FoggiaManfredonia
"Il ruolo della Scuola nella tradizione dei classici latini: tra Fortleben ed esegesi"

Foggia, “I classici nella scuola, tre giorni di dibattiti sulla fortuna dell’antico”

L'Università di Foggia organizza un convegno internazionale tra il Dipartimento di Studi umanistici e il liceo classico Lanza, ospiti le Università di Parigi (IRHT) e Madrid (Complutense)

Di:

Foggia. Il Dipartimento di Studi umanistici. Lettere, Beni culturali e Scienze della formazione dell’Università di Foggia in collaborazione con il liceo classico Vincenzo Lanza di Foggia ha organizzato, dal 26 al 28 ottobre, un convegno scientifico internazionale sulla fortuna dell’antico dal titolo “Il ruolo della Scuola nella tradizione dei classici latini: tra Fortleben ed esegesi”.

Tre giorni di incontri, confronti, dibattiti e lezioni sperimentali durante cui si alterneranno alcuni docenti ed esperti provenienti da diverse Università italiane e straniere, come nel caso dell’IRHT (Institut de recherche et d’histoire des textes) di Parigi e dell’Università Complutense di Madrid. «Si tratta di una importante occasione sociale oltre che scientifica – spiega il Prorettore e delegato alle Politiche culturali dell’Università di Foggia, prof. Giovanni Cipriani – poiché, attrarre a Foggia una grande quantità di docenti provenienti da diverse Università italiane e straniere per un tema così delicato, rappresenta per l’Università di Foggia motivo di evidente orgoglio. Ma deve esserlo soprattutto per la città e per i nostri studenti, ai quali cercheremo di documentare come l’antico abbia avuto la “fortuna” di giungere fino a noi e abbia tuttora la “forza” di imporre alla modernità di non poterne fare a meno».

Si comincia mercoledì p.v. all’aula magna del Dipartimento di Studi umanistici. Lettere, Beni culturali e Scienze della formazione (via Arpi 176, Foggia) con i saluti istituzionali e con la prima serie di interventi incentrati perlopiù sulle tracce dei classici nell’età moderna: da segnalare, da programma intorno alle ore 16,00, l’intervento del prof. Vicente Cristóbal López dell’Universidad Complutense di Madrid sulle “Immagini del maestro e della scuola nella poesia latina”. Il giorno dopo, giovedì 27 ottobre, i lavori si trasferiranno all’aula magna del liceo classico Vincenzo Lanza (piazzale Italia, Foggia) cominciando a entrare più nel merito e illustrando agli studenti gli strumenti didattici e scientifici per potersi avvalere degli insegnamenti e dei lasciti culturali del passato: anche in questa sessione di lavori, tra tutti gli altri previsti segnaliamo l’intervento del prof. Frédéric Duplessis del CNRS, Fondation Thiers di Parigi sulla “Introduction en Italie des scholies de Rémi d’Auxerre sur Juvénal”. Ultima giornata quella di venerdì 28 ottobre, nuovamente all’aula magna del Dipartimento di Studi umanistici. Lettere, Beni culturali e Scienze della formazione (via Arpi 176, Foggia), dove sono previste le conclusioni dei lavori segnatamente affidate, tra gli altri, al prof. Domenico De Filippis dell’Università di Foggia sulla “Didattica e pedagogia nella Roma del primo Cinquecento”.

«La fortuna di un autore antico – aggiunge il prof. Giovanni Cipriani – è decretata dalla scuola, che ne adotta l’opera e provvede alla sua conservazione e alla sua riproducibilità, la inserisce in programmi d’insegnamento e in sillogi didattiche, la correda di meccanismi didascalici. Questo convegno internazionale si iscrive nell’ambito di una serie di attività e di iniziative culturali che intendono indagare la fortuna e la ricezione delle letterature e delle arti antiche, cristiane e medievali: è proprio questo campo di studi ad aver costituito l’area privilegiata, in cui risiede l’impegno scientifico e didattico del Dipartimento di Studi umanistici dell’Università di Foggia».



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati