BAT
Sotto la direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani

Barletta, sequestrata area cantiere a ponente località “Pantaniello”

In quella occasione, un cittadino di Corato era stato denunciato a piede libero per danneggiamento

Di:

Barletta. I lavori anterosione avviati lungo la litoranea di ponente erano da qualche tempo entrati nel mirino delle Forze di Polizia di Barletta che avevano deciso di vederci chiaro, specie dopo che i Finanzieri della Stazione Navale di Bari erano intervenuti mentre veniva dato alle fiamme un escavatore della ditta che stava effettuando i lavori. In quella occasione, un cittadino di Corato era stato denunciato a piede libero per danneggiamento. Ora, sotto la direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani, il Gruppo Guardia di Finanza di Barletta, la Capitaneria di porto di Barletta ed il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri di Bari, ciascuno secondo le rispettive professionalità, stanno spulciando tra la ingente mole di documentazione dell’appalto che il Comune di Barletta ha aggiudicato ad una ditta locale.

In particolare i Finanzieri, i Carabinieri e la Guardia costiera stanno controllando che, in tutte le varie fasi dell’appalto, vi sia stato il rispetto del Codice degli Appalti, delle norme sulla sicurezza della navigazione marittima nonché di quelle sull’inquinamento ambientale. E proprio partendo da quest’ultimo tema, che quest’oggi la Polizia Giudiziaria delegata dall’Autorità giudiziaria di Trani ha effettuato un controllo all’atto della ripresa dei lavori in cantiere, ove era stata segnalata la presenza di due escavatori in opera nell’effettuazione lavori di movimentazione terra per il consolidamento delle barriere soffolte. Alla richiesta di esibire la documentazione necessaria per l’esecuzione dei lavori, in particolare il “piano di utilizzo” previsto dall’art. 5 del D.M. 161/2012 per la fornitura e posa in opera di pietrame da cava, la ditta operante non è stata in grado di fornire alcun supporto documentale.

Pertanto, si procedeva al sequestro dell’intera area di cantiere per la movimentazione ed utilizzazione di materiale da scavo, senza il “Piano di Utilizzo”, in violazione di norme ambientali (art. 6-7 D.M. 186/06, degli artt. 184 bis del D.Lvo 152/06, nonché dell’art. 41 bis del D.L. 69/2013).

Barletta, sequestrata area cantiere a ponente località “Pantaniello” ultima modifica: 2016-02-25T11:00:42+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi