulle operazioni relative al 6° Censimento dell’Agricoltura, effettuando una selezione per il reclutamento di 14 Rilevatori e 2 Coordinatori.

QUI DI NUOVO MANFREDONIA. UN POSTO AL SOLE PER GLI INQUILINI DI PALAZZO SAN DOMENICO – A Manfredonia al contrario – dove il lavoro rappresenta “un’ossessione” tanto per i cittadini tanto per le istituzioni, in primis dopo le chiusure continuate delle società del Contratto d’Area territoriale – l’amministrazione ha ritenuto invece preferibile “puntare” su quanti già erano impiegati Palazzo San Domenico. Non volendo in questo modo ricorrere a corsi di formazione per le nuove leve. “Non era obbligatorio” hanno detto dal Comune. Opportuno a questo chiedere un parere ai disoccupati locali.



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • antonio

    occorre capire se tali dipendenti percepiranno premialità per questo lavoro.Allora si spiegherebbe sia la decisione sia l’indicazione dei nomi (cocchini). Quando le consulenze esterne non sono possibili si forza la mano e si effettuano comunque, quando sarebbe possibile invece si attribuiscono benefits ai propri servi. Mah…


  • gt

    “Da oltre 10 anni a Manfredonia mancava il censimento suddetto.”

    Che vuol dire questa frase?!
    il Censimento si fa per norma di legge ogni 10 anni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi