Capitanata

Biostabilizzatore San Nicandro, Pezzano: “commissariare ATO/FG 1”


Di:

Emergenza rifiuti, Pezzano: “commissariare ATO/FG1 ” (fonte image: liberainformazione.it)

Foggia – “PROVINCIA e Regione devono intervenire con rapidità e fermezza sull’ATO FG/1, perché Cerignola e l’ATO FG/4 non sono la pattumiera della Capitanata”. E’ la reazione del consigliere Rino Pezzano alla notizia della delibera del Consiglio comunale di San Nicandro Garganico con cui si annulla tutta la procedura di localizzazione del biostabilizzatore destinato a servire il comprensorio garganico, privo di impianti di raccolta e smaltimento dei rifiuti da oltre un anno.

“Apprezzo l’atteggiamento dell’intero gruppo consiliare del PD che non ha partecipato ad un voto che allontana il giorno in cui si porrà fine ad un’emergenza ormai permanente – continua Pezzano – Proprio l’ex sindaco, Costantino Squeo, tra le migliori risorse del nostro partito, ha pagato con la mancata rielezione l’assunzione della responsabilità di individuare nel proprio territorio il sito più idoneo ad insediare le strutture indispensabili a chiudere il ciclo dei rifiuti. Non posso e non voglio entrare nel merito delle scelte di un’altra Assise consiliare, ma posso e voglio, da rappresentante della comunità cerignolana, lanciare una provocazione al sindaco e al Consiglio comunale di San Nicandro: perché mai la nostra discarica dovrebbe smaltire anche i vostri rifiuti? perché mai non dovremmo inforcare anche noi le lenti distorsive del campanilismo e difendere il nostro territorio dall’immondizia altrui?”

Rino Pezzano attacca la Destra di Capitanata

Rino Pezzano (Pd)

“Gli amministratori e, ancor più, i cittadini di Cerignola hanno assunto, loro malgrado, l’onere di raccogliere nell’impianto di Forcone-Cafiero i rifiuti di 30 Comuni della Capitanata, pari al triplo di quelli che compongono l’ATO FG/4 – dice Pezzano – hanno accettato, loro malgrado, che l’emergenza determinasse la costruzione del 4° lotto, l’appalto dei lavori di realizzazione del 5° lotto e la progettazione di un eventuale 6° lotto di una discarica che avrebbe dovuto raccogliere esclusivamente la frazione biostabilizzata dei rifiuti di 9 città; hanno subito, ovviamente loro malgrado, che sul proprio territorio, in mezzo alle loro campagne, sulle strade realizzate con le loro tasse transitassero centinaia di camion provenienti da mezza provincia e, per un periodo, dal Salento”. “La gestione ambientalmente e finanziariamente sostenibile del ciclo integrato dei rifiuti necessita della responsabilità politica e della collaborazione istituzionale tra tutti i soggetti interessati e non può contemplare i calcoli elettoralistici o le sindromi campanilistiche – conclude Rino Pezzano – per cui formalizzerò ad horas la richiesta a Provincia e Regione di verificare se vi siano le condizioni per la nomina di un commissario ad acta che attivi e porti a compimento le procedure necessarie all’individuazione e alla realizzazione dell’impianto di biostabilizzazione a servizio dell’ATO FG/1”.

CIRCOLO “E. BERLINGUER” – SAN NICANDRO GARGANICO: “PERSA UN’OCCASIONE” Intervento dei rappresentanti del Circolo cittadino “Enrico Berlinguer” del Partito Democratico in merito agli accapi trattati nel corso del consiglio comunale del 21/11/2011. Per quanto concerne l’accapo con il quale si è annullata la deliberazione di CC n. 10 del 01.04.2009 il gruppo consigliare del PD ha depositato osservazioni scritte * (Le argomentazioni sono state racchiuse all’interno di una tabella) con le quali si è inteso confutare l’assunto tecnico del deliberato, decidendo di non partecipare né alla discussione nè al voto finale. “Si è buttata alle ortiche una occasione importante per questa città: trattare e gestire il tema dei rifiuti nell’ottica della filiera produttiva, con le garanzie procedurali che l’intero percorso aveva ingenerato. Poteva questa classe dirigente – tutta senza eccezione alcuna – essere la protagonista di una svolta che poteva dire qualcosa all’intero Gargano ed anche – per come è stata strutturata: con i forum e con gli studi di fattibilità, tutti consultabili sul sito istituzionale dell’Ente – all’intera Puglia.
Era anche opportuno che sul tema relazionasse non già l’assessore all’assetto del territorio ma il Sindaco ovvero un consigliere delegato. E’ solo una coincidenza – a memoria – se l’attuale relatore sia lo stesso che relazionò, nel lontano 1996, in merito alla disponibilità (senza formu e senza studi di fattibilità) ad ospitare in agro di San Nicandro un rigassificatore”.

“Al di là delle argomentazioni tecniche la scelta pone soprattutto un problema politico non di secondo piano. Le argomentazioni, specie nella parte motiva, lasciano intravvedere sospetti, manovre. Ben potevate procedere all’annullamento della delibera sulla scorta di argomentazioni non condivisibili ma politicamente neutre. Avendo tranciato un percorso vuol dire, di fatto, interrompere ogni possibilità di confronto e di apertura. E non è la prima volta, avendo già disarticolato il DPP e il progetto di PUG innovativo che la Regione guardava – perché fortemente innovativo e di qualità – con favore ed attenzione. Quella dei rifiuti è una problematica che non può essere accantonata né gestita facendo il tifo per una delle cordate in lizza per un posto da responsabile del servizio tecnico all’interno del nostro comune. Per tutte queste ragioni il gruppo consigliare del PD non parteciperà alla votazione.”


n.marchitelli@statoquotidiano.it

Biostabilizzatore San Nicandro, Pezzano: “commissariare ATO/FG 1” ultima modifica: 2011-11-24T14:25:51+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Città del sole

    Caro Pezzano, repetita iuvant! Al posto del grosso “biostabizzatore” che in realtà dovrà essere o un grosso impianto di compostaggio (che la popolazione non vuole, perché teme cattivi odori) oppure una discarica, il consiglio ha deliberato la nuova localizzazione di due microimpianti, un compostaggio ed un centro di selezione della frazione secca, che può essere riciclata. Caro Pezzano, repetita iuvant: perché ti ostini a chiedere una discarica a San Nicadro al posto di un’impiantistica moderna?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi