Foggia
"Rivolto a prefetto, ANAC e Corte dei Conti"

Illuminazione Pubblica. Marasco: “Presentato l’esposto-denuncia”


Di:

Foggia. “Il prefetto di Foggia, l’Autorità Nazionale Anticorruzione e la Procura della Corte dei Conti di Puglia sono stati informati dell’enorme e grossolano errore amministrativo compiuto da Landella e dal centrodestra approvando il progetto di finanza per la gestione dell’illuminazione pubblica. Mi auguro intervengano per ristabilire la legittimità degli atti e scongiurare il rischio che il Comune si trovi a fronteggiare disservizi e danni”. Lo afferma il capogruppo del Partito Democratico in Consiglio comunale Augusto Marasco dopo aver consegnato nelle mani del prefetto Massimo Mariani l’esposto-denuncia sul contenuto e la procedura di approvazione della delibera con cui lo stesso Consiglio ha sancito l’interesse pubblico verso la proposta avanzata da una società ferrarese per la manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impianto di illuminazione pubblica e la fornitura di energia elettrica
.
“Innanzitutto, è bene sottolineare che la spesa prevista per questo servizio assai complesso è di 2,7 milioni di euro l’anno per i prossimi 20 anni, così come indicato dall’impresa nel proprio progetto di finanza. Cifra e durata maggiori rispetto a quelle deliberate dal Consiglio comunale nel 2015 (2,5 milioni di euro e 15 anni).

Peraltro, il Comune spende annualmente per la bolletta elettrica 4 milioni di euro. Un errore di valutazione finanziaria che aggrava l’illegittimità formale della delibera approvata il 16 ottobre.

Il Consiglio comunale ha ignorato, chissà quanto volutamente, l’esistenza di un precedente atto di programmazione approvato dallo stesso Consiglio proprio per porre fine ai problemi di gestione ed ai disservizi della pubblica illuminazione. Questo atto, il Piano Regolatore dell’Illuminazione Comunale, ha stabilito la procedura da seguire.

Quasi che le deliberazione di Consiglio comunale fossero carta straccia, il sindaco Landella ha chiesto di approvare una proposta ritenuta d’interesse pubblico non si sa bene sulla base di quale criterio e dopo aver incrementato la spesa predentemente programmata esattamente nelle misura richiesta dall’azienda proponente. Il Consiglio comunale ha deliberatamente ignorato gli atti precedenti e assecondato il sindaco in quella che si profila come una grave illegittimità amministrativa ed un altrettanto grave violazione del principio della libera concorrenza.

In altre parole, Giunta e maggioranza di centrodestra hanno scelto impropriamente il promotore privato a cui affidare il servizio di pubblica illuminazione senza alcun rispetto delle regole.
Il gruppo del Partito Democratico ha votato contro la delibera e ha denunciato l’illegittimità formale della delibera – conclude Augusto Marasco – riaffermando, per l’ennesima volta e con i fatti, la propria coerenza istituzionale e politica, nonché la ferma volontà di tutelare i foggiani dalle scelte a dir poco discutibili dell’Amministrazione Landella”.

Illuminazione Pubblica. Marasco: “Presentato l’esposto-denuncia” ultima modifica: 2017-10-24T12:53:41+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi