Cronaca

Foggia, ancora repressione falsi. Altri 400 sequesti dei VU


Di:

Sequestri Polizia Municipale Foggia (ST)

Foggia – UN cittadino straniero denunciato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e 400 pezzi di merce contraffatta sequestrati. Sono gli esiti dell’attività svolta questa mattina dagli agenti del Nucleo anti abusivismo nella zona di corso Roma, area oggetto di frequenti reclami da parte dei residenti per la diffusa presenza di venditori e bancarelle abusive di merce varia.

Il materiale – circa 400 tra capi ed accessori di abbigliamento, scarpe, CD musicali e DVD – è stato abbandonato in terra dai venditori che sono fuggiti alla vista degli agenti. Uno di loro è stato fermato e, nonostante la violenta reazione, identificato e denunciato a piede libero per violazione delle norme a tutela del diritto d’autore e resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

L’operazione di questa mattina s’inquadra nell’ambito delle azioni a tutela della legalità, della sicurezza e del decoro urbano che la Polizia Municipale pone in essere quotidianamente anche in attuazione delle linee d’indirizzo dell’amministrazione comunale.
Questo tipo d’intervento si inquadra, inoltre, nell’azione di contrasto al fenomeno della contraffazione promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico a cui il Comune di Foggia intende contribuire moltiplicando l’impegno sul territorio della polizia locale e promuovendo una campagna di informazione rivolta ai consumatori.

“L’acquisto di merce contraffatta, oltre a costituire un illecito sanzionabile ed a determinare il proliferare di attività illegali a vario livello che danneggiano il tessuto economico legale – commenta il comandante della Polizia Municipale, Romeo Delle Noci – comporta l’utilizzo ed il consumo di materiali scadenti e di prodotti che non sono assoggettati ad alcuna forma di controllo potenzialmente pericolosi per la salute”.

Redazione Stato

Foggia, ancora repressione falsi. Altri 400 sequesti dei VU ultima modifica: 2011-11-24T15:54:35+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi