Foggia
Claudio Rossi Marcelli: una storia felice

“Aspettando il Puglia Pride”: libro del giornalista di Internazionale

Lunedì 29 giugno, ore 19, Piazza U. Giordano di Foggia (libreria Ubik)

Di:

Foggia – “Non c’erano modelli da indicare ai nostri genitori per spiegargli: ecco, io sono come loro. Gli unici modelli di riferimento che avevamo eravamo noi stessi”. Claudio Rossi Marcelli, scrittore e giornalista di Internazionale, racconta la sua storia nel libro E il cuore salta un battito (Mondadori, giugno 2015). Si torna a parlare di libri, di amori e di diritti: Roma, la vigilia degli anni Duemila, la formazione affettiva di due giovanissimi che si innamorano e fanno i conti con una città che ancora non ha spazio per loro. Lunedì 29 giuno alle 19.00, in Piazza Umberto Giordano, all’aperto, l’autore incontra i lettori della libreria Ubik, per un incontro organizzato insieme con il coordinamento del Puglia Pride, come momento di avvicinamento della parata che quest’anno avrà come tappa conclusiva (il 4 luglio prossimo), proprio la città di Foggia. L’incontro – spin off di Leggo Qu!ndi Sono – rientra nel cartellone Foggia Estate, calendario di eventi culturali patrocinato dal Comune di Foggia e dall’Assessorato alla Cultura. Converseranno con Claudio Rossi Marcelli: Salvatore D’Alessio (libreria Ubik), Valentina Vigliarolo (coordinamento Puglia Pride) e Giuseppe Maffia (Famiglie Arcobaleno).

E il cuore salta un battito (Mondadori, giugno 2015; collana: Strade Blu; 228 pagine; 19 euro). «”Ormai non ti scappo”: fu così che Manlio mi salutò a fine serata, qualche ora dopo che ci eravamo conosciuti. E anche se ero già cotto di lui, questa sua uscita non me l’aspettavo proprio. Nella mia testa frullava di tutto: e adesso che faccio, lo bacio?». Roma, giugno 1996, lo struscio del venerdì sera, piazza Ungheria. Camuffato all’interno di un’uscita di gruppo, c’è un appuntamento combinato. I due ragazzi si sorridono, si piacciono. Ma se a vent’anni la passione può esplodere facilmente, poi però passa con altrettanta rapidità: la storia tra Claudio e Manlio non sopravvive neanche all’estate. Eppure nell’istante in cui si dicono «restiamo amici» comincia a nascere tra loro qualcosa che li coglierà di sorpresa: l’amore di una vita. Dal primo appuntamento alle pause di riflessione, passando per le notti abbracciati, i tradimenti, la gelosia: potrebbe essere la storia di tanti altri ventenni, ma nel 1996 le giovani coppie omosessuali che vivono il loro rapporto alla luce del sole sono poche. «Non c’erano modelli da indicare ai nostri genitori per spiegargli: ecco, io sono come loro. Gli unici modelli di riferimento che avevamo eravamo noi stessi: bisognava convincere tutti che la nostra vita sentimentale sarebbe stata uguale a quella degli altri, e prima ancora dovevamo convincercene da soli.» E il cuore salta un battito è l’istantanea di quel momento magico, tra i venti e i trent’anni, in cui si vive in balìa delle emozioni ma, al tempo stesso, senza rendersene conto, si gettano le basi della propria vita. Parallele alla vicenda dei due protagonisti ci sono le esperienze sentimentali dei due più cari amici di Claudio: Susanna, rovinosamente sconfitta nel tentativo di preservare la verginità fino al matrimonio, e Alberto, convinto che l’avvento delle chat sarà la sua salvezza. Intorno a loro c’è la Roma degli anni Novanta, con i locali e le mode del momento, e gli sforzi del movimento lgbt italiano di uscire dall’ombra, culminati nel World Pride del 2000 e nel successo di Muccassassina. Il tutto immerso nella colonna sonora dei successi musicali dell’epoca. Con ironia e tenerezza, Claudio Rossi Marcelli alterna momenti divertenti e personaggi grotteschi a passaggi di riflessione e grande profondità. E mentre in Italia divampa il dibattito sull’omofobia, il matrimonio gay e l’adozione da parte di coppie dello stesso sesso, questo libro riporta la questione all’origine: le persone sono persone e quando ci si innamora ci si innamora. Le dinamiche e le emozioni in gioco sono le stesse. Claudio Rossi Marcelli, che ha sposato Manlio e ha creato con lui una numerosa famiglia, trasforma la semplicità dei primi baci, dei tira e molla, o dell’estenuante attesa di una telefonata in uno strumento per riflettere su grandi temi sociali. E per far rivivere al lettore i propri anni spensierati attraverso il racconto dei due giovani protagonisti.

Claudio Rossi Marcelli. Giornalista, ha collaborato con varie testate per adolescenti occupandosi di musica, cinema, tecnologia. Dal 2003 fa parte della redazione del settimanale «Internazionale» dove, fra l’altro, scrive le rubriche «Le regole» e «Dear Daddy», e nel 2011 ha pubblicato il libro autobiografico Hello daddy!. Vive a Copenaghen con il marito e i loro tre figli.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi