Politica
“La giornata di oggi resterà nella cronaca di questa legislatura. E nella storia del nostro Paese”, commenta su Facebook Matteo Renzi

Senato approva Unioni civili. Renzi: ha vinto l’amore

"Abbiamo legato la permanenza in vita del Governo a una battaglia per i diritti, mettendo la fiducia"

Di:

Roma. Con 173 voti favorevoli, ok del Senato alle unioni civili, arrivano i diritti che non c’erano.

“La giornata di oggi resterà nella cronaca di questa legislatura. E nella storia del nostro Paese”, commenta su Facebook Matteo Renzi. “Abbiamo legato la permanenza in vita del Governo a una battaglia per i diritti, mettendo la fiducia. Non era accaduto prima, non è stato facile adesso. Ma era giusto farlo. Leggo critiche, accuse, insulti. Rispetto tutti e ciascuno, dal profondo del cuore. Ma quel che conta è che stasera tanti cittadini italiani si sentiranno meno soli, più comunità. Ha vinto la speranza contro la paura. Ha vinto il coraggio contro la discriminazione. Ha vinto l’amore. Se come minaccia qualcuno, io andrò a casa perché “colpevole” di aver ampliato i diritti senza aver fatto male a nessuno, lo farò a testa alta.
Perché oggi l’Italia è un Paese più forte. Perché oggi siamo tutti più forti”, conclude il premier.

Diritto alla reversibilità della pensione
Diritto all’eredità, compresa la legittima. Subentro dei contratti e diritto di accesso alle graduatorie delle case popolari
Diritto al mantenimento e agli alimenti, obbligo di assistenza morale e materiale
Diritto al congedo matrimoniale e agli assegni familiari
Diritto alla cura e alle decisioni sulla salute in caso di incapacità
Diritto di assumere il cognome di uno dei partner
Diritto di concordare l’indirizzo della vita familiare e di stabilire una residenza comune

Redazione Stato Donna.it



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • stella del nord

    Fai , fai che le conseguenze si vedranno.questa e’ l’inizio della fine.sciagura sul nostro povero paese.ma chi ci comanda? E’ giusto che dei dittatori massoni devono decidere per tutti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This