Cronaca
Promosso nel palinsesto dell’Aeroporto di Fiumicino su totem e monitor

Il Museo Vivente di Alberobello: un evento da non perdere!

Loredana Capone: “ E’ la strada del recupero della nostra identità con eventi attrattivi per il turismo fuori stagione”.

Di:

Alberobello. Sui totem e monitor posizionati nel terminal 1 dell’Aeroporto Internazionale “Leonardo da Vinci” di Fiumicino verrà promosso come “evento da non perdere” ai passeggeri in partenza anche il Museo Vivente del Trullo di Alberobello. Il progetto di Alberobello è stato inserito nel palinsesto dell’Aeroporto “Leonardo da Vinci” su proposta di Italive.it, che per conto di Autostrade per l’Italia informa gli automobilisti su quello che accade nel territorio che attraversano con un calendario aggiornato dei migliori eventi organizzati, anche alla scoperta di eccellenze enogastronomiche. Molto soddisfatti il Comune di Alberobello che in collaborazione con ARTECA, l’Associazione per il Recupero delle Tradizioni e della Cultura di Alberobello, organizza il suggestivo MUSEO VIVENTE DEL TRULLO. Si tratta di un museo a cielo aperto in cui gli abitanti di oggi vestono i panni di quelli di due secoli fa, per immedesimarsi nella loro vita e nelle loro attività. Il Rione Aia, Patrimonio Unesco, è il luogo perfetto per far rivivere l’antica atmosfera della vita quotidiana degli inizi dell’Ottocento grazie a guide/attori che interpretano gli artigiani, i contadini, le donne, i bambini, i venditori e introducono il visitatore nella storia e nel contesto ambientale.

Il recupero della nostra identità e la rivisitazione dei saperi e dei sapori che si stanno perdendo è uno degli obiettivi della valorizzazione dell’offerta turistica pugliese e della sua destagionalizzazione – afferma l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone – Il Museo vivente di Alberobello rappresenta una forma innovativa ed esperienziale per riproporre la tradizione ed è stato selezionato dalla commissione interistituzionale di InPuglia 365 fra le attività che si svolgeranno a Natale nel contenitore “Semplicemente Puglia: i borghi per il natale 2016. Il primo step della destagionalizzazione, scelta come obiettivo fondamentale nel Piano strategico del turismo Puglia365, è proprio quello di costruire eventi e progetti di qualità da promuovere insieme per favorire l’attrazione turistica fuori dai periodi canonici dell’estate”.

Il percorso museale riproduce alcuni mestieri tipici e scene di vita quotidiana per ricreare un’atmosfera e una dimensione fortemente riflesse ancora oggi nel modo di vivere quotidiano di noi pugliesi. Le scene animate rappresentano l’edificazione o il restauro in parte di un Trullo, il focolare quale simbolo della famiglia e luogo di raduno dei suoi membri, la preparazione degli alimenti, il lavoro domestico delle donne, i lavori eseguiti sull’aia, le principali attività degli uomini, il lavoro agricolo nella sua forma tradizionale. La realizzazione del progetto è resa attraverso un’attenta e specifica ricerca sul territorio, storico-scientifica e tecnica e grazie a collezioni, donazioni private e raccolte di arredi, attrezzi e oggetti risalenti all’Ottocento con alcuni pregiatissimi manufatti settecenteschi. Il percorso museale è condotto da guide e interpreti per gli stranieri in lingua italiana, inglese e francese.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati