FoggiaManfredonia

Firmato Protocollo d’Intesa per Piano sociali di Zona

Di:

Leonardo Lallo (immagine d'archivio)

L'assessore L.Lallo (immagine d'archivio)

Foggia – «OGGI cominciamo una stagione nuova di collaborazione e di riflessione sistemica sulle necessità e sulle prospettive strategiche della Capitanata. È un ulteriore tassello del mosaico che abbiamo cominciato a costruire con l’approvazione del “Patto per il lavoro”, che il Consiglio provinciale ha condiviso all’unanimità nell’estate scorsa». Così Leonardo Lallo, assessore provinciale alle Politiche Attive del Lavoro, nel presentare la firma del Protocollo d’Intesa relativo all’istituzione di un tavolo di concertazione permanente dedicato ai Piano Sociali di Zona di Capitanata, avvenuta questa mattina nella Sala Giunta di Palazzo Dogana. Presenti alla sottoscrizione del documento il presidente della Provincia, Antonio Pepe; l’assessore provinciale alle Politiche Sociali, Antonio Montanino; i segretari provinciali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl; il Direttore Generale dell’Asl Fg, Attilio Manfrini; Marialba Pugliese in rappresentanza dell’Ufficio Scolastico Regionale della provincia di Foggia; Angelo Irano in rappresentanza della società “Italia Lavoro SpA”; i referenti degli Ambiti Territoriali di Foggia, San Severo, San Marco in Lamis, Vico del Gargano, Manfredonia, Troia, Cerignola e Lucera.

Al tavolo di concertazione permanente sarà demandato il compito di monitorare ed omogeneizzare la realizzazione delle attività d’intervento dei singoli ambiti e delle attività progettuali sovra-ambito; di far emergere le criticità e i punti di forza tra gli ambiti e indirizzare gli stessi verso percorsi d’intervento condivisi, con particolare attenzione all’integrazione socio-sanitaria; di dare forza ad un’azione congiunta di tutela e promozione su scala regionale e nazionale degli interessi della provincia di Foggia. «Ringrazio tutti i sottoscrittori dell’accordo – ha sottolineato Lallo – perché attraverso questa intesa realizziamo un grande intervento di sistema in un settore delicato come quello delle politiche sociali del territorio. Nonostante l’approssimarsi della fine della legislatura abbiamo deciso, insieme, di scommettere sul ruolo di coordinamento esercitato dall’Amministrazione provinciale».

Integrazione ed inclusione sono le parole d’ordine della missione affidata al tavolo di concertazione, che secondo Angelo Irano «guarda con particolare attenzione alla futura programmazione delle risorse comunitarie. Bisognerà d’ora in poi lavorare per il raggiungimento di obiettivi specifici e non più generali – ha specificato Irano – per spendere bene e presto le risorse a disposizione di un territorio che “Italia Lavoro” considera un’area di sperimentazione per strategie innovative ed efficaci». Un plauso all’iniziativa è stato espresso anche dalle organizzazioni sindacali, secondo le quali «la firma di oggi segna un punto di partenza e non di arrivo dell’attività messa in campo sinora». «L’istituzione di questo tavolo rappresenta plasticamente il rilancio della politica di concertazione – ha detto il segretario provinciale della Cisl, Emilio Di Conza – alla quale continuiamo ad assegnare una valenza fondamentale per costruire le condizioni della ripresa economica e sociale».

«Una ripresa – ha aggiunto Marialba Pugliese – che non può non vedere in prima linea il sistema dell’istruzione e della formazione, perché è prima di tutto tra i banchi di scuola che si gettano le basi per il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi dell’inclusione e dell’integrazione sociale».


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi