Foggia
A cura di Salvatore Fratello

Calcio, Foggia capolista. “I tifosi? Meravigliosi”

Di:

Foggia. L’ambiente del Foggia si gode il successo sul Monopoli. Nella conferenza post-partita, a parlare del match appena concluso e del momento rossonero sono stati mister Stroppa, Antonio Vacca, migliore in campo dei suoi, ed il team manager Colucci.

Soddisfatto ma sempre cauto mister Stroppa: “Pubblico assolutamente speciale. Abbiamo fatto un primo tempo straordinario, ma nei primi 15 minuti la parte determinante può essere stata la cornice dello stadio. Sono estremamente soddisfatto per la gara di stasera: avevamo un avversario importante di fronte, e nel primo tempo non abbiamo concesso opportunità, tranne dopo uno svarione di Martinelli; nel secondo tempo forse c’è stata un po’ di superficialità. A livello di ricerca di gioco abbiamo fatto anche altre gare di ottimo livello, in quella di stasera siamo arrivati a concludere di più. A me fa piacere che la squadra abbia risposto nel miglior modo possibile, bisognava confermare quello fatto fin qui e dovevamo far sembrare un episodio quello di Castellammare. Padovan è difficile lasciarlo fuori in queste condizioni, fa giocare la squadra, ha un peso specifico importante; Mazzeo può ricoprire tutti i ruoli dell’attacco, si vede che ovviamente è abituato ad attaccare sempre la porta. Abbiamo dato un segnale, ci siam ripresi la posizione che meritiamo, ma dobbiamo migliorare tanti aspetti che fin qui ci hanno visti protagonisti. Più tiri dalla distanza? Avendo queste qualità in campo, puoi lavorare sotto tanti aspetti, abbiamo giocatori con qualità balistiche importanti. Sarno probabilmente tra mercoledì e giovedì tornerà ad allenarsi con la squadra. Mi preme insistere sulla parola equilibrio: il campionato è lunghissimo” – dice – “e come visto, la sconfitta contro la Juve Stabia non rispecchiava una crisi. Bisogna sempre mantenere l’equilibrio giusto per poter continuare a credere in quello che stiamo facendo. Sainz-Maza? Ha delle qualità incredibili, non gli manca niente, calcia con entrambi i piedi, l’unico difetto che ha è che forse non sa lui stesso quanto sia forte: è un giocatore straordinario, altri hanno caratteristiche specifiche eccellenti, lui è l’esterno più completo”.

Tocca poi ad Antonio Vacca, autore della prima rete: “Il gol? Mi è stata scaricata palla da Gerbo e l’ho controllata proprio per andare al tiro, poi ci ha pensato il Signore a indirizzarla in porta. Non avevo mai segnato così in carriera. Cerco sempre di divertirmi, spesso accade che quando mi diverto gioco anche bene, e quando gioca bene chi deve far girare la squadra, gira bene tutto. A Castellammare è stata una sconfitta che ci ha incattiviti, oggi siamo scesi in campo con ulteriore rabbia.Da quando sono arrivato, Quinto è stato sempre criticato, ecco perché sono andato da lui dopo il gol, non è facile giocare quando la gente ti va contro, nonostante abbia una grande personalità. Dedica a lui ed al mio procuratore che mi è vicino ogni giorno. Lo scorso anno avevo un tecnico che mi ha fatto da maestro, ho imparato tante cose a livello tattico grazie a lui. Il gioco bene o male è rimasto lo stesso, il nuovo allenatore è stato intelligente e umile a non rivoluzionare quanto di buono fatto in passato. Rispetto allo scorso anno, forse verticalizziamo di più. Ma non dimentichiamo che lo scorso anno giocando in orizzontale, siamo stati il miglior attacco del campionato. A Lecce andremo con grande mentalità e grande umiltà. Ne verrà fuori sicuramente una grande partita. Mercato? Se sono qui è perché fino ad adesso ho meritato la Lega Pro, a gennaio si vedrà, se arriveranno offerte, saranno la società e il mio procuratore a valutarle”.

Chiude poi il team manager Colucci: “Vittoria importantissima, venivamo da quattro pugni in faccia presi a Castellammare. E’ un gruppo solido questo, la vittoria in Coppa Italia ci ha dato ulteriore forza. Era una partita che ci aspettavamo difficile ed è stata così, perché in un frangente della partita li abbiamo rimessi in carreggiata, abbiamo però una giusta maturità per poter portare a casa le partite. Da ex giocatore, dico che gare come quella che ci aspetta a Lecce sono quelle che ogni giocatore vorrebbe giocare: abbiamo la possibilità di mostrare la nostra forza e ci sarà tutta Italia a vederci, sarà una bella atmosfera. I nostri giocatori sanno come gestire partite del genere. Abbiamo la fortuna di avere un allenatore veramente preparato, il consiglio che posso dare è sempre quello di preparare la gara con serenità. I passi falsi vanno visti su ampia scala, ci possono stare, ma bisogna avere la consapevolezza che questa squadra è costruita per vincere. I ragazzi sanno che se stanno bene, se giocano bene, tutta la città sta bene. Vacca? Questo è un gruppo legato alla maglia, alla città, a quello fatto lo scorso anno, ad un unico obiettivo, Antonio credo sia uno degli attori principali. Se arriverà qualcosa di irrinunciabile per noi e per lui glielo diremo senza dubbio, ma penso che lui abbia davvero a cuore questa squadra. E’ un giocatore straordinario, vede prima le cose, ed è un vantaggio in questa categoria. Pubblico? Mi aspettavo qualcosa in meno a dire la verità, ma questi tifosi sono meravigliosi”.

(A cura di Salvatore Fratello, Foggia 24.10.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati