ManfredoniaStato news
"La situazione viaria cittadina è peggiorata, negli ultimi tempi, nonostante il giro di vite messo in opera dagli organi di controllo"

Manfredonia, “Viabilità ancora a rischio: servono più agenti. Stop maleducazione”

"Trovare delle strisce immuni al "parcheggio selvaggio" è impossibile, così come attraversare certe zone della città se si è minorenni od anziani"

Di:

Manfredonia. ”La situazione viaria cittadina è peggiorata, negli ultimi tempi, nonostante il giro di vite messo in opera dagli organi di controllo, seguito agli innumerevoli articoli ed alle vibranti proteste dei cittadini. Vigili urbani, Polizia e Carabinieri ce la mettono davvero tutta, ma non ce la fanno: sono sottodimensionati rispetto agli evidenti problemi della nostra città.

Come ci si muove in città?

Facendo lo slalom tra scooters e moto impazzite, a bordo dei quali si possono individuare da una a tre persone, tutte senza casco; piloti sprovvisti di patentino, a bordo di mezzi con fanali colorati in modo diverso da come ordina il Codice, e con marmitte che superano i decibel dei più comuni aviogetti. A ciò si aggiunge la crescente maleducazione dei cittadini, d’ogni età, che si credono ormai autorizzati a parcheggiare in doppia e tripla fila, a non usare le frecce, ad invertire la direzione di marcia come e quando vogliono.

E se si è a piedi? Le cose non migliorano, anzi…

Trovare delle strisce immuni al “parcheggio selvaggio” è impossibile, così come attraversare certe zone della città se si è minorenni o anziani. Bisogna essere “abili ed arruolati”, con una buona preparazione fisica per sperare di restare incolumi tra le strade della nostra città. Sono ancora sotto gli occhi di tutti gli incidenti, anche mortali, avvenuti negli ultimi anni a bambini ed anziani che a bordo di motorini o a piedi, hanno trovato la fine dei loro giorni a causa di sconsiderati piloti, lasciati liberi di circolare grazie al loro immacolato curriculum penale.
Gli organi di controllo non riescono a tutelare il cittadino da un continuo flusso d’infrazioni, perché devono anche occuparsi dell’ordine pubblico, del controllo del territorio, dell’osservanza della legge, degli altri reati commessi, e dei lavori d’ufficio, tutte occupazioni che richiedono molto tempo, ed allontanano dal controllo della viabilità. È evidente, a questo punto, che lo Stato deve intervenire per integrare il numero degli agenti presenti, sia per permettere un controllo totale del territorio da della Polizia, sia per agevolare il lavoro degli stessi agenti, con un alleggerimento dei turni, ormai troppo “stretti””.

(A cura di Antonio Beverelli, Manfredonia 25.03.2016)



Vota questo articolo:
13

Commenti


  • keoma

    Facessero funzionare quelli già esistenti, che bastano e avanzano!


  • napi

    Servono le multe e serve che poi l’amico politico di turno non le faccia togliere. Il corpo della polizia municipale dovrebbe mantenersi da solo coi proventi del suo stesso lavoro fatto bene. Al nord la gente teme più i vigili che polizia e carabinieri. Basterebbero le multe di una settimana in via della croce a pagare gli stipendi di un mese


  • Povera Manfredonia

    Alcuni giorni fa in quella zona, viale aldo moro, erano presenti i vigili come deterrente…ma a Manfredonia questo non funziona! non ci vuole un deterrente ma bensì una punizione! ben vengano raid di vigili a fare multe!!! dopo un mese e più di raid nelle varie zone di Manfredonia penso che i maleducati diminuiscono!!!


  • svolta

    Cosa Sarà la quantità ….. o la qualità, che serve ?


  • ezio

    Sul viale Aldo Moro è incredibile, i vigili guardano con inaudita accondiscendenza che parcheggino in zona vietata, ma non basta, pure in doppia fila, e con un colpo d’occhio di intesa con gli automobilisti che vengono assicurati che non saranno sanzionati. A cosa servono altri vigili?


  • ezio

    I vigli bisogna assumerli dal collocamento di Milano.


  • Stella

    Solo con le multe ai civilissimi cittadini con cane al seguito si sanerebbe il deficit di bilancio del Comune.


  • antonio


  • Zuzzurellone Sipontino

    Abbiamo tutti riconosciuto quel tratto di marciapiede. Basta controllare i filmati delle telecamere di sorveglianza della banca e vedere se le pattuglie dei vigili in auto e/o i vigili a piedi che vi sono transitate, con macchine ferme in divieto, di sosta e fermata, non elevano multe. Sindaco, quante multe sono state lelevate in quel tratto di strada negli ultimi 5 anni?


  • CROCE & Delizia

    Avete mai visto in TV “Rimozione forzata” ? A Manfredonia servirebbe quella. Una semplice segnalazione telefonica e arriva il carro attrezzi che te la porta via; se ti trovi sul posto paghi l’arrivo del carro attrezzi altrimenti te la vai a riprendere al deposito con tutte le spese. Di sicuro andrebbero tutti a piedi e ci sarebbe meno caos e inquinamento!


  • Alf

    Tutti, questi scienziati che emettono sentenze è evidente che non sanno di cosa parlano o peggio sanno ma sono in malafede. Guardevi i numeri e poi ne riparliamo!


  • Antoninovergura

    D’accordo con il commento di Alf.
    Guardiamoci intorno, e vediamo chi sono gli infrazionisti.
    In genere, ci conosciamo un po’ tutti, cosi’ certi caproni appartenenti ad alcuni ceppi familari che non basterebbe nemmeno un trapianto di cervello o di cellule staminali, per far cambiare determinati comportamenti da menefrechista.
    Sfido chiunque che non abbia parcheggiato, anche un solo minuto in quel punto per andare in banca o al tabaccaio, ma in quel tratto, se si parcheggia adiacente al marciapiede, con provoca nessun intralcio alla circolazione.
    Il problema, si crea quando si presenta il mongoloide di turno che lascia la macchina in doppia fila, o di traverso.
    Comunque resto dell’avviso che la vera colpa di tutto questo dipende dal nostro comportamento e grado di civilta’ , e non ci vuole l’esercito per insegnarci a rispettare il prossimo e l’ambiente in cui viviamo.


  • Franco

    Le contravvenzioni fanno perdere voti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi