Stato prima
"La cosa fondamentale è che nessuno ha più alibi per non investire in Italia"

Jobs act, resta il reintegro. Renzi: ‘Rivoluzione’

"l'indennità in caso di licenziamento sarà pari a due mensilità per ogni anno di servizio, in ogni caso non inferiore a 4 e non superiore a 24 mensilita; il contratto a tutele crescenti varrà anche per sindacati e partiti"

Di:

Roma – “IL contratto tutele crescenti è una realtà, è un passo storico per il Paese. La cosa fondamentale è che nessuno ha più alibi per non investire in Italia e nessun imprenditore può dire che c’è in Italia un sistema che disincentiva la libera azienda. E’ una rivoluzione copernicana, solo l’ideologia o la malafede possono dire che non ci sia un grande passo in avanti”. Così il premier Matteo Renzi illustrando i decreti attuativi del Jobs Act, in conferenza stampa a termine del CdM.

PROVVEDIMENTI INTEGRALI CONSIGLIO DEI MINISTRI

“Si rovescia l’onere della prova e si semplifica il regime di flessibilità e contemporaneamente si danno più tutele a chi ne ha bisogno e più libertà a chi vuole investire”, ha aggiunto Renzi.

Riguardo ai contenuti, ha chiarito il premier: “Abbiamo deciso di non intervenire sull’opting out, sarebbe stato un eccesso di delega; ai licenziamenti collettivi è esteso lo stesso regime dei licenziamenti individuali; non è previsto il licenziamento per scarso rendimento; l’indennità in caso di licenziamento sarà pari a due mensilità per ogni anno di servizio, in ogni caso non inferiore a 4 e non superiore a 24 mensilita; il contratto a tutele crescenti varrà anche per sindacati e partiti”.

Renzi ha concluso la conferenza stampa ribadendo che: “In ogni caso il via libera è arrivato senza grandi polemiche in Cdm, se poi fuori c’è il gioco della parti va bene. Comunque – ha assicurato Renzi – il testo è aperto alle Commissioni parlamentare, siamo pronti a rivedere i nostri convincimenti: ma è un passo in avanti strepitoso”.

Redazione Stato

Jobs act, resta il reintegro. Renzi: ‘Rivoluzione’ ultima modifica: 2014-12-24T18:42:19+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi