ManfredoniaScuola e Giovani

Studio e ricerca scientifica, protocollo UniFg-Parco

Di:

Firma protocollo Rettore Università Foggia e presidente Parco del Gargano (st@)

Monte Sant’Angelo – L’UNIVERSITA’ di Foggia ed il Parco Nazionale del Gargano hanno suggellato attraverso un protocollo d’intesa, un patto di reciproca collaborazione per mettere in campo le migliori professionalità al fine di elaborare progetti per la tutela, la conservazione e la valorizzazione del territorio. L’atto è stato sottoscritto dal Magnifico Rettore, Prof. Giuliano Volpe, e dal Presidente, Avv. Stefano Pecorella.

Con questo protocollo, le due istituzioni intendono collaborare per realizzare attività di studio e di ricerca scientifica, reperimento, conservazione e anche restauro di beni di interesse preistorico, storico, etnografico, archeologico e culturale. Impegni concreti dovranno essere volti a pianificare ed attuare interventi di collaborazione in specifiche attività a livello di: didattica, formazione continua e d’eccellenza, internalizzazione e governance.

“Abbiamo ritenuto opportuno che in questo particolare momento di fragilità il territorio avesse dei punti di riferimento di alto livello – ha spiegato il Rettore Volpe -. Questa intesa rappresenta una ‘naturale’ unione d’intenti mirata a sviluppare azioni sinergiche per condividere le migliori pratiche per lo studio, l’applicazione, il monitoraggio e la gestione, del migliore know how a disposizione dell’Università nell’area parco e nell’area marina protetta delle Isole Tremiti. Sono certo che questa alleanza con l’Ente Parco, che in questo biennio ha dimostrato lungimiranza negli interventi e sensibilità nel coinvolgimento degli giusti stakeholders, sarà fruttuosa e contribuirà alla tanto attesa svolta economico-sociale”.

“Alla base di questa intesa con il mondo accademico vi è la la consapevolezza di creare stabili esempi di progettazione e pianificazione strettamente legati alle peculiarità del nostro territorio e delle sue inestimabili risorse ambientali, storiche e religiose. I nostri giovani,inoltre, hanno bisogno di poter investire le loro energie in un sistema in grado, attraverso i suoi principali attori istituzionali, sociali ed economici, di creare condizioni durevoli di sviluppo. Ringrazio il Rettore Volpe per la sensibilità e sollecitudine con la quale ha risposto alla richiesta del Parco e mi auguro che a breve si possa già concretamente predisporre la prima linea di intervento.”


Redazione Stato



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • nominato


  • Redazione

    Nasce la cabina di regia del Parco del Gargano. Bene

    Viene sottoscritto il patto di ferro tra Parco e Unifg. Benissimo.

    DISAPPUNTI:
    Ma……..dove verranno pubblicate “ le attività di studio e di ricerca scientifica, ecc. ”finanziate ????????. Una banale dimenticanza nei comunicati stampa? Un dettaglio insignificante? No.

    Un vezzo storico dei Media e degli Amministratori di turno a non
    tenere nella giusta considerazione i diritti del Cittadino a conoscere ed apprezzare i percorsi, il respiro, le emozioni, le evoluzioni, i risultati delle attività che contribuisce a finanziare. Eppure. Basterebbe una semplice frase in coda alle convenzioni di turno, tipo:“Con l’obbligo della pubblicazione dei percorsi e risultati delle attività finanziate in un sito di riferimento dei contraendi, atto alla gratuita e libera consultazione da parte del Cittadino.”
    NON SO!!!!!!!!!!

    (Fs)


  • Redazione

    Risposta (USeC – Parco)

    Tutti gli step ed iter degli atti come previsto per norma saranno pubblicati integralmente sul sito web dell’ente, saranno ampiamente divulgati attraverso gli organi di informazione (nonchè social network) e con incontri pubblici con i cittadini. I protocolli non hanno costi nè per il Parco nè per l’Università poichè sono coinvolte le risorse umane e il know how esistente ciascuno per le proprie competenze. I finanziamenti per la realizzazione delle attività saranno reperiti attraverso la partecipazione a bandi regionali, nazionali ed europei (nessuna superconsulenza per nessuno).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi