Cultura
Dopo “La lettera”, ecco il nuovo romanzo dell’autore e architetto foggiano

Michele Sisbarra racconta Marina

“Romanzo-verità” sui grandi sentimenti

Di:

Foggia. “Meravigliosa Marina, riuscirò a sedurre la tua anima”. Comincia così la nuova vita della protagonista: un appunto lasciato di nascosto da uno sconosciuto sul retro di un blocchetto color “verde oliva”, durante l’attesa di un treno diretto a Milano. La storia di Marina, l’amore che la riguarda, nasce lì, nelle prime pagine di questo romanzo-verità sui grandi sentimenti, scritto dall’autore e architetto foggiano Michele Sisbarra, tra i più letti e apprezzati in Capitanata, vincitore con Ti ho amata per sempre del Premio Giuria Golden Books Awards 2016. Sabato 28 gennaio, alle ore 18.30, lo scrittore presenta il suo nuovo libro, dal titolo Son’io, Marina (Il Castello Edizioni, 2016) nello spazio live della libreria Ubik di Foggia. A conversare con Michele Sisbarra, la docente Rosanna Spezzati, l’editore e giornalista Antonio Blasotta e l’attrice Rosa D’Onofrio.

Son’io, Marina (Il Castello Edizioni, 2016). Dall’introduzione al romanzo a cura dell’autore, intitolata “Prima di te, Marina”: Scusa, Marina, se non ho voluto una prefazione. Scusami se ho scelto di interpretare il tuo pensiero, le tue aspettative, la tua storia, ma ho immaginato che ogni lettore, nessun altro, potesse scrivere la sua prefazione solamente dopo aver letto il romanzo, in un intimo rapporto costruito pagina dopo pagina, vicenda dopo vicenda, sospiro dopo sospiro. Qualsiasi riflessione, lasciata prima del viaggio, avrebbe potuto rappresentare un filtro indesiderato, una strada già tracciata, una lettura di parte che avrebbe spinto inspiegabilmente il lettore a sentirsi disorientato. E, invece, no, nessun solco per chiunque avrà tra le mani questo libro e deciderà di leggerlo. S’incamminerà adagio per conoscerti, viverti, sentirti dentro. Costruirà un mondo intorno a te che io ho volutamente deciso di omettere. Sarà giudice, compagno, nemico, sarà quello che deciderà di essere. Ti amerà quando riuscirai ad affidargli il tuo cuore di donna, ti odierà se non sopporterà le tue scelte, ti abbraccerà quando avrai bisogno di un sostegno, ti volterà le spalle quando non condividerà il tuo senso della vita. Ma sarà lui, solamente lui, a scrivere la sua prefazione, leggendoti prima di addormentarsi, in viaggio verso il lavoro o comodamente seduto su una soffice poltrona, nel silenzio di una camera poco illuminata.
Sarai tu, solamente tu, Marina, a svelarti in queste pagine, poche per tracciare ogni minuto del tuo vivere, troppe per sostituirsi a uno sguardo che ‘canta’ storie infinite in un semplice batter di ciglia.

Michele Sisbarra. Architetto e docente, è autore di numerosi editoriali, romanzi e raccolte di poesie. Nel 2013 pubblica il suo primo libro, frutto della sua esperienza diretta in ambito sociale, dal titolo Piccole storie. Del 2015 è il libro La pace è un viaggio nella coscienza, mentre nel 2008 realizza la sua prima raccolta di poesie, dal titolo Gocce dell’anima, cui seguirà l’altra silloge Tracce di un viaggio, pubblicata nel 2010. L’anno dopo, per Il Castello Edizioni, per la prima volta si cimenta con il romanzo e pubblica il libro La lettera, particolarmente apprezzato da critica e pubblico. Nel 2012 torna ancora alla poesia con Ritrovarsi nel tempo, cui segue, nel 2013, A volte mi scopro. Con il romanzo Ti ho amata per sempre, pubblicato sempre per Il Castello Edizioni, vince il Premio Giuria Golden Books Awards 2016.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi