EconomiaManfredonia
"Bisogna però lavorare di più - conclyude. Proporre servizi ad hoc"

La “Bolkestein” mette a rischio il commercio su aree pubbliche”

Sulla scadenza di maggio 2017 delle Concessioni del Commercio su Aree Pubbliche interviene il presidente provinciale dell’ANVA Confesercenti

Di:

Bari. Sulla scadenza di maggio 2017 delle Concessioni del Commercio su Aree Pubbliche interviene il presidente provinciale dell’ANVA Confesercenti, Luigi Rodelli, che dichiara: «Per i titolari di commercio su aree pubbliche è indispensabile prepararsi, sin d’ora, per concorrere alle assegnazioni delle nuove concessioni che sostituiranno inderogabilmente quelle in scadenza. Le attuali concessioni entro il mese di maggio del 2017 saranno assegnate attraverso bandi pubblici che le singole Amministrazioni Comunali dovranno predisporre a breve. I criteri di assegnazioni, in base a quanto definito dalla Conferenza Stato, Autonomie Locali e Associazioni di Categoria saranno: professionalità; attrezzature e merceologie; regolarità della posizione dell’impresa».

Premesse che danno la stura ad altre osservazioni. «Sostanzialmente – continua Rodelli – gli attuali operatori del Commercio su aree Pubbliche potranno garantirsi la priorità nel rilascio delle nuove concessioni per i prossimi 12 anni solo se riusciranno a far confermare alle Regioni i criteri proposti dalle Associazioni di Categoria». Il tutto per l’entrata in vigore della “Bolkestein”. «Direttiva che all’ANVA non è mai piaciuta», precisa il presidente provinciale ANVA. «Abbiamo fatto di tutto perché non venisse applicata al nostro settore. Ma la “Direttiva Europea Servizi”, recepita dal Governo Italiano nel 2010 impedisce e vieta ogni automatismo nel rinnovo delle concessioni per il commercio su aree pubbliche. Partendo da tale vincolo, abbiamo poi agito per fare in modo che ai titolari delle attuali concessioni di commercio su aree pubbliche fosse comunque garantita la priorità nel rilascio delle concessioni da rinnovare. Dal 2017 per altri 12 anni e per altri 12 anni ancora se le Regioni confermeranno le priorità concordate. Avevamo di fronte due strade. Fare la ‘rivoluzione’ o agire nel rispetto della legge ricercando le maggiori tutele. Abbiamo scelto la seconda strada».

Rodelli, il Presidente della più prestigiosa Associazione di Operatori su Aree Pubbliche tra le più rappresentative al livello Provinciale, Regionale e Nazionale, sostiene che «chi è già titolare di concessioni sarà super tutelato. Ma c’è ancora chi vuol negare, cancellare, annebbiare questo risultato. Ognuno è libero di agire come ritiene, ma noi dell’ANVA abbiamo il dovere di informare, spiegare e far comprendere anche ai facinorosi che ci accusano come stanno le cose». «Bisogna però lavorare di più – conclyude. Proporre servizi ad hoc. Stroncare la cattiva informazione. Essere presenti. E’ questo faremo. Da qui al 2017 un lavoro intenso, capillare che ci deve vedere sempre a fianco dei nostri colleghi, anche quelli che ci criticano».



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • MICHELE

    per i prodotti della pesca e quelli caseari freschi, la vendita dovrebbe essere consentita solo in ambiente salubre e non in mezzo alle strade o nei mercati rionali.
    attualmente tutto è a rischio colera.
    abbiamo leggi che tutelano il consumatore, leggi severissime ed efficaci ma disattese e quasi zero controlli sanitari.
    ambulanti zero controllo.

  • A quanto pare La “Bolkestein” mette a rischio tutti quei lavori di piccole imprese individuali. ma quando si tratta delle piattaforme per estrarre il petrolio (anche loro hanno una concessione) gli si da la licenza a vita. Mi sa tanto che si usano due pesi e due misure. Questo non va bene, non è equo.


  • Ivano Zonetti

    Avevate due strade da prendere naturalmente no la rivoluzione quale strada avete intrapreso?? Quella più proficua x voi i bandi tante domande tanti €uri nelle vostre casse bravi bravi comunque la categoria tutta scenderà in piazza x fine settembre 2016 x l’uscita è solamente x l’uscita da questa maledetta direttiva europea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This