FoggiaManfredoniaPolitica
Puntato il dito senza mezzi termini contro le grandi agenzie della spesa pubblica

D’Alema pontifica a Foggia “Ecco come il Sud puo’ ripartire”

“La ripresa – ha incalzato D’Alema - si fonda su bassi salari, sul lavoro precario, sul super sfruttamento del lavoro"


Di:

Foggia. “Il Mezzogiorno soffre dell’assenza di politiche pubbliche. C’è bisogno di una politica nazionale del Mezzogiorno, che oggi non esiste.” Invitato da Articolo Uno di Capitanata, a confrontarsi sul tema “La sfida del Sud, lavoro, sviluppo, solidarietà” assieme al segretario generale della Cgil pugliese, Pino Gesmundo, e al direttore de La Gazzetta del Mezzogiorno, Giuseppe De Tomaso, Massimo D’Alema non ha dubbi: la questione meridionale si è appesantita, e il peggio è che viene oggi negata.

L’ex premier ha invitato il folto pubblico che affollava la Sala del Tribunale di Palazzo Dogana a non farsi illusioni per il prossimo futuro: “la stentata ripresa economica del Paese si concentra nel Centro Nord, che è ormai divenuto un’appendice dell’industria tedesca. E la ricchezza aggiuntiva prodotta dalla cosiddetta ripresa, va a vantaggio del profitto e della rendita.”

D’Alema ha snocciolato dati precisi anche rispetto alla presunta crescita occupazionale tanto propagandata dal governo. I dati della Banca d’Italia dicono che abbiamo 850.000 occupati in più, ma un miliardo e 100 milioni di ore lavorate in meno. L’apparente contraddizione si spiega col fatto che il precariato è cresciuto dal’11 al 20%.

“La ripresa – ha incalzato D’Alema – si fonda su bassi salari, sul lavoro precario, sul super sfruttamento del lavoro. Per crescere, il Sud avrebbe invece bisogno di un forte rilancio degli investimenti pubblici, ma per questo è necessaria una radicale svolta nel Paese, che riporti serietà nella politica, ridotta oggi a chiacchiericcio sguaiato, ad un susseguirsi di trovate e colpi di teatro finalizzati ad ottenere vantaggi immediati e a calcoli personali, privi di una prospettiva di largo respiro.”

D’Alema ha puntato il dito senza mezzi termini contro le grandi agenzie della spesa pubblica “che tagliano fuori il Mezzogiorno. L’alta velocità si ferma a Napoli e comunque gli investimenti calano, quest’anno si sono ridotti del 4%. Quando Renzi ha deciso che il volano della ripresa dovevano essere gli sgravi fiscali o la distribuzione di incentivi a pioggia, piuttosto che gli investimenti, ha fatto scelte precise, che sono andate a vantaggio delle imprese del Nord ed hanno danneggiato il Mezzogiorno.”

Il relatore ha concluso mettendo in guardia dalla deriva qualunquista: “Se vuole affrontare in modo efficace i suoi problemi, il Sud non può prescindere dalla politica, e da una politica di redistribuzione. Altro che ridurre le tasse per tutti, come va predicando Renzi. Bisogna tenere a mente quello che diceva don Milani: fare parte eguali tra diseguali è una grande ingiustizia. Il Sud ha bisogno prima di tutto di giustizia.”

Appassionato e intenso anche l’intervento del segretario regionale della Cgil, Pino Gesmundo, che ha sottolineato la gravità della crisi che ha colpito la Puglia: 53% di disoccupati, la metà dei pensionati costretta a vivere con 500 euro al mese, le povertà che crescono. “E l’attualità di oggi rilancia la questione settentrionale… I referendum del Veneto e della Lombardia dimostrano che si è perduta di vista una verità elementare: il Paese non si salva, se non tutti assieme. Bisogna cambiare registro, e in fretta. L’Europa è nelle mani di una tecnocrazia più attenta agli interessi delle lobby, che non a quelli della gente. C’è una classe politica che non riesce a diventare classe dirigente, che si limita ad interpretare la pancia della gente, e determina la propria visione e le proprie strategie, in termini di pancia e non di prospettiva. È per questo che, alla fine, le politiche dei diversi schieramenti si assomigliano. È invece necessario tornare ad avere una idea forte e consapevole di Paese.”

Preoccupato sullo stato dell’arte dell’economia meridionale anche il direttore de La Gazzetta del Mezzogiorno, Giuseppe De Tomaso, che ha ricordato come la questione meridionale venga da lontano: “L’unità d’Italia è stata portata a compimento grazie al drenaggio fiscale da parte del Nord che ha pagato le Guerre d’indipendenza con il prelievo nel Mezzogiorno, poi i dazi doganali che hanno impoverito il Sud, infine l’intervento straordinario che ha sempre sostituito e mai veramente integrato quello ordinario, così come avrebbe dovuto essere. L’esito dei referendum deve preoccuparci perché mette in discussione la stessa Unità del Paese, dopo che certe politiche regionali, ma anche nazionali, hanno minato quella economica.”

Ernesto Abaterusso, capogruppo Mdp alla Regione e coordinatore regionale del Movimento, ha espresso preoccupazione per la difficoltà di affrontare i grandi temi che stanno investendo la Puglia, dai trasporti, alla xylella, alle politiche industriali, chiedendo al governatore Emiliano l’apertura di un confronto per varare un programma di fine legislatura che rilanci la qualità dell’azione amministrativa regionale. Abaterusso ha sottolineato come la Puglia sia in sofferenza per quanto riguarda la capacità di spesa dei fondi strutturali elargiti dall’Unione Europea: a questo punto del settennato comunitario avremmo dovuto spenderne il 30%, invece non arriviamo al 10%.

I programmi di Articolo Uno per la Capitanata sono stati illustrati dal coordinatore provinciale del Movimento, Ciro Mundi, che ha introdotto la serata: “Vogliamo rimettere al centro della politica il lavoro, la solidarietà, che riteniamo essere i principi universali e non negoziabili della sinistra. Lavoro, sviluppo, solidarietà significa adoperarsi per offrire a tutti le opportunità che vengono oggi negate, tornare a prendersi cura delle persone e della comunità.”

D’Alema pontifica a Foggia “Ecco come il Sud puo’ ripartire” ultima modifica: 2017-10-24T18:48:51+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • pensionato

    caro D’Alema, il sud non e ripartito quando stavi al comando, è potevi fare qualcosa x il sud,sei sempre stato un politico ambizioso, ai sempre pensato ha curarti l’orticello tuo,non ai mai fatto niente x il sud,vai in pensione basta prendere i nostri soldi.


  • Army

    L’avete ascoltato nel 2010 a Manfredonia, ma il disco è sempre lo stesso! Tra poco verrà anche Prodi e si metterà a sventolare la bandiera del PD con Bordo, Campo e Riccardi…..Nn, mi faccio illusioni perché i miei figli sono spariti da Manfredonia


  • Pasquino

    Politici come lei meglio perderli che trovarli. Lasci stare la sinistra ha già fatto troppi danni grazie anche ad uomini come lei. Curi il suo orticello e si goda la pensione e non venga nel mezzogiorno solo per mettere tavola.


  • leleorazi

    Ma cosa ne sa’ lei Signor D’Alema di lavoro? Non ha mai avuto l’onore di fare UNA giornata di lavoro…vi ricordate del Sud solo quando dovete prendere i voti…ma resta dove sei e GODITI la pensione.. tu che ce l’hai… Va’ a lavura’!


  • Raffaele Vairo

    D’alema non mi è mai piaciuto.

    E’ vero, ha commesso gravi errori quando era al potere.

    Può anche essere considerato un “vecchio politico” arrogante e non più credibile.

    Può anche essere accusato di aver contribuito a distruggere questo Paese.

    Tuttavia, non credo si possa dire che abbia “pontificato” sulla questione meridionale, per la semplice ragione che ha espresso, più che opinioni. fatti.

    In altri termini, ha detto le cose come stanno, punto.

    La verità da fastidio e, spesso, è meno convincente e accattivante della menzogna!


  • ilproletario

    D’Alema è un uomo del XX secolo. Lui cerca il proletariato, ma non c’è più!
    Figlio del proletariato è stato il Comunismo. Quando il proletariato, con la chiusura della grandi fabbriche di masse operaie, è finito perché sostituito dal piccolo borghese artigiano, piccolo e/o medio imprenditore, anche l’operaio si è imborghesito. D’Alema sollecita il Governo ad aumentare i dipendenti pubblici per diminuire la disoccupazione, e in questo sistema hanno buon gioco i 5 Stelle, mettendo in evidenza gli sfasci della Regione Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi