Regione-Territorio

Aeroporto Brindisi, Congedo: “Air One molla il Papola-Casale”

Di:

Salvatore Congedo (Pdl)

Salvatore Congedo (Pdl)

Roma – IL consigliere regionale del Pdl Saverio Congedo con una interrogazione urgente invita la Giunta regionale e, in particolare, l’assessore ai trasporti Guglielmo Minervini ad attivarsi per verificare l’annunciato taglio dei voli da Brindisi per Malpensa da parte della compagnia Air One, che indebolirebbe significativamente lo scalo aeroportuale della città messapica.

“La prospettiva del taglio dei voli per Milano da parte di Air One – dice Congedo – prefigura una pesantissima tegola non solo per l’aeroporto di Brindisi, ma per tutto il sistema pugliese dei trasporti. In un contesto, peraltro, di grave ritardo infrastrutturale che la nostra regione ed il Salento pagano in questo settore. Non è certo uno scenario confortante la cancellazione oggi di circa 100 voli a settimana, anche perché Brindisi già rischia un dimezzamento generale del traffico se realmente Ryanair nel 2014 abbandonerà la Puglia”.

“Considerato che in questo caso – spiega il consigliere regionale – tale scelta penalizzante per il Papola Casale non dipende da fattori strettamente economici e di redditività della presenza di Air One, ma da dinamiche diverse e da rapporti di respiro europeo e di presenza a Malpensa di compagnie straniere, è necessario che la Giunta della Regione Puglia e gli assessori competenti si facciano carico al più presto di questo problema e verifichino al più presto con i vertici della compagnia la fattibilità di scelte diverse da quelle annunciate. L’enorme penalizzazione che il taglio dei voli per Milano porterebbe ai nostri viaggiatori su una tratta così importante – conclude – rende doverosa da parte del governo regionale una energica azione di pressione istituzionale che scongiuri tutto questo”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi