Foggia
Tutti gli appuntamenti in programma sul palcoscenico di via Nicola Parisi, a Foggia

“Cultura è passione”, atto IV: la stagione del Teatro della Polvere


Di:

Foggia. Una anteprima tutta da ridere e sei spettacoli (quattro produzioni originali del Teatro della Polvere e due produzioni esterne) per 17 repliche complessive, in programma da ottobre al prossimo aprile. La compagnia foggiana presenta il cartellone della sua quarta stagione teatrale ‘Cultura è passione’, la seconda ospitata sul palco del teatro di via Nicola Parisi, che da quest’anno diventa anche più grande ed accogliente.

“Presentiamo la nostra nuova stagione sulla scia dell’entusiasmo e dei consensi che hanno premiato la precedente, la prima ospitata nella sede del Teatro della Polvere, un contenitore culturale ed uno spazio inclusivo che rappresenta la nostra sfida più grande”, spiega Stefano Corsi, direttore del TdP.

“Come sempre, abbiamo scelto di mettere in cartellone produzioni diverse per stile e tematica, spaziando dalla commedia ilare e spensierata all’impegno civile (che resta una prerogativa del nostro teatro), senza dimenticare il teatro classico, con ancora un omaggio a William Shakespeare”.

A quasi un anno dalla sua nascita, il Teatro della Polvere ha stretto importanti contatti nella scena teatrale nazionale, riuscendo a portare a Foggia, nello spazio di via Nicola Parisi, personaggi di spicco (solo un mese fa hanno ospitato il workshop dell’acting coach Michael Rodgers della ‘scuola’ di Hollywood) e produzioni interessanti. “E’ il caso delle due produzioni esterne che proporremo nella stagione teatrale 2017/2018. Siamo felici e fieri di ospitare una tipologia di spettacolo mai portata in Capitanata come il ‘teatro concentrato’ e la commedia dell’arte de ‘I Nuovi Scalzi’ di Barletta, con uno spettacolo pluripremiato nei più importanti festival teatrali”.

IL CARTELLONE. Si parte il prossimo weekend con una anteprima tutta da ridere. E’ “Crimini di letto” (in scena sabato 28 e domenica 29 ottobre) per la regia di Tiziana Massimo: un’esilarante commedia giallo-rosa dai risvolti noir che travolge lo spettatore in un susseguirsi vertiginoso di battute dai ritmi incalzanti e situazioni paradossali e divertenti. Tradimento, gelosia, vendetta, amore ed intenti criminali sono gli ingredienti che rendono la commedia frizzante, ricca di colpi di scena e situazioni paradossali nel progressivo scambio di ruoli; un “valzer a tre”, con sorprese e ripensamenti che si susseguono fino ad un finale senza dubbio inaspettato.

Ad aprire ufficialmente il cartellone teatrale 2017/22018 sarà “La bisbetica domata” (25 e 26 novembre, 2 e 3 dicembre), un riadattamento di una delle più piacevoli commedie di William Shakespeare. L’amore e la sua mancanza sono i protagonisti di questa storia, insieme a due ragazze, diversissime fra loro, unite solo dal sangue. Fra dialoghi brillanti, inganni, ed equivoci d’amore ritorna un classico in una veste rinnovata e più leggera.

In pieno clima natalizio, il Teatro della Polvere presenterà lo spettacolo “Chi è il Grinch?” (26, 27 e 28 dicembre), di Anna Laura D’Ecclesia. Lo spettacolo parte da un interrogativo: cos’è un eroe? Si chiedono Elisa e Daniele, due giovani che, volendosi distinguere dal proprio gruppo di simili, decidono di diventare supereroi. Entrambi disagiati, poco carismatici, privi di poteri, non particolarmente bravi a cucire, e non abbastanza intelligenti da creare armi mortali, sono agli antipodi di un qualsiasi eroe. Hanno bisogno di una nemesi, ma chi? E’ il periodo natalizio, e sui giornali si legge di un misterioso ladro che entra nelle case per rubare regali e addobbi natalizi. Chi sarà questo nuovo Grinch?
Si ispira, invece, all’opera teatrale di William Gibson, vincitrice di un Tony Award, e al film di Arthur Penn, premiato con due Oscar, lo spettacolo “Anna dei Miracoli” (27 e 28 gennaio 2018); tratto da una storia vera, Anna dei Miracoli è uno fra gli spettacoli più commoventi e intensi della letteratura teatrale: al centro della scena vi è Helen è una ragazzina cieca e sordomuta, la cui famiglia accetta le sue disabilità al punto da non vedere altro in lei. Solo una governante sopraggiunta da lontano riuscirà a vedere la fame di conoscenza e il bisogno di comunicare di Helen.

A febbraio, primo spettacolo esterno presente nel cartellone ‘Cultura è passione’: si tratta di “L’amore sfigato” (10 e 11 febbraio 2018) di e con Emanuele Massillo e Vanessa Podda del ‘Teatro Concentrato’, che per la prima volta arriva a Foggia, dalla Sardegna. Vanessa ed Emanuele ci porteranno nel loro teatro concentrato, con quattro corti (Romeo e Giulietta, Grease, Titanic e La Traviata in quattro “compresse teatrali”) sospesi fra ironia e assurdo, dove il tema centrale che da’ il titolo al poker di storie è, appunto, l’amore sfortunato. Appunto, sfigato.

