CronacaSan Severo

“Rifiuti, i vertici della Safab condannati per corruzione”


Di:

San Severo. ”Continua a inquietarci il nuovo colpo di scena nella vicenda SAFAB/SAGEDIL, soggetto promotore dell’impianto di smaltimento di rifiuti a San Severo, avallato dall’amministrazione Miglio/Sderlenga/Damone. E’ disdicevole che il sindaco Miglio, in sciopero della fame e che ritira premi per la LEGALITA’, si sieda candidamente a fianco di personaggi che scopriamo condannati per corruzione aggravata. (…) così come riportato dalla sentenza della Corte di Cassazione (..).

In una vicenda in cui, certamente, Miglio non ha brillato per trasparenza politica, anzi ha tenuto colpevolmente all’oscuro città e consiglio comunale, invitiamo fortemente il sindaco a dare seguito a quanto dichiarato in conferenza stampa, circa la sua disponibilità a dimettersi ed a restituire il mandato nelle mani degli elettori. Tale richiesta scaturisce dalla consapevolezza che, nella migliore delle ipotesi, siano incapaci di valutare gli interlocutori con cui costringono la città a trattare. Chiediamo altresì ai signori consiglieri della maggioranza
Antonio Carafa, Florio Loredana, Cota Felice, De Lallo Luciana, De Vivo Arcangela, Bocola Armando, Cafora Sandra, Stornelli Antonio, Prattichizzo Roberto, Florio Giovanni, Cataneo Ciro, Tardio Annalisa, Bubba Antonio, Spina Maurizio di non rendersi complici di un tale scempio e di prendere posizione con un gesto di responsabilità politica”.

(FORZA ITALIA
UDC
DIREZIONE ITALIA NOI CON SALVINI
FRONTE NAZIONALE
ALLEANZA DI CENTRO)

“Rifiuti, i vertici della Safab condannati per corruzione” ultima modifica: 2017-04-25T10:54:05+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi