Editoriali
I Giudici illustrano le criticità negli accertamenti delle entrate e nella gestione dei residui attivi

Corte Conti, gravi irregolarità nei bilanci del Comune di Brindisi

Complicanze si riscontrano nelle procedure di riconoscimento dei debiti fuori Bilancio

Di:

Bari. La Corte dei Conti, sezione Puglia, rileva “gravi irregolarità” nei confronti del Comune di Brindisi per gli esercizi finanziari 2012-2013. Situazione che può pregiudicare gli equilibri economici dell’Ente. I Giudici illustrano le criticità negli accertamenti delle entrate e nella gestione dei residui attivi,il ricorso continuo all’anticipazione di tesoreria e lo scoperto di tesoreria nel 2014,difficoltà nella riscossione degli incassi sia in competenza che a residuo. E quindi la mancata esatta indicazione della consistenza dei debiti liquidi ed esigibili rivenienti dagli esercizi riguardanti l’anno 2015, non ancora liquidati,con violazione dei parametri di deficitarietà. Di particolare rilievo le problematiche inerenti alla conduzione del Bilancio comunale, in relazione alle perdite della società partecipata Multiservizi srl e Servizi Farmaceutici srl. Complicanze si riscontrano nelle procedure di riconoscimento dei debiti fuori Bilancio, a favore delle aziende partecipate dall’Amministrazione comunale, soprattutto in merito alle operazioni di ricapitalizzazione e di copertura delle perdite delle società di dubbia regolarità.

La Corte, presidente Agostino Chiappiniello e relatore Rossana De Corato, dispone che il Comune provveda a trasmettere,in contradditorio con il Collegio dei Revisori, la posizione di cassa e l’importo dei debiti e l’eventuale scoperto di tesoreria al 31 dicembre 2015. Entro sessanta giorni il Comune deve adottare tutti i provvedimenti richiesti dai magistrati.

(A cura di Nino Sangerardi, autore del testo ‘Quello che i pugliesi non sanno’)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This