A seguire, Marcello Strinati – autore di punta del Teatro della Polvere – presenterà “Caporal Minore” (17 e 18 marzo 2018), uno spettacolo sociale, pungente, dai toni drammatici e dalle sfumature brillanti. L’opera affronta i temi del caporalato, fenomeno radicato nel territorio di Capitanata oramai da molto tempo, e della stretta connessione che esso ha con le mafie locali. A chiudere la stagione sarà “La ridiculosa commedia della terra contesa” (21 e 22 aprile 2018) di Claudio De Maglio, prodotta dalla compagnia I Nuovi Scalzi. In questo spettacolo – che ha ricevuto il premio per il miglior spettacolo 2015 al VII Festival Internazionale di Teatro di Mont-Laurier in Canada, per la migliore recitazione (menzione speciale) al DOIT 2015 Festival di Roma, ed i premi per il miglior spettacolo, migliore attrice protagonista e miglior secondo attore al 1st International Theatre Festival for Youth Sharm El Sheikh, in Egitto – la commedia dell’arte irrompe all’interno di situazioni presenti e contemporanee, e si ritrova ad affrontare argomenti e trame non più di consuetudine rinascimentale, ma temi odierni, contingenti, concreti e forse rischiosi. “La Ridiculosa commedia” affronta così il potere del denaro e della speculazione edilizia, aprendosi anche all’amore fra innamorati e all’amore di tutti per la giustizia e per la terra, intesa come bene comune e risorsa universale.

Tutti gli spettacolo avranno inizio alle ore 21. Ingresso 20.30.

Gli spettacoli saranno riservati ai soli soci del Teatro della Polvere (per partecipare è necessario tesserarsi). Prenotazione obbligatoria.

TEATRO DELLA POLVERE, CHI SIAMO

Il Teatro della Polvere nasce a fine 2016 contestualmente all’apertura dell’omonimo contenitore culturale nel centro storico di Foggia: un teatro off di circa 180 mq e 75 posti a sedere. L’attività teatrale del gruppo che ha portato la nascita di questa nuova struttura, però, prende le mosse molti anni prima, dal novembre 2011, con il Centro Universitario Teatrale – C.U.T. Foggia. Il Teatro della Polvere nasce quindi con l’obiettivo di dare più ampio respiro ad un progetto che rischiava di rimanere chiuso ad un ambito importante, ma ristretto, come quello universitario: è la naturale evoluzione di un’associazione che si è aperta alla città e che vuole confrontarsi con altre strutture del territorio e non.
Una scelta che si è rivelata vincente perché in pochi mesi più di 1000 persone hanno seguito gli eventi organizzati nella struttura (la stagione teatrale – che ha fatto registrare tutti sold out e la necessità di aggiungere ulteriori date di spettacolo – , concerti, spettacoli di fine anno).

LE STAGIONI TEATRALI E LE NOSTRE PRODUZIONI

Lo scorso maggio è terminata la terza Stagione Teatrale dal titolo “Cultura è Passione”. Come negli anni precedenti, abbiamo portato in scena quasi tutti spettacoli auto-prodotti, originali nei testi e nelle musiche.
Attraverso le proposte dei nostri cartelloni teatrali abbiamo trattato tematiche differenti: culturali, innanzitutto, con lo spettacolo “Poena”, tratto dalle Heroides di Ovidio e “Sax”, sulla vita dell’inventore dell’omonimo strumento musicale; sociali con “Ogni Singolo Giorno” (storia di mafia), “Angoli” (storia ambientata in un carcere femminile, sulle condizioni e conseguenze della detenzione) e “Cinque Tazzine” (spettacolo tragicomico sulla disoccupazione giovanile); ancora, spettacoli tratti dai grandi classici teatrali, come “Molto Rumore Per Nulla” di William Shakespeare o “Inferno”, una riscrittura in chiave moderna (e provocatoriamente laica) della famosa cantica del capolavoro dantesco. Nonostante da sempre il nostro obiettivo sia quello di cercare di affrontare la materia teatrale non solo come mero intrattenimento artistico, abbiamo prodotto anche commedie brillanti (“Il giardino di Rose”, tratto da La signorina Papillon di Stefano Benni, “Crimini diLetto” e “La Maledizione”). All’interno dei nostri spettacoli hanno collaborato, in alcuni casi, artisti provenienti da ambiti diversi (ad esempio il Maestro Mario Rucci, già direttore del Conservatorio di Foggia, il pianista di livello internazionale Domenico Monaco, il compositore Antonio Cicognara).
Lo scorso giugno inoltre abbiamo portato in scena (occupandoci anche della scrittura del testo e delle musiche di scena) in importanti strutture teatrali di Foggia ulteriori due spettacoli: “Chet”, spettacolo di teatro-musica sul trombettista e cantante Chet Baker nell’ambito della rassegna MusicArts Felix e “Gino”, opera dedicata a Luigi Pinto – vittima foggiana dell’attentato di Piazza della Loggia a Brescia – andata in scena al teatro “Uberto Giordano” e prodotta dal sindacato FLC CGIL di Foggia.

LABORATORI TEATRALE ED ALTRE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE

Fulcro della nostra attività è stato da sempre la formazione: sin dal primo anno abbiamo organizzato laboratori teatrali che potessero formare giovani attori in grado, negli anni, di contribuire alla crescita della compagnia. I nostri Laboratori Teatrali sono organizzati a più livelli, con diverse materie di insegnamento e diversi conduttori: oltre ai più rinomati metodi di recitazione (Stanislavskij e Meisner), viene dato grande risalto alla componente emotiva, oltre che al lavoro sulla dizione e fonetica.
Attualmente tra livello BASE, livello AVANZATO e MASTERCLASS (i cui componenti collaborano anche nelle produzioni) possiamo contare su circa 30 allievi.

Teatro della Polvere – Foggia

“Cultura è passione”, atto IV: la stagione del Teatro della Polvere ultima modifica: 2017-10-24T14:20:10+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi