FoggiaManfredoniaPolitica
"Niente più Via Pietro Badoglio, ma Via Vittime di Caporetto"

Disfatta di Caporetto, Cera “Cancelliamo strade e piazze a Badoglio”


Di:

Bari, 24 ott. – Eliminare strade, piazze e luoghi dedicati a Pietro Badoglio, tra i responsabili della disfatta di Caporetto e della morte e prigionia di migliaia di soldati italiani, molti dei quali provenienti dal Mezzogiorno.

Niente più Via Pietro Badoglio, ma Via Vittime di Caporetto.

Alla vigilia del centenario della ritirata di Caporetto, che segnò una delle più tragiche pagine militari italiane, appare quanto mai doveroso riconoscere un tributo alla memoria di quei soldati e ufficiali che furono vittima delle incapacità organizzative di chi aveva il comando dell’area interessata dall’attacco nemico, mentre a pagare fu il solo generale Cadorna.
Tra gli ufficiali responsabili del disastro che sono rimasti al loro posto, facendo anche carriera, ci fu Pietro Badoglio. Già sospettato di crimini di guerra dopo la conquista di Monte Sabotino, tanto da essere ricercato dagli austroungarici, e dopo la conquista dell’Etiopia, con ripetute richieste di processo da parte dell’Onu e del governo dell’ex colonia italiana, Badoglio si è macchiato del disastro di Caporetto, lasciando allo sbaraglio e senza comandi migliaia di soldati, finiti uccisi o nei campi di prigionia austriaci, mentre si metteva al sicuro, evitando così di finire sotto processo da parte di un tribunale militare nemico.

Così come documentato in numerosi libri del giornalista Lorenzo Del Boca, appare indecoroso continuare a ricordare nella toponomastica nazionale un ufficiale che non onorò con le sue decisioni l’esercito e lo stato italiano, mentre sarebbe più opportuno tributare omaggio ai tanti soldati che furono vittima della negligenza e inettitudine di Badoglio.
La disfatta di Caporetto, ancora oggi piena di misteri per la rapidità del crollo del fronte italiano, è in parte frutto della negligenza dei comandi italiani, ma soprattutto della soperchieria di alcuni comandanti, come il generale Badoglio, che predispongono piani militari ma poi non li attuano per paura di finire in mano al nemico, profondamente penetrato tra le linee di difesa italiane.

Così se Cadorna, sapendo dell’imminente offensiva nemica, ordina di restare sulla difensiva (grave errore per alcuni reggimenti che, avendo la possibilità di contrattaccare, preferisco trincerarsi e finire accerchiati dai nemici, in numero decisamente inferiore), il generale Capello, predispone per la propria gloria la cosiddetta “Trappola di Volce”: consentire l’ingresso in profondità del nemico per colpirlo con un massiccio bombardamento, e partire poi con un corposo contrattacco. L’esecuzione del piano predisposto da Capello viene affidata a Pietro Badoglio, responsabile del settore che va da Caporetto a Bainsizza, che richiama a se il comando di tutta l’artiglieria. Quella che rimarrà in silenzio durante l’avanzata nemica, perché il comando di aprire il fuoco non arriverà mai, causando la morte, lo sbandamento e la cattura di migliaia di soldati.
Nonostante gli errori, alcuni clamorosi,  Badoglio farà una carriera fulminea, fino a guidare il governo italiano nel periodo difficile della transizione dal regime fascista alla repubblica italiana.

Lo scrive in un comunicato il consigliere regionale dei Popolari Napoleone Cera.

Disfatta di Caporetto, Cera “Cancelliamo strade e piazze a Badoglio” ultima modifica: 2017-10-24T12:41:51+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • Antonello Scarlatella

    Ma che dice questo….
    È questo il grado di formazione che hanno i nostri consiglieri regionali?
    Andiamo bene.


  • Duosiciliano Patriottico

    Scarlatella, stai solo rovinando la tua reputazione con questi commenti anti-Sud, ignorando la nostra vera storia, non quella scritta sui libri di storia scolastici.
    Risvegliati dal tuo stato di colonizzato mentale, sei ancora in tempo


  • Antonello Scarlatella

    Duo come ti chiami…forse contro il sud ci sarai tu e tutti coloro che gli piace vivere di assistenzialismo senza far nulla dall alba al tramonto


  • Duosiciliano Patriottico

    Tipiche parole di chi non è ben informato sui fatti, caro mio. Vivi pure in questa maniera, ma non ti lamentare se il Sud ti lascerà indietro una volta completato il suo risveglio in corso già da un paio di anni


  • Professore senza laurea

    Forse il ragazzotto confonde Badoglio con Cadorna, Diaz con Graziani…comunque la storia la scrivono sovente i vincitori. Ma dove ha studiato storia a Pescara con Razzi?
    Ha saltato un passo importante!! Badoglio fu colui che entro in Addis Abeab e fu artefice della vittoria sull’Etiopia:

    https://www.youtube.com/watch?v=xGfsyJpBQ5I


  • Professore senza laurea

    CI PARLI DELLA DECIMAZIONE DEI FANTI ITALIANI DICO DECIMAZIONE E DEI SOLDATI AUSTRIACI CHE FALCIANO MIGLIAIA DI ITALIANI MANDATI INUTILMENTE AL FRONTE, STACCAVANO IL DITO DEL GRILLETTO DELLA MITRAGLIATRICE E GRIDAVANO ” ITALIANI BASTA FERMATEVI” LA GUERRA E’ UNA BESTIALITA’ ATROCE!!
    Ti consiglio la visione di questi due capolavori che riguardano centinaia di migliaia di uomini mandati al macello, una carneficina orribile e inutile:
    UOMINI CONTRO DI FRANCESCO ROSI CON UNO DEI PIU’ GRANDI ATTORI DELLA STORIA DEL CINEMA ITALIANO: GIAN MARIA VOLONTE’.

    https://www.youtube.com/watch?v=9vLEKgTXl7Q

    Poi ORIZONTI DI GLORIA DEL LEGGENDARIO STANLEY KRUBIK E CON UN MEMORABILE KIRK DOUGLAS!!

    https://www.youtube.com/watch?v=zTmDrugdcDk

    Poi la GRANDE GUERRA del Maestro Monicelli con gli insuberabili Gasman e Sordi:

    https://www.youtube.com/watch?v=zTmDrugdcDk

    QUESTI FILM MONUMENTALI ANDREBBERO PROIETTATI NELLE SCUOLE!


  • Il Maresciallo Badoglio


  • Professore senza laurea


  • Feld Maresciallo Kesserling

    Warum sprichst du nicht im Jahre 1943 über uns?
    mit König Vittorio Emanuele und der fehlenden Verteidigung von Rom zu entkommen?


  • Il milite ignoto

    Invece a Manfredonia hanno tolto dalla facciata del comune i nomi degli eroici cavalieri di Vittorio Veneto che diedero giovinezza e tributo di sangue alla Patria.


  • lettore

    Dedica una strada ” VITTIME INNOCENTI DELLA MAFIA DEL GARGANO” !!
    Sei di San Marco in Lamis o di Gallipoli?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi