Manfredonia
Consuntivo del 2014 del Comando provinciale dei Carabinieri di Foggia

Furti in abitazione nel 2014, a Manfredonia 1.76 ogni 1.000 abitanti

Dati utilizzati tratti dal sistema informativo del Ministero dell’Interno, periodo di riferimento 1 gen – 22 dic.

Di:

Foggia – “FURTI in abitazione a Foggia: 517 reati denunciati (3,45 ogni 1.000 abitanti); San Severo 229 ( 4,22 ogni 1.000 abitanti); Manfredonia 98 ( 1,76 ogni 1.000 abitanti)”: è quanto emerge dal consuntivo del 2014 del Comando provinciale dei Carabinieri di Foggia relativo all’attività operativa del 2014, con dati utilizzati tratti dal sistema informativo del Ministero dell’Interno, periodo di riferimento 1 gen – 22 dic.

I DATI. In particolare, in provincia di Foggia, sono stati consumati 25788delitti nel 2013, rispetto ai 27679 del 2013 (- 6,8 %), invariati gli omicidi (13 nel 2013, 13 nel 2014), calo per le rapine (-7.64%, 510 nel 2014, 471 nel 2014) e per i furti (-3.5%, 14.016 nel 2013, 13.516 nel 2014), aumentano le estorsioni (+2.1%, 139 nel 2013, 141 nel 2014), in calo anche i reati accertati relativi agli stupefacenti (-25.5%, 376 nel 2013, 280 nel 2014).

“STONEHENGE”. 10.04.2014: i Carabinieri della Compagnia di San Severo, congiuntamente a personale della Questura di Foggia davano esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 10 persone gravemente indiziate di associazione per delinquere finalizzata alla consumazione di reati contro il patrimonio con particolare riferimento ai furti di autoveicoli ed alle rapine in danno di esercizi commerciali, ai connessi reati di ricettazione e danneggiamento nonché detenzione illecita di armi da sparo.

“BLACK LAND”. 11.04.2014: nelle province di Foggia, Barletta-Andria-Trani, Avellino, Caserta, Salerno, Benevento, Potenza e Campobasso, i Carabinieri del dipendente Nucleo Investigativo e del Nucleo Operativo Ecologico di Bari davano esecuzione a ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa, dal GIP del Tribunale di Bari in funzione D.D.A., nei confronti di 14 persone gravemente indiziate del reato di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti. Nello stesso contesto il Centro Operativo – D.I.A. di Bari ed il N.O.E. CC di Bari davano esecuzione ai decreti di sequestro preventivo di beni immobili e mobili, sia in relazione al reato ambientale che agli illeciti amministrativi conseguenti fino alla concorrenza, per equivalente, di € 2.158.472,36. L’attività d’indagine, diretta dalla Procura Distrettuale Antimafia di Bari, iniziata nel marzo 2013, consentiva di fare piena luce sul sodalizio criminoso dedito ad attività organizzate per il traffico illecito, consistenti nel tombamento di rifiuti speciali non trattati e nello smaltimento illecito di rifiuti speciali.

12.4.2014: I Carabinieri della Compagnia di Foggia eseguivano 5 fermi di indiziato di delitto emessi dalla Procura della Repubblica di Foggia, sgominando un’organizzazione criminale composta da cittadini albanesi e rumeni, dedita allo sfruttamento della prostituzione, ai furti e alle rapine in danno di clienti delle meretrici.

“BIANCANEVE”. 29.04.2014: militari del NORM della Compagnia di Vico del Gargano davano esecuzione ad ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Foggia, nei confronti di 31 indagati, tutti gravemente indiziati, in concorso tra loro, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti (artt. 110 c.p. e 73 DPR 309/90). L’indagine, avviata nel febbraio 2012 e condotta con attività tecniche e servizi dinamici sino al febbraio 2013, ha consentito di disarticolare un gruppo criminale operante nei comuni garganici della Provincia di Foggia quali Peschici, Vieste, Cagnano Varano, Ischitella, Rodi Garganico e Carpino, dedito allo spaccio di cocaina, hashish e marijuana .

“GOTHA”. 23.5.2014: Il Nucleo Investigativo dava esecuzione al sequestro preventivo propedeutico alla confisca (ex art. 12 sexies l. 356/92) di beni mobili, immobili e quote di partecipazioni societarie riconducibili ad elemento di vertice del clan mafioso “SINESI-FRANCAVILLA” per un valore complessivo pari ad euro 900.000 circa.

PREDATOR. 08.10.2014: i Carabinieri del dipendente Nucleo Investigativo davano esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP di Foggia, nei confronti di 5 persone, ritenute a vario titolo autori di rapina aggravata ai danni di un autotrasportatore, sequestro di persona, porto e detenzione di arma da sparo e ricettazione

“PECUNIA” . 22.10.2014: i Carabinieri della Compagnia di Cerignola davano esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP di Bari in funzione D.D.A., nei confronti di 14 persone per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e porto abusivo di armi, estorsione, usura, ricettazione, con l’aggravante del metodo mafioso.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Furti in abitazione nel 2014, a Manfredonia 1.76 ogni 1.000 abitanti ultima modifica: 2014-12-24T12:12:56+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

  • Lo disse il giorno che prese il comando provinciale di Foggia, lo ricordo come fosse ieri:
    per me i carabinieri devono stare nelle strade, non nelle caserme.
    Ed è così che questo grande carabiniere che Foggia ha avuto l’onore e il piacere di conoscere

    ha avviato e realizzato il suo metodo, quello che io amo definire “il metodo Basilicata”, un metodo che oggi ha portato i suoi frutti, con una diminuzione complessiva dei reati.
    “Più presenti sulle strade e meno in ufficio” afferma oggi il colonnello Basilicata, come simbolo della efficacia e della efficienza del comando provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Foggia sotto il suo comando.

    Grazie, colonnello, grazie per l’immenso lavoro di cui godiamo degli effetti.

    Grazie e auguri, a Lei come a tutti i carabinieri che operano sotto il suo pregevole ed efficace comando.

    Buon natale, carabinieri e buon anno nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi