Manfredonia

Energia: brutte sorprese con le bollette “Tutto compreso”

Si rischia di pagare anche il doppio di quanto si pagherebbe rimanendo sul mercato tutelato

Di:

Roma. Federconsumatori ritiene urgente informare i cittadini circa il pericolo di imbattersi in offerte poco vantaggiose, che comportano bollette esorbitanti e non previste. Molti utenti, spinti anche da ammalianti pubblicità, aderiscono a contratti di fornitura Luce Gas a prezzo fisso mensile. Si tratta delle famose taglie small-large-extralarge che promettono un prezzo fisso mensile per forniture di energia elettrica o gas fino ad un certo limite.

Federconsumatori sconsiglia di sottoscrivere tali contratti senza un preventivo ed accurato esame, perché possono nascondere amare sorprese per gli addebiti di consumi extrataglia, che raggiungono cifre stratosferiche. Si rischia di pagare anche il doppio di quanto si pagherebbe se si rimanesse nel mercato tutelato. Federconsumatori riceve continue segnalazioni di utenti che, a fronte di promesse di costi annui pari a circa 1200 euro, si sono trovati a pagare 3.000 euro. In tali offerte vengono prospettati costi mensili di 80/120 euro, mentre alla fine il costo del gas a metro cubo viene a costare 1 euro contro prezzi medi di 0,75 centesimi.

Le pubblicità spesso minimizzano o nascondono accuratamente di dire che i prezzi sono al netto di imposte ed Iva e che se si supera il limite i prezzi lievitano al di sopra di ogni ragionevole aspettativa. I contratti, spesso telefonici, non spiegano bene i meccanismi di applicazione delle tariffe. Federconsumatori consiglia, quindi, di fare attenzione prima di sottoscrivere questi contratti e di chiedere sempre prima una copia delle condizioni generali di contratto applicate da potere leggere con calma. I nostri sportelli sono a disposizione dei cittadini per la consulenza e le informazioni circa questo tipo di contratti.

Non esiteremo a segnalare all’Antitrust eventuali pubblicità ingannevoli relative a tali offerte. Offerte di questo tipo, caratterizzate da poca trasparenza, sono il motivo per cui ci auguriamo che il DDL Concorrenza, che prevede l’abolizione del mercato tutelato, venga cestinato definitivamente.

(NOTA STAMPA)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati