FoggiaSport
I fantasmi si allontanano dallo ”Zac”

Foggia, ancora un poker: è vetta (FOTO)

Nella ripresa non cambia il copione del match

Di:

Foggia. Secondo poker rossonero, i fantasmi si allontanano dallo”Zac”. Nel pienone dell’impianto foggiano (circa 10000 i presenti), i padroni di casa stendono 4-1 il Monopoli dopo una prestazione di altissimo livello, e riguadagnano la vetta del girone C; deludente la prova della compagine ospite, che arrivava alla sfida dopo una striscia di quattro vittorie consecutive.
Modulo a specchio per i due tecnici, nel 4-3-3 di Stroppa sono Mazzeo e Chiricò a sostenere il centravanti Padovan, mentre in quello di Zanin ci sono i recuperati Genchi ed Esposito, in dubbio per tutta la settimana. Parte bene il Foggia, che al 1’ ci prova con Chiricò, la cui conclusione mancina a giro termina larga alla destra della porta difesa da Mirarco; qualche istante più tardi, nuovo brivido per gli ospiti, Padovan impatta con un bel colpo di testa su corner di Chiricò, la sfera supera di poco la traversa. Opportunità clamorosa per i Satanelli al 10’, con Angelo che crossa basso, Mirarco che in tuffo respinge direttamente sui piedi di Padovan, il quale spara altissimo a porta sguarnita.

Minuto 19, è ancora Padovan a provarci, ma la sua girata dall’interno dell’area finisce fuori di poco. Al 26’ si vede il Monopoli, con Montini che ruba palla a Martinelli, serve Viola, il cui cross pesca Gatto, che conclude bene di testa, trovando però l’intervento puntuale di Sanchez. Sul ribaltamento di fronte, il Foggia trova il vantaggio: traversone allontanato dalla difesa ospite, Vacca riceve palla e dai venticinque metri lascia partire una fucilata che non lascia scampo a Mirarco, scatenando il delirio dello “Zaccheria”. Il vantaggio galvanizza i rossoneri, che spingono alla ricerca del raddoppio, che giunge puntuale al 33’: schema da calcio d’angolo, Chiricò crossa per il più arretrato Rubin, che dalla lunga distanza lascia partire un mancino sul quale Mirarco non interviene al meglio e che termina in fondo al sacco. Padroni di casa sempre pericolosi sui calci piazzati, al 39’ il traversone di Chiricò da calcio d’angolo è buono per Agnelli, che in girata coglie il palo interno, con la difesa che poi allontana; qualche istante più tardi l’attaccante salentino si mette in proprio e scalda i guantoni di Mirarco con un bel tiro, respinto dall’estremo difensore in corner. L’ultima opportunità della prima frazione è ad opera di Gerbo, che conclude alto di poco dal limite; si va dunque all’intervallo sul 2-0.

Nella ripresa non cambia il copione del match, i rossoneri continuano a spingere sull’acceleratore, senza però riuscire a pungere dalle parti di Mirarco. Al 60’ ci prova Pinto, la cui conclusione termina alta non di molto. È il preludio alla rete ospite, che riapre i giochi sessanta secondi più tardi: traversone di Genchi dalla sinistra, Montini riesce ad impattare di testa in area piccola e battere Sanchez, accorciando le distanze. Il Foggia riprende subito in mano le operazioni, provando a colpire su calcio piazzato al 67’, con la punizione dal limite di Chiricò che viene respinta da Mirarco. Al 74’ i Satanelli trovano il tris: gioco di prestigio di Vacca, autentico dominatore del centrocampo, e passaggio rasoterra per Padovan, che dalla destra fulmina con precisione Mirarco, riportando a due le lunghezze di distanza. Nei 4’ di recupero, prima ci prova Angelo, il cui diagonale sfila a lato poi, al 93’, arriva il poker degli uomini di Stroppa: contropiede gestito da Sainz-Maza, che arriva al limite e calcia, superando Mirarco. Al triplice fischio è tripudio rossonero, Agnelli e soci vincono 4-1 e recuperano la vetta della classifica, approfittando dello stop del Lecce a Catania; resta a quota 17 il Monopoli, che comunque resta nelle zone alte della graduatoria.

TABELLINO
FOGGIA: (4-3-3) Sanchez; Angelo, Martinelli, Coletti, Rubin; Vacca, Agnelli, Gerbo (dall’83’ Agazzi); Chiricò (dall’89’ Sainz-Maza), Mazzeo (dal 70’ Letizia), Padovan. A disp.: Tucci, Loiacono, Quinto, Sicurella, Dinielli, Riverola, Sansone. All.: Stroppa.
MONOPOLI: (4-3-3) Mirarco; Ricucci (dal 73’ Forbes), De Vito, Esposito, Pinto; Nicolini, Sounas, Viola; Montini, Genchi, Gatto (dal 50’ Balestrero, dal 56’ Ferrara). A disp.: Pellegrino, Franco, Cassano, Mercadante, Mouzakitis, Mavretic, D’Auria, Bei, Difino. All.: Zanin.
Arbitro: sig. Giua di Olbia.
MARCATORI: 28’ Vacca (F), 33’ Rubin (F), 61’ Montini (M), 74’ Padovan (F), 93’ Sainz-Maza (F).
AMMONITI: Gerbo, Martinelli (F); Ricucci, Sounas (M). – ANGOLI: 15-1 per il Foggia. – RECUPERI: 0’ p.t.; 4’s.t..

fotogallery vincenzo maizzi

(A cura di Salvatore Fratello, Foggia 24.10.2016)



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • ex tifoso Manfredonia

    Per fortuna c’è il grande Foggia che andrà pure in serie B alla faccia dei traditori del Miramare.


  • ultras

    da che mondo e mondo nn ho mai visto un manfredoniano elogiare la prestazione del foggia. Ma quando mai si è vista una cosa simile voi e tutti gli altri che ora criticate il manfredonia siete gente che mai è venuta allo stadio e se ci è venuta è stato solo perchè glielo hanno regalato il biglietto voi volevate solo un pretesto per far fallire tutto. Anche io sono contro energas ma non per questo nn vado allo stadio se in un futuro sdanga lasciasse la società ed entrasse qualcuno serio voglio vedere il miramare gremito come ai tempi della lega pro in quel caso non ci sarà come sponsor energas e non potrete dire nulla. Ma tanto che parlo a fare voi siete gente che odia tutto ciò che esiste sulla terra non vi andrà mai bene nulla uno schifo che vergogna essere concittadino di tutta questa gentaglia.


  • ultras

    anzi aggiungo tutti voi trasferitevi a foggia che solo li potete stare sti quatt magn mosch d merd andate a tifare il vostro grandissimo foggia ohhhh che bella soddisfazione tifare la squadre di un’ altra città vero


  • Miragas: lo stadio dei servi.

    Mai più nella fossa del gas!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati