Manfredonia
Fotogallery Benedetto Monaco

Manfredonia, “40 anni… troppo schifo per poter dimenticare”

"Oggi, nulla è cambiato: la speculazione e lo sfruttamento del nostro territorio continua imperterrito"

Di:

Manfredonia. ”A quarant’anni dal disastro ambientale che ha segnato le sorti della nostra terra, gli studenti e le studentesse di Manfredonia sono scesi in piazza per riconoscere il passato, incidere sul presente, riappropriarsi del futuro. Quasi mezzo secolo fa scoppiava la colonna di ammoniaca contenente arsenico dell’Anic, industria petrolchimica situata in prossimità di Manfredonia, diffondendo una nube tossica che inquinò e avvelenò brutalmente i territori e i cittadini.

Oggi, nulla è cambiato: la speculazione e lo sfruttamento del nostro territorio continua imperterrito, con gli stessi ricatti, trasformati e cambiati di nome.

Energas è alle porte. Gli studenti e le studentesse di Manfredonia hanno attraversato in corteo le vie del centro cittadino, per ricordare quello scempio di umanità e territorio e opporsi al prossimo. Riteniamo fondamentale informare e informarci, sappiamo che la scuola è un luogo dove poter creare narrazioni nuove, immaginari condivisi e collettivi, fuori dalle logiche dell’occultamento e della disinformazione. Un luogo dove poter creare sapere vivo e condiviso che diventi baluardo contro gli abusi che da mezzo secolo subiamo passivamente.

Nelle strade, nelle piazze e nelle scuole vogliamo praticare e ridare senso alla memoria collettiva, perché è l’unico atto di dignità per sentirsi cittadini e non sudditi.

La memoria è nelle strade!” (nota stampa)

FOTOGALLERY BENEDETTO MONACO



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • I lupi affamati si possono combattere!

    E’ venuto il Sindaco a dare conforto a questi ragazzi? E venuto qualche politico in piazza a confrontarsi con la gente che protesta? L’unica personalità’ che vidi confrontarsi con i giovani e con coraggio e senza nascondersi fu l’ex Assessore Palumbo ed ella mi fece davvero una bella impressione.


  • Popolo di falsi e leccaculi

    Come mai il Caons, il movimento 5 stelle, Manfredonia nuova, Forza Italia, Pd, rifondazione Comunista, area popolare, legambiente, lipu, Guardie ambientali, volontari di terra, di aria e di mare, Club velici e Lions, bar, ristoranti, magnacci e puttane..nessuno che si sia affiancato al corteo? Allora l’energas la vogliamo tutti in questa città? Allora Menale asfaltali tutti e se metti a lavorare 200 persone fai un deposito di Gpl di un miliardo di litri di capienza con 150 superbomboloni da oltre centro metri, sai perchè questa ti ama..è tutta una finzione, ti amano tutti, hai il consenso di tutti!!


  • SINDACO NON SEI TU CHE MI HAI DELUSO SONO ALTRI..

    SI CRITICA IL SINDACO PERCHE’ NON ORGANIZZA NULLA! HA RAGIONE IL SINDACO A NON FARE NULLA! SINDACO FORSE SEI L’UNICO CHE HAI CAPITO TUTTO DI QUESTA CITTA’ NON LOTTARE PER L’OSPEDALE PER L’ENERGAS, SE ORGANIZZI UNA PROTESTA NON TI SEGUIREBBE NESSUNO PERCHE’ SIAMO UN POPOLO DI MERDA E RIMANERESTI SOLO! OGGI HO AVUTO LA PROVA DI QUELLO CHE SOSPETTAVO! SINDACO VAI AVANTI PER LA TUA STRADA NOI SIAMO UN POPOLO DEGNI DI ESSERE SFRUTTATI E MALTRATTATI SIAMO UN POPOLO SENZA DIGNITA’ UN POPOLO COSI IDIOTA CHE NON CI MERITIAMO UN SINDACO O UN AUTORITA’ DELLO STATO, MA CI MERITIAMO UNO SCHIAVISTA CON LA FRUSTA CHE CI FACCIA SOFFRIRE E CI UMILI!


  • Super Star

    Ragazzi, avete fatto bene a ricordare le cose tristi del passato e del presente in modo da vedere chiaro il futuro. Hanno fatto bene i rappresentati e amministratori della cosa pubblica a non partecipare di persona perchè avrebbero oscurato il vostro entusiasmo. Ma statevene tranquilli che tutti vi vedono e vi pensano e il nemico comune è sotto controllo.
    A Filippi


  • Michele

    Ma vi siete chiesti; nel lontano anno 1988 Cavicchia Silvio e Castrignano Salvatore quale posizione avevano nei confronti dell’ENICHEM? Pare che erano a favore dei lavoratori del ENICHEM sapendo che non portava cioccolatini ma ben si morte e malattie fino oggi e non si sa Quando finirà…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati