Cronaca

Marò; Gen.Termentini: non condivido licenza natalizia

Di:

Marò pugliesi (st)

Foggia – FERNANDO Termentini è un Ufficiale Generale della Riserva dell’Esercito Italiano. Ha frequentato l’Accademia Militare di Modena. E’ laureato in Scienze Strategiche e nell’arco della sua carriera si è occupato di tutte le attività connesse con i vari gradi ricoperti come Ufficiale dell’Arma del Genio. Ha acquisito particolare esperienza nazionale ed internazionale nel settore degli esplosivi e della bonifica dei territori inquinati dalla presenza di mine ed ordigni bellici non esplosi. Attualmente fornisce consulenza nel settore della bonifica, si occupa di analisi di rischio connesso alla minaccia terroristica convenzionale e non ed alle problematiche tecniche operative dell’impiego degli IED (Improvised Explosive Device). E’ autore di numerose pubblicazioni e studi consultabili attraverso il suo sito www.fernandotermentini.it

Egregio Generale Termentini è quasi un anno che i nostri due fucilieri della marina Massimiliano La Torre e Salvatore Girone sono trattenuti in India, ma come è potuto accadere un avvenimento simile? Una domanda non semplice alla quale si può rispondere solo sviluppando un’ipotesi sulla base dei pochi elementi noti che hanno caratterizzato l’intera vicenda.

A tale riguardo credo che si possa affermare che i fatti hanno avuto origine da un errore iniziale sostanziale, quello di fare rientrare la nave in acque territoriali indiane ed in particolare sul porto di Koci. Un ordine impartito, per quanto noto, dall’Armatore dell’Erica Lexie che comunque, prima di decidere, si sarebbe consultato con la Difesa.

Un errore di valutazione a mio modesto avviso originato anche da una carenza normativa in quanto – per quanto noto – la Legge 130 dell’agosto 2011 ha sancito la presenza dei nuclei di protezione militare (NPM) su navi civili a rischio di attacchi di pirateria, ma non è stata seguita da decreti sottoscritti dai Dicasteri interessati (Difesa, Esteri, Marina Mercantile ed associazione Armatori), tali da regolare nel dettaglio la gestione di una possibile emergenza anche in deroga del Diritto di Navigazione. Un esempio fra tutti. La legge prevede che il Capo Nucleo NPM assuma la gestione delle operazioni militari conseguenti all’emergenza ma non gli assegna anche il ruolo, in deroga al Diritto Marittimo, della direzione, seppure limitata alla contingenza, delle manovre di disimpegno che la nave dovrebbe eseguire, in supporto all’azione di risposta militare.

Una volta accertate le vere intenzioni degli indiani e scoperto che con l’inganno avevano fatto tornare la nave come si sarebbe dovuto comportare il Governo italiano?

Avrebbe innanzi tutto dovuto “congelare” lo status della nave attraccata a Koci con un provvedimento estemporaneo quale ad esempio eleggere l’Enrica come ufficio distaccato dell’Ambasciata di Delhi conferendo alla petroliera extraterritorialità. Un provvedimento che sicuramente avrebbe trovato ostacoli da parte indiana ma che avrebbe imposto una decisione al Governo Centrale di Delhi unico deputato a decidere nello specifico e, comunque, avrebbe consentito di guadagnare tempo e sollecitare l’interesse della Comunità internazionale. Parallelamente, si sarebbe dovuto ricorrere immediatamente alla Corte Internazionale dell’Aia sottoponendo alla valutazione del Tribunale lo scorretto comportamento dei uno Stato Federale indiano (il Kerala), che di fatto stava esercitando diritti indebiti nei confronti di due militari di uno Stato Sovrano negando loro “l’immunità funzionale”. Un riconoscimento previsto dal Diritto Internazionale e dovuto a militari che stanno difendendo gli interessi e la sicurezza dello Stato di appartenenza. Una denuncia che rappresentasse anche l’inganno perpetrato dalla Guardia Costiera del Kerala nei confronti del Comandante, attraverso false comunicazioni, reato penale grave secondo il Diritto Internazionale Marittimo.

Quale doveva e poteva essere il ruolo dell’ambasciatore e del console italiani una volta che la nave era giunta a Kochi ? Sarò più chiaro Generale Termentini non dovevano cercare di tutelare i due cittadini italiani con tutti i mezzi che avevano a disposizione? E si può dare un ordine di consegnarsi alla polizia indiana a due militari che stavano in missione per conto del loro paese e della comunità internazionale?


Rispondo dalla fine della sua domanda. Credo che al momento dei fatti i rappresentanti ufficiali italiani presenti sul posto avessero l’obbligo prioritario di garantire a qualunque costo la massima tutela ai nostri militari. Quindi sono del parere che le Autorità diplomatiche italiane avrebbero dovuto porre in essere qualsiasi provvedimento anche eclatante per impedire o almeno ritardare la consegna dei due nostri cittadini.

Forse potevano essere compiuti atti formali di una certa rilevanza come interdire l’ingresso delle Forze di Polizia indiana sulla nave, anche interponendo la propria persona la cui sicurezza era peraltro garantita dall’immunità diplomatica propria del Console e dell’Addetto Militare i primi ad essere sul posto. Sicuramente azioni destinate ad avere una limitata efficacia oggettiva ma utili per richiamare l’interesse dei media internazionali, l’attenzione della NATO (articolo 4 della carta dell’Alleanza) e delle stesse Nazioni Unite.

Un esempio fra tutti. Qualcuno a livello istituzionale nel corso di questi 11 mesi ha affermato che l’accesso alla nave fu consentito perche gli indiani minacciavano una vera e propria azione militare con l’impiego delle forze di Polizia. Forse se sulla nave si fosse insediato tutto il vertice politico / militare della nostra rappresentanza diplomatica a Delhi, gli indiani avrebbero dimostrato maggiore cautela con una maggiore rispetto dei diritti di salvaguardia che le Convenzioni Internazionali garantiscono alle rappresentanze diplomatiche. Ha sorpreso il silenzio della stampa,ha sorpreso il silenzio del Presidente del Consiglio ha sorpreso il silenzio del Presidente della Repubblica e Capo delle forze armate Giorgio Napolitano, come se lo spiega Generale Termentini ?

Come cittadino e come ex Comandante mi sarei aspettato una conferenza stampa del Capo dell’Esecutivo che spiegasse alla Nazione cosa stesse accadendo e parole incisive e concrete del Capo delle Forze Armate non limitate a modeste e sporadiche espressioni di solidarietà espresse in occasione di ricorrenze nazionali importanti. Il Presidente della Repubblica ha, peraltro, in un’occasione lamentato le critiche di parte dei cittadini e poca azione propositiva. Personalmente, ma credo anche altri, ho fatto un’azione propositiva scrivendo due lettere. Non c’è stato alcun seguito né tantomeno risposta.

Se poi questo silenzio fosse invece motivato per la scelta di una “ragion di Stato di mantenere il low profile” nei confronti dell’India, non credo che Delhi si sarebbe adirata se il Presidente del Consiglio avesse dimostrato un certo interesse almeno formale per due cittadini in ostaggio di uno Stato Estero, né tantomeno se lo avesse fatto il Capo dello Stato e delle Forze Armate italiane nel pieno rispetto dei compiti a lui attribuiti dalla Costituzione.

Un altro gesto a sorpresa fuori da ogni logica è stata la visita natalizia dei nostri marò, e oltre a sorprendere ha sorpreso che nessuno si sia posto il problema di trattenerli in Italia,considerando le prerogative della Nostra Costituzione. Cosa ne pensa Generale?


La licenza natalizia, seppure comprensibilmente auspicata dai famigliari, personalmente non la condivido in quanto a mio modesto avviso ha presentato al mondo un’immagine dei nostri militari che non rispecchia la realtà. Personalmente non avrei accettato il beneficio e non lo dico “solo per parlare”, ma sapendo di cosa sto dissertando avendo trascorso dopo mesi di assenza da casa più di una festività di fine anno lontano dalla mia famiglia e dai miei figli e vivendo in aree ad alto rischio in quanto teatro di eventi bellici. Ciò premesso aver mantenuto la parola data credo sia stato pagante per riscattare un minimo di credibilità italiana in ambito internazionale. Forse sarebbe stato auspicabile un provvedimento di tutela nei confronti dei nostri militari richiamando i disposti Costituzionali che proibiscono la consegna di cittadini italiani ed anche non italiani presenti in Italia a Paesi che prevedono la pena capitale per i possibili reati contestati. Oppure una presa di posizione della magistratura italiana avocando a se il diritto di precedenza rispetto alla giustizia indiana, nell’accertare la responsabilità di due cittadini italiani nei confronti dei quali è aperto un fascicolo penale.

Peraltro l’accordo di far rientrare i due Marò in India era stato sottoscritto con un atto formale dell’Ambasciatore e del Ministro, quasi un impegno privato considerando i vincoli costituzionali e l’assoluta assenza di decretazioni o deleghe parlamentari.

E siamo arrivati al colpo di scena di questi giorni La Corte Suprema decide che la competenza non spetta alla Alta Corte del Kerala in quanto l’incidente è avvenuto in acque contigue a quelle indiane (uso il termine indicato dalla corte per parlare di acque internazionali) e decide che sarà nominato un tribunale speciale. Perché questo continuo palleggiamento Generale, cosa nasconde questa storia che non si può dire?

In tutta onestà affermare categoricamente cosa può nascondere o quali siano gli scopi reconditi che girano intorno a questa storia sarebbe un atto arbitrario privo di contenuti oggettivi e comunque azzardato. Si sta infatti parlando della vita e del destino di due servitori dello Stato e delle loro famiglie , per cui qualsiasi motivo rappresenterebbe il nulla assoluto.

Credo piuttosto che l’assenza di una voce europea, delle Nazioni Unite e della stessa Alleanza Atlantica abbiano indotto l’India a considerare l’Italia come un’entità sovrana di poco conto, molto meno importante rispetto alla influenza interna dello Stato del Kerala che ha sempre condizionato il Governo centrale di Delhi. Una situazione che reputo sia anche pregiudicata dall’influenza esterna di altri Stati molto legati all’India, come ad esempio l’Iran. In questi undici mesi si è varie volte anche parlato di interessi commerciali Italia / India che potrebbero aver influito negativamente sulla rapida soluzione della vicenda, non in ultimo quella in corso di 12 elicotteri dell’AugustaBell, offuscata da possibili tangenti in parte anche accertate, ma non credo che non sia un fattore dominante, ma solo forse condizionante la stampa nazionale.

Credo, invece, che il silenzio europeo ed in particolare quello della stampa estera possa essere in parte connesso ad interessi commerciali francesi. Una Francia che non vuole “innervosire” Delhi alla quale è in procinto di vendere aerei militari di ultima generazione.


Generale Termentini se fosse stato lei al Governo come avrebbe affrontato questa vicenda ? E se dovesse affrontarla ora cosa farebbe? Nel corso delle mie attività professionali ho sempre portato avanti con coerenza le mie scelte e non ho cercato mai a vantaggio dell’affermazione delle mie posizioni, di immedesimarmi in compiti non miei. Non lo farò nemmeno ora ma mi limito a dire con molta modestia che se avessi dovuto decidere io mi sarei esposto in prima persona denunciando al mondo l’atto arbitrario dell’India nei confronti dell’Italia, dimostrando la vicinanza morale a miei due concittadini in difficoltà e non limitandomi a poche, modeste sterili ed inconcludenti parole di circostanza come invece è avvenuto da parte di chi per mandato istituzionale avrebbe dovuto essere più incisivo.

Cosa farei ora a giochi fatti e con una situazione incancrenita è difficile dirlo. Allo stato attuale ogni soluzione avrebbe il 50% di probabilità di essere vincente piuttosto che perdente. Sicuramente cercherei di recuperare il terreno perduto sollecitando la Comunità internazionale ad impegnarsi insieme all’Italia e per l’Italia perché l’India concretizzi decisioni immediate per risolvere in tempi rapidissimi la vicenda.

Sicuramente eserciterei anche un pressing su 360 gradi sulla Comunità internazionale affinché prenda posizione contro la palese disattenzione indiana nell’applicare il diritto internazionale anche centellinando ogni possibile concessione sul piano dei concorsi militari nelle Missioni Internazionali e soprattutto per quanto attiene al supporto logistico chiesto recentemente all’Italia per agevolare le operazioni militari in corso nell’Africa Sub Sahariana contro le nuove cellule di Al Qaeda in Mali, nel Corno d’Africa ed in Libia.

(A cura di Alfredo D’Ecclesia)

Redazione Stato



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • Marco

    Il Generale Termentini è un grande uomo ,avrebbero dovuto farlo Ministro della difesa o degli esteri,e il caso con l’India non si sarebbe mai posto….


  • alfredo

    Hai ragione Marco il Generale Termentini è un grande uomo e mai per nessun motivo al mondo avrebbe abbandonato i suoi uomini.Altro che far tornare indietro la nave,o consegnare alla polizia indiana i nostri marò,solo dei governanti avulsi alle regole ,e alla Costituzione potevano fare una cosa del genere.
    Quello che gli italiani vogliono sapere è chi ha dato gli ordini,e da quando è iniziata questa vicenda non c’è un nome un responsabile…nonostante hanno sbagliato tutto sin dall’inizio e continuano a sbagliare….


  • Stefano

    Naturalmente condivido pienamente la posizione del gen. Termentini. Sono talmente disgustato dal comportamento dell’India e, ANCORA DI PIU’, dell’Italia in questa vicenda che ormai provo nausea solo a scriverne. Che vergogna per questa Italia cancellata come Stato sovrano agli occhi del mondo! La Lega Nord forse voleva distruggere il paese dal basso, ma sono invece riusciti i vari Napolitano, Monti, Terzi e Di Paola a distruggerlo con la loro vigliaccheria ed incompetenza dall’alto!


  • Nicola

    Il momento per far rumore è proprio questo, durante la loro campagna elettorale. Bellissima l’intervista di Alfredo d’Ecclesia al Generale Fernando Termentini, bisogna farla girare il più possibile, farla arrivare sui quotidiani nazionali, nelle trasmisioni televisive. Dopo aver letto l’articolo, io mi sento una persona più sicura, so che nel mio paese, ci sono persone come Fernando, appunto, che sono pronte e giocarsi fino a quel punto. Perchè lo fanno? Perchè hanno a cuore la nazione, perchè pensano che non riuscirebbero a guardare in faccia i loro figli o i loro nipoti, solo perchè non portano avanti i loro principi. Queste sono le persone di cui noi abbiamo bisogno, questa è la tempra di chi ci dovrebbe governare. Nicola Marenzi


  • Paolo

    Onore al Generale, un Uomo, come ce ne vorrebbero molti di più al giorno d’oggi, se vogliamo tornare ad essere un Italia con la I maiuscola. Persone con un Credo, come lo sono Max e Salvo, e NON meritano che questo stato li abbandoni!
    Max e Salvo, Liberi subito!


  • alfredo

    Stefano condivido quello che hai detto,e sono d’accordo con Nicola e Paolo in questo paese c’è bisogno di uomini veri…


  • Fancesco

    Il Gen.Trementini è stato chiaro nell’interpretare un po’di quello che hanno pensato molti italiani civili e o militari, ossia la staticità del Capo dello Stato Napolitano e dei vari Ministeri a tutt’oggi ancora interessati alla soluzione della vicenda e della scarsa attenzione della Comunità Europea. Per concludere questo dimostra sempre che siamo sempre impreparati a qualsiasi emergenza o evento che può accadere a noi italiani sia in patria che all’estero.


  • Nicola

    So benissimo che c’è molto molto scetticismo per questa vicenda, ma so anche che l’informazione che arriva agli italiani, da parte dei tradizionali mezzi di comunicazione (giornali e tv), non da il giusto peso che merita. Troviamo corretto che due militari ( e non mercenari) messi su quella nave dal nostro Governo (vedi decreto La Russa contro la pirateria sulle navi) debbano subire la mancanza delle decisioni Nazionali e Internazionali? Qui, secondo me, non è in gioco solo la sorte di due PERSONE italiane (che rischiano la pena di morte), ma ci giochiamo la nostra credibilità a livello internazionale. Una credibilità che non dovrebbe andare solo nella direzione economica, come l’ultimo Governo ha dispiegato forze a scapito delle nostre famiglie, ma anche dal punto di vista della politica estero-internazionale e della Difesa. Chiediamoci se ne vale la pena di investire su missioni Internazional, solo perchè ce lo chiede l’Europa, se non siamo in grado di garantire una tutela giuridica a chi poi in missioei ci va. Chiediamoci perchè una delle ultime trovate del Governo è quella di investire mglioni di Euro, su nuovi Aerei Caccia….


  • Marco

    Hai perfettamente ragione Nicola


  • Marco

    Fino a quando non ritornano in Italia Max e Salvo tutte le missioni internazionali andrebbero sospese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi